20°

San Secondo

Zakaria, il commovente album di ricordi che gli ha dedicato la sua scuola Foto

post Zakaria
Ricevi gratis le news
1

Ci sono i ricordi dei grandi - i suoi "prof" - e ci sono quelli di chi grande avrebbe voluto diventare - anno dopo anno, esperienza dopo esperienza - insieme a lui, Zakaria.

E' un album di foto e pensieri commoventi quello che l'Itis Galilei ha dedicato sulla sua pagina Facebook al 17enne morto annegato nel Po nel tentativo di salvare l'amico Mor Talla. Eccolo. 

________________________________

Ti ho sempre chiamato Zak, anche se entrambi sapevamo che non era troppo professionale, che accorciava le distanze. Ma era il mio modo di dimostrarti che, nonostante la tua frequente indolenza, apprezzavo la tua gentilezza, il tuo sorriso aperto e soprattutto la tua curiosità. Vedere il ciuffo nero che si sollevava, sempre e rigorosamente dall'ultima fila, significava per me aver catturato la tua attenzione e aver stuzzicato la tua curiosità. Si, eri curioso, ti interessava scoprire "i tesori dal naufragio dell'Incredibile" o vedere i video dei primi grandi flash mob o le vignette su Trump e Kim Jong-un. E la curiosità va stimolata e coltivata, perché è il primo passo verso l'apertura, la spinta naturale che porta alla conoscenza e cancella i muri tirati su dalla diffidenza, dalla paura di ciò che si ignora. E' ingiusto e crudele che il tuo viaggio sulla terra sia durato così poco. So che ognuno dei tuoi compagni ti porterà nel cuore, come me, che ti penserò ogni volta che un ciuffo nero si solleverà dall'ultima fila. Avrei voluto salutarti con una frase di Cesare Pavese, come incoraggiamento. Ora purtroppo la userò come frase di commiato. "Quale mondo giaccia al di là di questo mare non so, ma ogni mare ha un'altra riva, e arriverò." Buon viaggio Zak.
________________________________

Ciao Zakaria,
la tua scomparsa mi lascia stordita, senza parole.
E penso a te che in questi due anni, in classe, facevi fatica a star zitto e al tuo dinamismo coinvolgente...
E penso soprattutto ai tuoi occhi neri brillanti e al tuo sorriso accattivante che immediatamente facevano risaltare la tua grande intelligenza, la tua voglia di vivere, di divertirti, di creare legami, di "esserci".
Caro Zakaria, la vita come la morte sono avvolte dal mistero, ma quello che conta è che tu hai lasciato dei segni, non hai vissuto invano.
Grazie per il tuo insegnamento e per la tua grande generosità, come dice S. Exupéry nel Petit Prince "On ne voit bien qu'avec le coeur. L'essentiel est invisible pour les yeux”.
Ton prof de français.

________________________________

Carissimo Zakaria, è stato bello averti fra i miei alunni. Lo sei stato per un tempo troppo breve, però.
Ricordo un ragazzo interessato, vivace, intelligente. Mi piaceva il tuo desiderio di capire, di volersi rendere conto delle cose, a partire dai voti: non hai mai esitato a chiedere spiegazioni se qualche giudizio non ti era chiaro… spero di averti fornito tutta la chiarezza che desideravi.
Era bella la passione che mettevi nelle cose: come quando abbiamo passato tutti insieme quella bella giornata a Torino, per la visita al Museo del cinema. Eravate state suddivisi in gruppi, e ognuno, in un gioco di ruolo che vi voleva far sperimentare e scoprire gli ingranaggi dell’industria cinematografica, ha proposto il soggetto di un film, ha preparato un piano di produzione ipotizzando costi e scelte. Un giudice implacabile – il produttore- valutava poi il vostro progetto. Con che veemente passione hai difeso la vostra idea per un film horror – forse un po’ senza capo né coda – e come ci sei rimasto male quando è stato proclamato vincitore un altro gruppo! 
Ancora, hai mostrato la tua passione e competenza quando hai illustrato ai tuoi compagni i “cinque pilastri” della tua religione, l’Islam, approfondendo un argomento che stavamo affrontato in Storia. Approfondimento che mi hai fatto un po’ sospirare – non era mai pronto! – ma che poi credo sia stato importante e utile per tutti.
La tua intelligenza (nel senso etimologico della parola… “intus legere”, comprendere andando dentro, in profondità ) traspariva anche dalle discussioni che inframezzavano le nostre lezioni di analisi del periodo o di comprensione del testo poetico. La lettura di articoli di giornale della Gazzetta o del Corriere della sera ha fatto nascere vivaci scambi di opinione, e tu non hai mai mancato di esprimere il tuo parere. Forse talora lo hai fatto in modo un po’ troppo rude e immediato, ma hai sempre dato un contributo prezioso.
Grazie Zakaria. Faremo di tutto perché quello che ci hai insegnato con la tua presenza nel quotidiano, ma anche con il gesto straordinario che hai compiuto ieri e che ti è costato la vita, non vada perduto.

________________________________

Veramente incredibile. Tu sei incredibile e lo è anche quello che è successo. Eviterei le solite cantilene, ma è inevitabile sottolineare quando tu fossi speciale, per me soprattutto.
Quando ci avevano dato la notizia che sarebbe arrivato un nuovo compagno in classe, a ottobre del lontano 2016, ero quasi scocciata: era già una vittoria essere passata per una ragazza simpatica e non polemica (che è la nostra specialità) con i nuovi compagni e adesso ne arriva un altro?
Appena entrato ti ho guardato storto, eri particolare, con quella cuffia e la caratteristica di parlare subito alle persone senza porsi il problema di conoscerle.
Pochi giorni dopo il tuo arrivo siamo finiti vicini di banco e devo dire che sono rimasta stupita: non mi sono mai sentita così a mio agio con uno sconosciuto, che alla fine è quello che eri. Quel bellissimo primo giorno ci ricordiamo tutti e due di come hai distrutto il mio bianchetto, e poi tentato inutilmente di aggiustarlo. Quindi ti avevo detto che ogni anno ti avrei dato il mio bianchetto da rompere, dato che ti riusciva così bene.
Poi è arrivata la gita di fine anno, sempre in prima, ci siamo fatti una foto e abbiamo deciso che ogni anno avremmo fatto la stessa foto, nella stessa posizione, e come promesso quest’anno la foto è arrivata.
Purtroppo ci trovavamo troppo bene insieme, siamo diventati così uniti da non riuscire a smettere di chiacchierare in classe e non ci hanno più messi vicini, siamo arrivati a sembrare innamorati agli occhi dei professori.
Dicevi che la mia risata era buffa e ti piaceva farmi il verso, farmi il solletico perché saltavo sulla sedia, stringermi forte le guance perché io lo facevo sempre a te e ti facevo impazzire dal male.
Io ammiravo il tuo essere spontaneo ed ero davvero contenta di aver finalmente trovato una persona con cui poter parlare di qualsiasi cosa.
Litigavamo e facevamo pace nel giro di due ore perché non riuscivamo ad essere arrabbiati l’uno con l’altro. Durante l’ora di ginnastica giocavamo a pallavolo e io dovevo sempre avere ragione, tu pure, eravamo troppo competitivi. Ma alla fine, per orgoglio ed era chiaro, mi prendevi da una parte e mi dicevi che avevo ragione, perché la pallavolo è sempre stata la mia passione e guai a chi mi dava torto.
Per non parlare di quando ci picchiavamo, io che dovevo essere la tipica ragazza calma e silenziosa, invece ero più simile a te, non stavamo mai fermi. E mi piaceva così, non m’interessava di quando i professori ci richiamavano o di quando venivamo sgridati pure dai nostri stessi compagni, perché era bella così la nostra amicizia.
E purtroppo ci tenevo così tanto a noi che adesso sto veramente male, sono veramente arrabbiata, con tutti ma anche con te, perché sei troppo generoso e ti hanno portato via da me, dai tuoi amici, dalla tua famiglia.
Due giorni fa a un tuo messaggio ho risposto con una mia foto con una faccia buffa, lo dicevi tu che il mio forte era riuscire a far divertire le persone: tu mi hai risposto dicendo che sono bellissima e mi pento di averti risposto sminuendo la cosa, invece che averti ringraziato.
Perché è quello che tutti ti dobbiamo, un immenso GRAZIE. (Sofia)

________________________________

Ricordo perfettamente il giorno in cui arrivò Zakaria in classe da noi. Eravamo tutti stupiti perché la scuola era già iniziata da un mese.
Se non ricordo male era il 19 ottobre e da quel giorno Zaka si è fatto voler bene da tutti. 
Ieri quando ho saputo dell’accaduto sono rimasta sotto shock. Non volevo crederci.
Stamattina quando ho letto il giornale e vedo scritto che ha cercato di aiutare un suo caro amico..beh nulla da dire. UN EROE.
Voglio ricordare Zakaria come la persona più sorridente, quel ragazzo che mi ha aiutata parecchie volte. 
Ci mancherà tantissimo. (Alessia)

________________________________

Ho conosciuto Zakaria in prima superiore… ricordo di essere stata la prima a sedermi vicino a lui quando è arrivato, eravamo imbarazzati entrambi. Feci amicizia con lui in poco tempo, sapeva come farsi volere bene.
Aveva i suoi pregi e i suoi difetti come tutte le persone. 
In classe amava mettere la musica durante l’intervallo e iniziava a scherzare, era molto disponibile se avevi bisogno di qualcosa come una ripetizione o anche solo un abbraccio.
Ho saputo della brutta notizia domenica sera tardi… non ci potevo credere, speravo si fossero sbagliati… che Zakaria fosse ancora vivo.
Dopo aver letto bene la vicenda ero distrutta: aveva raggiunto la riva ma per aiutare il suo amico ha sfidato di nuovo la natura. Questo fa di lui una persona ancora più fantastica e dev’essere ricordato come merita. È stato un eroe e fino all’ultimo ha dimostrato la sua bontà.
Devo ancora realizzare che se ne sia andato, di non poter più vederlo, di dover fare a meno del suo affetto.
Comunque cerchiamo di sorridere tutti perché lui vorrebbe vederci felici e sono certa che continuerà ad esserci a modo suo. (Valentina)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    04 Luglio @ 12.40

    Da far leggere a chi è capace di vedere solo la nostra sponda.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Disagi anche in autostrada

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno