10°

23°

delizie e pregiudizi

Rognoni, dimenticati ma buoni

Rognoni, dimenticati ma buoni

Rognoni, dimenticati ma buoni

Ricevi gratis le news
0

 

Andrea Grignaffini
Si amano o si odiano per via di esalazioni ammoniacali che se lievi sono ricercate come ricercatezza aromatica, se forti come insopportabile afrore. Parliamo dei rognoni, i reni dell’animale dalla caratteristica forma a fagiolo. Naturalmente sussistono molti pregiudizi nei confronti dei rognoni, tanto che a molte persone risultano fortemente sgraditi pur non avendoli mai assaggiati mentre altri li gustano come una grande prelibatezza. Il rognone fa parte del quinto quarto ovvero delle famose frattaglie rosse ottenute dalla macellazione di un animale, in particolare dal bovino, dal suino, dall’ovino e si presenta con la superficie esterna solcata da scanalature e numerosi lobi. Da preferire sono i rognoncini del vitello, piccoli, di colore chiaro e dal sapore più delicato mentre quelli di bovino adulto, di colore molto scuro, hanno più concentrazione ma anche meno finezza aromatica, da qui la necessità di un prolungato lavaggio con acqua fredda acidulata con aceto di vino bianco o succo di limone. I rognoni freschissimi sono avvolti da uno strato di grasso bianco candido con sfumature rosate e la carne si presenta turgida e lucente (caratteristiche tutte queste che si perderanno con il passare del tempo). Se si acquista ricoperto ancora del suo grasso è bene lasciarne uno strato che servirà a proteggerlo durante la cottura, mentre la parte eccedente, fatta fondere e conservata, sarà indicata per eventuali fritture che risulteranno molto gustose. Da non dimenticare prima della cottura di liberare accuratamente il tessuto nervoso, ovvero la membrana che li ricopre. I rognoni hanno un alto contenuto di vitamine e di ferro, ma sono anche ricchi di grasso. La cottura deve essere fatta a fuoco alto, vivace, in modo rapido e all’ultimo momento prima di servirli. 
Pur essendoci svariati modi di cucinarli, i più conosciuti sono i classici rognoni trifolati, grigliati, saltati al burro, al Madera o al Cognac, alla francese detta alla coque e abbinati a verdure, funghi e riso. Se si cuociono alla griglia si posizionano aperti sulla brace incandescente; se si preferisce passarli in padella o in tegame occorre tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, spellarli, togliere i dotti e tagliarli a fettine trasversalmente non troppo sottili, e saltarli velocemente a fuoco vivo in una padella molto calda.
Andrea Grignaffini

Si amano o si odiano per via di esalazioni ammoniacali che se lievi sono ricercate come ricercatezza aromatica, se forti come insopportabile afrore. Parliamo dei rognoni, i reni dell’animale dalla caratteristica forma a fagiolo. Naturalmente sussistono molti pregiudizi nei confronti dei rognoni, tanto che a molte persone risultano fortemente sgraditi pur non avendoli mai assaggiati mentre altri li gustano come una grande prelibatezza. Il rognone fa parte del quinto quarto ovvero delle famose frattaglie rosse ottenute dalla macellazione di un animale, in particolare dal bovino, dal suino, dall’ovino e si presenta con la superficie esterna solcata da scanalature e numerosi lobi. Da preferire sono i rognoncini del vitello, piccoli, di colore chiaro e dal sapore più delicato mentre quelli di bovino adulto, di colore molto scuro, hanno più concentrazione ma anche meno finezza aromatica, da qui la necessità di un prolungato lavaggio con acqua fredda acidulata con aceto di vino bianco o succo di limone. I rognoni freschissimi sono avvolti da uno strato di grasso bianco candido con sfumature rosate e la carne si presenta turgida e lucente (caratteristiche tutte queste che si perderanno con il passare del tempo). Se si acquista ricoperto ancora del suo grasso è bene lasciarne uno strato che servirà a proteggerlo durante la cottura, mentre la parte eccedente, fatta fondere e conservata, sarà indicata per eventuali fritture che risulteranno molto gustose. Da non dimenticare prima della cottura di liberare accuratamente il tessuto nervoso, ovvero la membrana che li ricopre. I rognoni hanno un alto contenuto di vitamine e di ferro, ma sono anche ricchi di grasso. La cottura deve essere fatta a fuoco alto, vivace, in modo rapido e all’ultimo momento prima di servirli. 
Pur essendoci svariati modi di cucinarli, i più conosciuti sono i classici rognoni trifolati, grigliati, saltati al burro, al Madera o al Cognac, alla francese detta alla coque e abbinati a verdure, funghi e riso. Se si cuociono alla griglia si posizionano aperti sulla brace incandescente; se si preferisce passarli in padella o in tegame occorre tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, spellarli, togliere i dotti e tagliarli a fettine trasversalmente non troppo sottili, e saltarli velocemente a fuoco vivo in una padella molto calda.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

A Fidenza i party cult Foto

PGN FESTE

A Fidenza i party cult Foto: ecco chi c'era 

Lisa Ginzburg a Radio Parma

LIBRI

Lisa Ginzburg e il suo libro su pagine intonse: l'intervista di Radio Parma Ascolta

Mita Medici/Michela Murgia, ore 17.30 alla Casa della Musica

casa della musica

Mita Medici/Michela Murgia: conversazione sull'emancipazione femminile

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Auto si ribalta in via Montebello, ferita una donna di 72 anni

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

17commenti

DISASTRO COLPOSO

Alluvione, chiesto il rinvio a giudizio di Pizzarotti

10commenti

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

3commenti

Sala

Colpi a raffica: rubati soldi, gioielli e una banana

mezzani

Rems più sicura: dopo la fuga di Solomon saranno alzate le recinzioni

2commenti

Varese Ligure

Comune vs parroco: la "guerra" di don Sandro, podista per protesta

droga

Cocaina per oltre 1500 euro nascosta nelle scarpe: arrestato un 23enne

10commenti

PROSCIUTTO

Inchiesta sulle Dop, sospesi i certificatori. Il Consorzio: "Produttori parte lesa"

Decisione del ministero: stop per 6 mesi e impegno a correzioni

2commenti

FINANZA

Maxi frode dei malati immaginari, ecco tutti i nomi e le accuse Video

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Guerre, sete, matrimoni e calci di rigore

di Michele Brambilla

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

PALERMO

Messina Denaro: scoperta la rete dei "pizzini". I boss al telefono: "E' come Padre Pio"

1commento

GENOVA

Le foto sexy della fidanzatina 13enne diventano virali

SPORT

Calcio

E Simy fa Ronaldo

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

SALUTE

Dall'analisi del sangue la diagnosi precoce per il tumore al polmone

l'intervista

Isabella Rossellini: "Io stuprata, ma è tardi per denunciare"

1commento

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

AUTO

Scaduto l’obbligo di pneumatici invernali: è ora del cambio stagionale