in 1'

Il Battistero

Una sorprendente visione del Medioevo a colori

IL BATTISTERO

Esempio eccelso di architettura il Battistero di Parma, affacciato sulla stessa  piazza della Cattedrale e del Palazzo del vescovo, segna il passaggio tra il Romanico e il Gotico emiliano-lombardo.  A pianta ottagonale, in marmo rosa di Verona, l'edificio conquista i visitatori per la perfetta armonia geometrica e poetica insieme. Progettato dallo stesso Benedetto Antelami che lavorò nella cattedrale è un'opera unica nel suo genere. Impossibile trovare edifici analoghi nei dintorni di Parma e dell'Emilia, per non dire in tutta l'Italia.
Il 1196 è la data di fondazione - o inizio lavori -  come recita l'iscrizione sul portale principale. Il cantiere rimase aperto per molti anni. Già nel 1216 però l'edificio sacro aprì i battenti ai fedeli. E' molto probabile che all'epoca  la copertura e l'ultimo livello di logge esterne non fossero ancora completati. L'ultimazione dell'opera risale al quarto decennio del XIII secolo.

Come tutti i grandi edifici sacri medievali, anche il Battistero è caratterizzato da elementi simbolici, di non immediata comprensione ai visitatori di oggi, molto espliciti per i fedeli di allora. Il primo messaggio arriva dalla scelta della planimetria. La scelta di realizzare una pianta ottagonale non è certamente casuale. Otto è infatti il numero che indica la perfezione. 
Simboli e significati “oscuri” arrivano anche dalla narrazione scritta attraverso il bestiario in bassorilievo nelle pareti esterne. Il cosiddetto zooforo mette in guardia i viandanti dal peccato e dalle pene infernali che toccheranno ai peccatori. 
Come un libro illustrato, la narrazione sacra continua negli stipiti, negli architravi e nelle lunette dei portali dove sono scolpite storie dell'Antico Testamento.
Da non perdere la visita all'interno. Stupirà vedere la copertura slanciata (non visibile all'esterno perché nascosta dalle logge che corrono su tutti gli otto lati) caratterizzata da sedici costoloni che si irradiano verso la volta ad ogiva (elemento gotico per eccellenza) convergendo nell'anello posto al centro del tetto. 
Interessante il ciclo di affreschi raffigurante, tra l'altro, gli apostoli e i profeti intorno a Cristo nella Città celeste. Al centro la vasca battesimale, in pietra di Verona.


Orari d'apertura: tutti i giorni 9.00 - 12.30 e 15.00 – 18.45

Ingresso: intero  € 5,00; 
comitive e over 65  € 3,00;
ridotto € 2,00; 
scuole € 1,00

Per informazioni: 0521.235886

Per saperne di più  (Wikipedia)

Battistero di Parma: postazione multimediale al Museo diocesano

Fotogallery (Google immagini)

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.