10°

La ricetta

Se la torta è nera, arriva da San Secondo

Ricevi gratis le news
0

 

Errica Tamani 
Che le suggestive nebbie della Bassa, ormai nel mito gastronomico locale quasi come divinità velate, nutrici amorevoli di tanti gioielli dell’arte norcina, nascondano un dolce segreto, per quanto (o)scuro? Un po’ di mistero ben si addice all’atmosfera appannata di queste terre, anche quando si tratta della tavola. In questo caso, il giallo riguarda un dessert, ascrivibile al territorio di San Secondo, il cui carattere di tipicità trae linfa dalle pagine del noto volume «Le ricette regionali italiane» di Anna Gosetti della Salda. Si tratta della cosiddetta «torta nera» definita dalla Gosetti «specialità di S. Secondo – Parma»: una scocca di pasta frolla aromatizzata da rum e anice, che accoglie un ghiotto ripieno a base di mandorle tritate, zucchero, cacao in polvere tuorlo e caffè ristretto. Il colore acquisito dalla farcia, dunque, per via della presenza di cacao e caffè, avrà forse dato il la al nome. Un nome, torta nera, che ricorda anche l’appellativo originario che fu dato nel XIX secolo, da Eugenio Gollini, pasticciere di Vignola, a quella che oggi conosciamo come torta Barozzi (un unico friabile «mattoncino» nero, da tagliare a tocchetti con cautela per evitare che si sbricioli), la cui ricetta è ancora segreta benché siano noti gli ingredienti, tra cui cacao, cioccolato fondente e caffè, ma in forma di polvere. Curiosando qua e là nei libri di cucina dedicati alle terre di Reggio Emilia e Modena, non è raro trovare altre torte nere che in qualche modo paiono parenti della «nostra». Nella versione modenese, sempre un guscio di frolla custodisce un ripieno fatto con mandorle amare tritate, tuorli montati con lo zucchero, burro, cacao amaro, caffè in polvere, scorza di limone, liquore Sassolino e albumi a neve. Invece, nel caso reggiano, la farcitura appare più ricca: oltre alle mandorle compaiono le noci, il cioccolato fondente (al posto del cacao) sciolto in un po’ di latte, mentre sparisce la scorza d’agrume. 
A curiosità si aggiunge curiosità, quasi a far luce sull’ombra, dato che sempre nelle zone di Reggio e Modena si rintraccia una cosiddetta «torta bianca» che somiglia tanto all’alter ego in black: frolla esterna, cuore chiaro sempre con mandorle, albumi a neve, zucchero, buccia di limone e Sassolino da versare sulla pasta solo dopo aver grattugiato su essa un po’ di cioccolato fondente.  Disorientati, forse, dalle varie sfumature di nero dell’Emilia, torniamo a San Secondo con la ricetta della Pasticceria Nuova Lady in cui fondamentali sono i fondi della moka. Ecco gli ingredienti per il ripieno: 200 g mandorle; 250 g zucchero; 50 g cacao; 50 g tuorli; 40 g latte; 40 g fondi di caffè. Per la frolla: 300 g farina 0; 250 g burro; 250 g zucchero; 6 g cremor tartaro; aroma d’anice; 4 g sale; 50 g uova. Per la frolla si impastano burro, zucchero e uova, poi si uniscono aromi, cremor tartaro, farina e sale. Per la farcia si mescolano tutti gli ingredienti lentamente fino ad amalgamarli. Si fodera una teglia con la frolla, si stende il ripieno e si ripiegano i bordi all’interno. Va in forno ventilato per 50 minuti a 170° C.
Errica Tamani 
Che le suggestive nebbie della Bassa, ormai nel mito gastronomico locale quasi come divinità velate, nutrici amorevoli di tanti gioielli dell’arte norcina, nascondano un dolce segreto, per quanto (o)scuro? Un po’ di mistero ben si addice all’atmosfera appannata di queste terre, anche quando si tratta della tavola. In questo caso, il giallo riguarda un dessert, ascrivibile al territorio di San Secondo, il cui carattere di tipicità trae linfa dalle pagine del noto volume «Le ricette regionali italiane» di Anna Gosetti della Salda. Si tratta della cosiddetta «torta nera» definita dalla Gosetti «specialità di S. Secondo – Parma»: una scocca di pasta frolla aromatizzata da rum e anice, che accoglie un ghiotto ripieno a base di mandorle tritate, zucchero, cacao in polvere tuorlo e caffè ristretto. Il colore acquisito dalla farcia, dunque, per via della presenza di cacao e caffè, avrà forse dato il la al nome. Un nome, torta nera, che ricorda anche l’appellativo originario che fu dato nel XIX secolo, da Eugenio Gollini, pasticciere di Vignola, a quella che oggi conosciamo come torta Barozzi (un unico friabile «mattoncino» nero, da tagliare a tocchetti con cautela per evitare che si sbricioli), la cui ricetta è ancora segreta benché siano noti gli ingredienti, tra cui cacao, cioccolato fondente e caffè, ma in forma di polvere. Curiosando qua e là nei libri di cucina dedicati alle terre di Reggio Emilia e Modena, non è raro trovare altre torte nere che in qualche modo paiono parenti della «nostra». Nella versione modenese, sempre un guscio di frolla custodisce un ripieno fatto con mandorle amare tritate, tuorli montati con lo zucchero, burro, cacao amaro, caffè in polvere, scorza di limone, liquore Sassolino e albumi a neve. Invece, nel caso reggiano, la farcitura appare più ricca: oltre alle mandorle compaiono le noci, il cioccolato fondente (al posto del cacao) sciolto in un po’ di latte, mentre sparisce la scorza d’agrume. A curiosità si aggiunge curiosità, quasi a far luce sull’ombra, dato che sempre nelle zone di Reggio e Modena si rintraccia una cosiddetta «torta bianca» che somiglia tanto all’alter ego in black: frolla esterna, cuore chiaro sempre con mandorle, albumi a neve, zucchero, buccia di limone e Sassolino da versare sulla pasta solo dopo aver grattugiato su essa un po’ di cioccolato fondente.  
Disorientati, forse, dalle varie sfumature di nero dell’Emilia, torniamo a San Secondo con la ricetta della Pasticceria Nuova Lady in cui fondamentali sono i fondi della moka. Ecco gli ingredienti per il ripieno: 200 g mandorle; 250 g zucchero; 50 g cacao; 50 g tuorli; 40 g latte; 40 g fondi di caffè. Per la frolla: 300 g farina 0; 250 g burro; 250 g zucchero; 6 g cremor tartaro; aroma d’anice; 4 g sale; 50 g uova. Per la frolla si impastano burro, zucchero e uova, poi si uniscono aromi, cremor tartaro, farina e sale. Per la farcia si mescolano tutti gli ingredienti lentamente fino ad amalgamarli. Si fodera una teglia con la frolla, si stende il ripieno e si ripiegano i bordi all’interno. Va in forno ventilato per 50 minuti a 170° C.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

I ladri fanno esplodere il bancomat della Cassa Padana nella notte

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

IL MATCH DELLA FOLLIA

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

2commenti

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

1commento

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

AUTOSTRADA

A1, scontro fra due camion: fino a 9 chilometri di coda tra Fidenza e Piacenza questa mattina

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

GAZZAREPORTER

"Il cielo di un giovedì mattina" Foto

JUNIORES

Insulti razzisti e rissa sugli spalti: 75 euro di multa per Marzolara e Fontanellato e fino a 6 turni di squalifica

1commento

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

ITINERARI VINTAGE

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

USA

Voleva attaccare la Casa Bianca, arrestato un uomo

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

IL VIAGGIO

Citroën: la C5 Aircross scalda i motori andando... al Polo Nord

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross