21°

32°

Saperi e Sapori

Quel mito dolce-amaro che piaceva ai torinesi

Quel mito dolce-amaro che piaceva ai torinesi
Ricevi gratis le news
0

di Errica Tamani

Cosa succede se del vino zuccherino incontra alcol, zucchero e erbe aromatiche e va così d’accordo con loro da non volersene più separare?
Si crea una miscela, dolce-amara,dal gusto irresistibile, che da anni, in tutto il mondo, rappresenta l’aperitivo italiano per eccellenza: il vermouth. Si dice che nel XVII sec. un erborista piemontese, portò alla corte viennese la ricetta di un vino all’assenzio (in tedesco tale pianta si dice «wermut»). Col tempo la bevanda arrivò in Francia, dove venne chiamata «vermouth», e da lì ritornò alla corte Sabauda.
Un garzone in piazza Castello Era il 1786 quando Antonio Benedetto Carpano, garzone della «Bottega di liquori Marandazzo», sotto i portici  di piazza Castello, a Torino, vide nel Moscato un’ottima base per farne del vermouth, seguendo la ricetta di famiglia. Il risultato piacque così tanto che in breve la bottega divenne un punto di riferimento per l’aperitivo della Torino bene. Negli anni a seguire, anche in altre località del Piemonte, si sviluppò una vera e propria aristocrazia di produttori. All'inizio, tutti producevano un solo tipo di vermouth, quello rosso, che prende il suo colore caratteristico dal caramello aggiunto, che contribuisce anche al retrogusto amarognolo.  Solo più tardi furono creati il vermouth bianco, dall’aroma delicato e leggero, il più dolce di solito, con un gusto piacevolmente amaro, e il vermouth secco (o dry), conosciuto come «vermouth Francese», creato nell'area di Chambery in Francia. I dry francesi hanno un colore giallo luminoso e il sapore richiama quello di alcuni vini invecchiati perché il vino usato come base viene lasciato a contatto con l'aria. I dry italiani, giallo paglierino, hanno sapore più simile a quello dei vini giovani. Nonostante le ricette dei vari produttori siano segrete, il procedimento per fare il vermouth è pressoché uguale per tutti.
Ricetta segreta. Ma non troppo La miscela è fatta di vino, alcol, zucchero ed estratti vegetali tra cui per legge non può mancare l’assenzio. Se all’inizio si usava il Moscato, oggi si parte da un taglio di vini provenienti per lo più da Puglia, Sicilia (più alcolici e meno acidi), Romagna e Veneto (più acidi e meno alcolici).
Lo scopo è avere una base piuttosto neutra che non alteri il risultato dell'aromatizzazione. Segue un’aggiunta di alcol puro, rigorosamente di origine vegetale (alcol di vino o di melassa di canna), e zucchero per attenuare l’amaro delle erbe. Nel vermouth rosso, inoltre, c’è anche il caramello, l'unico colorante consentito dalla legge. Ma la vera essenza del vermouth sono gli estratti di erbe, oltre settanta, che distinguono una marca dall’altra.
Per estrarre gli aromi si usano la macerazione o anche la distillazione, la prima restituisce estratti che influenzano il sapore, l’altra quelli che agiscono sul profumo della bevanda.
 Quando l'armonia di sapori e profumi è completa, gli estratti vanno nelle vasche di preparazione insieme agli altri ingredienti per fare il vermouth vero e proprio.  Tre, quattro settimane di maturazione e il prodotto è pronto.  
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen

CINEMA

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen Video

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Paura per un un uomo armato di coltello

Viale Duca Alessandro

Paura per un un uomo armato di coltello

GUERRA DELL'ONU AL PARMIGIANO

Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

INCENERITORE

Al coro dei «no» si unisce Franco Maria Ricci

Berceto

Sciacalli a Valbona, rubate le pietre del «Castello»

Università

Reggio, ritardi al test di Psicologia

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti»

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

24commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

2commenti

12 tg parma

Migranti, la nuova mappa dell'accoglienza Video

anteprima gazzetta

Parma e caso sms, il verdetto potrebbe arrivare venerdì Video

CALCIO

L'amministratore delegato del Parma Luca Carra: "Siamo fiduciosi e lavoriamo per la serie A" Video

Ecco l'intervista del 12 Tg Parma

Processo sms

La Procura picchia duro

15commenti

12Tg Parma

Ozono estivo, a Parma già 29 sforamenti Video

VIABILITA'

Lavori in corso: code sulla via Emilia a Parola. Problemi anche in tangenziale a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

4commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Francia

Un collaboratore di Macron ha picchiato i manifestanti. E' bufera

PIACENZA

Cade da cavallo e batte la testa, grave un 72enne. Ricoverato al Maggiore

SPORT

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

EDITORIALE

Va in scena «Il processo» di Kafka

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani