13°

20°

gusto

Arundo, ad ogni vendemmia nuove sensazioni

Il vino a cura di Andrea Grignaffini

Arundo, ad ogni vendemmia nuove sensazioni
Ricevi gratis le news
0

Dopo anni di perizie, carotaggi, e analisi condotti sui suoli dell’ecumene vinicola altrui due appassionati geologi legati da un sodalizio professionale ventennale, decidono di emanciparsi e scommettere su un percorso enologico tutto loro.
Correva l’anno 2007 e Vigna Meridio nasceva così, come esito di un percorso professionale costruito su presupposti solidi, terragni, ben piantati nella trama della bruna terra di Chiaramonte Gulfi, provincia di Ragusa, dove trova genesi la produzione di Gianni Salafia e Gaetano Luca.
Due loro, come due le dominanti pedologiche di questo ettaro di terra ciottolosa, calcarea da un lato e sabbioso-marnosa dall’altro, poggiate a loro volta su due substrati ulteriori, calcarenitico il primo e marnoso il secondo. Una terra prospera in minerali e prodiga di elementi organolettici su cui Gianni e Gaetano, dal 2007 chiamati da tutti con l’appellativo di geologi vignaioli, hanno issato gli alberelli iblei dei tre vitigni prediletti: Alicante, Nero d’Avola e Frappato.
E così, risalendo le origini ctonie che lo determinano, si arriva a comprendere la magnanima ma fine trama di Arundo, l’unica etichetta di questa storia (per ora), che mutua il nome dal latino con cui si designava la canna che tradizionalmente veniva usata in zona come naturale supporto per la vite.
La tradizione, del resto, per loro è un dogma da ricostruire e ripercorrere fedelmente, perfino fisicamente durante le sempiterne incombenze quotidiane e che la sua corretta esegesi, del resto, sempre comporta e che sono innumerevoli e sconosciute a chi non condivide il loro credo.
Per il profano, difatti, si tratta nient’altro che di una serie di apparenti minuzie comportamentali che sembrano sussistere più a carattere rituale che altro, ma che invece la perizia geologica da un lato e la trama fitta e complessa di Arundo dall’altro non fanno che confermare.
Come la raccolta della liama, che avviene in una precisa fase lunare e la sostituzione della suddetta anno per anno. Una tradizione enologica che esige esclusività nei trattamenti e assolutezza in termini di concentrazione, che i due adempiono senza fatica apparente in virtù dell’affetto per la loro vigna cui «tengono come a una figlia femmina…»
E, infatti, solo la liama, il filo d’erba locale utilizzato per fissare la vite alla canna, ogni anno viene lasciata cadere su vigna Meridio, di cui diventerà parte integrante trasformandosi in humus, in un ciclo che conferma quanto la vite altro non voglia se non quello che proviene dalla ratio di madre natura.
Per tutte queste ragioni, la degustazione di Arundo ci ha regalato sensazioni vibranti, scalpitanti, come il trotto di un giovane puledro purosangue.
Un vino vivo, che cambia ogni anno esclusivamente in funzione delle annate, di cui è perfetta proiezione nonché emblema delle reazioni che queste han prodotto sui vitigni coinvolti ma che, a dispetto dell’irruente indecidibilità del clima, regala sempre un vino di grande freschezza, e di sicuro avvenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

gossip

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

Velluto Rosso

SPETTACOLI

"Velluto Rosso", tutto il teatro della settimana Video

Sabato latino al New York: ecco chi c'era - Foto

GAZZAREPORTER

Sabato latino al New York: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La saga di Pillars of eternity per gli orfani di Baldur's gate

Videogame

La saga di Pillars of eternity per gli orfani di Baldur's gate

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Aumentati del 20% i parmigiani che chiedono di essere curati

ALLARME DROGA

Aumentati del 20% i parmigiani che chiedono di essere curati

Lutto

San Leonardo piange Nazaria Vecchi, medico di base del quartiere

TRIBUNALE

Picchia il figlio sotto casa, ma un passante lo denuncia: condannato a 3 mesi

1commento

CULTURA

Edoardo Tresoldi, l'arte della materia assente. E il legame speciale con Parma

GOVERNO

Numero chiuso a Medicina? Il governo riapre il dibattito

12 tg parma

Smog, un'altra giornata nera. E c'è rischio concreto di blocco del traffico Video

1commento

CALCIO PARMA

Un Inglese da Nazionale

CALESTANO

Addio alla madre della Mariella di Fragno

Bassa

Sissa Trecasali, sì alla pista ciclopedonale

IL CASO

Corale Verdi, Iren stacca la luce

1commento

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

12Tg Parma

Disagi in via Europa, gli esercenti: "Incassi dimezzati" Video

1commento

il fatto del giorno

Droga, in un anno oltre 180 parmigiani in più in cura al Sert Video

1commento

il caso

"Dati falsificati o inventati": Harvard chiede il ritiro di 31 studi del parmigiano Anversa

università

Il governo cancella "non subito" il numero chiuso a Medicina. L'Ordine: "Ci ripensi". I rettori: "Un equivoco" I numeri

1commento

12Tg Parma

Sedici pattuglie per una notte di controlli straordinari: si ripeterà ogni settimana Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non si può pensare solo agli impegni elettorali

di Domenico Cacopardo

WORLD CAT

Ecco la Top10 dei gatti più votati. Mandate le vostre foto

ITALIA/MONDO

sarzana

Spray urticante spruzzato a scuola: in 1.500 allontanati, 20 finiscono all'ospedale

USA

Un miliardo di ostriche per ripulire il porto di New York Video

SPORT

sport

Conosciamo Alessandro Magnani, un parmigiano ai Mondiali juniores di judo Video

volley

Mondiali donne; primo ko (irrilevante) dell'Italia, la Serbia vince 3-1

SOCIETA'

hi-tech

YouTube ko per oltre un'ora in tutto il mondo: mistero sulle cause

premio

Lirica e Hip Hop, il rap "canta" Verdi: successo e ritmo al Regio Gallery

MOTORI

NOVITA'

Nuova Kia Ceed: 5 porte e wagon lanciano la sfida

moto

Suzuki Katana, il ritorno