10°

23°

Fotografia

"I semi, la vita e la morte"

"I semi, la vita e la morte"
Ricevi gratis le news
0

Mariagrazia Villa

Chinarsi sulla morte, mentre lascia il passo alla vita. Ma chinarsi molto. Scendere all’altezza vertiginosa dei semi. E concentrarsi. Ma concentrarsi a lungo, con pazienza e penetrazione. Registrando ogni più piccolo cambiamento. Perché se vivere è una caccia agli istanti che muoiono, l’ultimo progetto fotografico di Luigi Bussolati, per non dire la sua intera opera, è una caccia grossa.
S’intitola «Seminarium» ed è un intenso e commovente lavoro sulla grammatica del sorgere nel cessare: esposto nelle sale del TPalazzo a Parma, sta riscuotendo un grande interesse di pubblico e di critica (fino al 26 settembre; dalle 8 alle 21, tutti i giorni; ingresso libero). Concepita e organizzata dal grande fotografo colornese, uno dei nomi più originali della scena nazionale, in collaborazione con TPalazzo e Macro-Servizi per la comunicazione, quest’esposizione presenta una ventina di immagini, tra semi e fiori. La maggior parte inedite, ma alcune già apprezzate e pubblicate nel volume «Oltre gli Ogm», curato dal Barilla Center for Food & Nutrition nel 2011, nel catalogo del XXII Premio Compasso d’Oro Adi e nell’ultimo numero della rivista «Interni». «Alcuni semi sono su fondo bianco perché si trovano in una sorta di limbo, ossia nello stato di dormienza, in attesa che si verifichino le condizioni favorevoli al loro sviluppo», spiega l’autore, classe 1963, un diploma al Centro Riccardo Bauer di Milano, anni di reportage sociale e di fotografia di scena per varie produzioni cinematografiche, televisive e teatrali, prima di approdare alla comunicazione d’impresa, all’editoria di qualità e, soprattutto, a quella fotografia di ricerca che per lui è il tempo dell’essere. «Gli altri semi sono su fondo nero, invece, perché stanno già germinando e cominciano la loro esistenza nell’ignoto: non tutte le ghiande diventeranno quercia...».
Ecco, allora, le viscere tenere, ma pervicaci di un noce, mentre rompono il guscio. La sensualità viola e magnetica di una peonia, mentre ancora riposa nel suo orizzonte. La vitalità quasi animale di un legume, che si espande con zampe sottili. Il diafano embrione di una vite, mentre il futuro è solo un piccolo punto che vorrebbe danzare. «Questa ricerca è nata dal desiderio di stare davanti alla vita e alla morte insieme, situazione che mi affascina da sempre perché è alla base di ogni manifestazione fenomenica. Il fatto che il seme debba morire per portare molto frutto è una legge naturale, prima ancora che una verità spirituale...». 
Così, dopo aver messo in luce le grandi opere dell’uomo, come tunnel e dighe, dal 2005 Bussolati è tornato alla natura. Attento, aperto e vuoto. Con quella mente umile con cui, secondo Constable, ogni artista dovrebbe andar per campi. «Qui ho iniziato a camminare e osservare, due attività da fotografo, e a raccogliere semi, o già germinati o da far germinare nel mio studio. In loro, e ringrazio Corrado Zanni dell’Università di Parma, tutti gli Amici dell’Orto Botanico e Alessandro Vitale dell’ufficio Verde pubblico del Comune per avermi aiutato, ho trovato la contemporaneità dei due aspetti che volevo rendere visibili: la decomposizione del seme che si annulla e l’affermarsi del germoglio che cresce». Una metafora che, dal regno vegetale, risale alla coscienza: il vecchio sé che si trasforma per far posto al nuovo. «Ho una creatività che segue sempre il mio percorso personale, perché mi permette di stare a contatto con simboli che servono alla mia stessa evoluzione esistenziale».  E se il seme è la materia che si dissolve perché l’energia possa proseguire, il fiore, naturale prosecuzione del seme, è la materia che si schiude al mondo e lo attira all’interno, in una spirale di profondità, peso e fragranza. E questo vedere, con percezione vergine, ciò che tutti noi calpestiamo ogni giorno, facendo il vialetto di casa, è illuminare una bellezza sconosciuta. Folgorante ed effimera. E in questa emozione estetica del flusso, c’è la vera gioia. Perché è solo grazie all’impermanenza, a quel concetto buddista su cui Bussolati lavora da sempre, che la porta del mutamento rimane aperta e noi possiamo diventare gioiosi. «Ogni cosa è impermanente, e quando si comincia a osservare ciò, con comprensione profonda e diretta esperienza, allora ci si può distaccare dalla sofferenza...». E ogni esistenza, ci insegnano questi scatti, andrebbe vissuta come un mandala tibetano. Far crescere meravigliose opere di sabbia che, in un istante, verranno spazzate via da qualche carezza. E non c’è rimpianto o dispiacere. Nel vuoto, resta la sinopia della gioia. E altra - poiché nulla permane - potrà ancora venire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

3commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

1commento

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

2commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno