-0°

11°

gusto

Arundo, ad ogni vendemmia nuove sensazioni

Il vino a cura di Andrea Grignaffini

Arundo, ad ogni vendemmia nuove sensazioni
Ricevi gratis le news
0

Dopo anni di perizie, carotaggi, e analisi condotti sui suoli dell’ecumene vinicola altrui due appassionati geologi legati da un sodalizio professionale ventennale, decidono di emanciparsi e scommettere su un percorso enologico tutto loro.
Correva l’anno 2007 e Vigna Meridio nasceva così, come esito di un percorso professionale costruito su presupposti solidi, terragni, ben piantati nella trama della bruna terra di Chiaramonte Gulfi, provincia di Ragusa, dove trova genesi la produzione di Gianni Salafia e Gaetano Luca.
Due loro, come due le dominanti pedologiche di questo ettaro di terra ciottolosa, calcarea da un lato e sabbioso-marnosa dall’altro, poggiate a loro volta su due substrati ulteriori, calcarenitico il primo e marnoso il secondo. Una terra prospera in minerali e prodiga di elementi organolettici su cui Gianni e Gaetano, dal 2007 chiamati da tutti con l’appellativo di geologi vignaioli, hanno issato gli alberelli iblei dei tre vitigni prediletti: Alicante, Nero d’Avola e Frappato.
E così, risalendo le origini ctonie che lo determinano, si arriva a comprendere la magnanima ma fine trama di Arundo, l’unica etichetta di questa storia (per ora), che mutua il nome dal latino con cui si designava la canna che tradizionalmente veniva usata in zona come naturale supporto per la vite.
La tradizione, del resto, per loro è un dogma da ricostruire e ripercorrere fedelmente, perfino fisicamente durante le sempiterne incombenze quotidiane e che la sua corretta esegesi, del resto, sempre comporta e che sono innumerevoli e sconosciute a chi non condivide il loro credo.
Per il profano, difatti, si tratta nient’altro che di una serie di apparenti minuzie comportamentali che sembrano sussistere più a carattere rituale che altro, ma che invece la perizia geologica da un lato e la trama fitta e complessa di Arundo dall’altro non fanno che confermare.
Come la raccolta della liama, che avviene in una precisa fase lunare e la sostituzione della suddetta anno per anno. Una tradizione enologica che esige esclusività nei trattamenti e assolutezza in termini di concentrazione, che i due adempiono senza fatica apparente in virtù dell’affetto per la loro vigna cui «tengono come a una figlia femmina…»
E, infatti, solo la liama, il filo d’erba locale utilizzato per fissare la vite alla canna, ogni anno viene lasciata cadere su vigna Meridio, di cui diventerà parte integrante trasformandosi in humus, in un ciclo che conferma quanto la vite altro non voglia se non quello che proviene dalla ratio di madre natura.
Per tutte queste ragioni, la degustazione di Arundo ci ha regalato sensazioni vibranti, scalpitanti, come il trotto di un giovane puledro purosangue.
Un vino vivo, che cambia ogni anno esclusivamente in funzione delle annate, di cui è perfetta proiezione nonché emblema delle reazioni che queste han prodotto sui vitigni coinvolti ma che, a dispetto dell’irruente indecidibilità del clima, regala sempre un vino di grande freschezza, e di sicuro avvenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello Vip: vince Walter Nudo

Walter Nudo

televisione

Grande Fratello Vip, eliminata Benedetta Mazza, vince Walter Nudo (15 anni dopo)

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

moda

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

Intervista a Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio

INTERVISTA

Twelve Conversations, a Traversetolo la "prima": ne parlano Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio Ascolta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sfoglia di lamponi: Buonissimo e d'effetto e anche facile da fare

LA PEPPA

La ricetta  - Sfoglia di lamponi

Lealtrenotizie

Un 52enne di Montechiarugolo arrestato per maltrattamenti in famiglia

carabinieri

52enne di Montechiarugolo arrestato per maltrattamenti in famiglia (dopo 5 denunce)

CASA DELLA SALUTE

Un pezzo di soffitto crolla sulla sala d'attesa

in mattinata

Incidente in tangenziale sud all'altezza di via Montanara: coda

bedonia

Ciclista ferito: intervento del soccorso alpino a Borio

LUTTO

È morto Renzo Fornari, fondatore della Scic

economia

Boccia: «La manovra non funziona e la Tav è necessaria». Intervista esclusiva

Rapina in banca

Oltre alla cassa derubato anche un cliente

sport

Glorie rossonere nuove e antiche: parate di stella al gala del Cus Le foto

Premiati i campioni 2018. Oltre al socio onorario Corrado Cavazzini, il premio Ambasciatore Cus Parma nel mondo a Zorzi

Caritas

Sono 2000 le domande di cittadinanza

Fidenza

Indicazioni sbagliate: gli strani cartelli di Castione

LUTTO

Addio a Ercole Marvisi, una vita per le scarpe

A Monticelli

Senza patente e ubriaca provoca un incidente

NOCETO

La strage dei visoni

via Emilia Est

Rapina in banca: minacciano l'impiegata con un cutter e scappano con poche centinaia di euro

1commento

MISTERO

Esce dal lavoro e scompare a Reggiolo. Unico indizio: è passato da Traversetolo

Davide Ploia, 48 anni, vive nel Mantovano ed è scomparso da giovedì. Del caso si è occupato "Chi l'ha visto?"

PARMA

Migliora la qualità dell'aria, niente più stop per i diesel Euro4

Stop alle misure di emergenza da domani (martedì 11 dicembre)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La lezione di Parma a un Paese sfiduciato

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Necessario un giro di vite verso i ciclisti indisciplinati

di Domenico Cacopardo

4commenti

ITALIA/MONDO

russia

L'iphone cade nella vasca da bagno, campionessa di arti marziali muore folgorata

italia/mondo

Corona aggredito durante reportage in boschetto della droga

SPORT

Football americano

Leggendaria giocata dei Dolphins a 7" dalla fine per la vittoria contro i Patriots Video

FIORENTINA

Due medici indagati per la morte di Davide Astori

SOCIETA'

italia/mondo

Turista stacca frammento laterizio al Colosseo, denunciato

PARMA

Quando i reggiani "rubarono" il pigiama di Guareschi... Dietro le quinte del Mondo Piccolo Video

MOTORI

SUV

Renault Kadjar: restyling dopo tre anni

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco