17°

28°

delizie e pregiudizi

Rognoni, dimenticati ma buoni

Rognoni, dimenticati ma buoni

Rognoni, dimenticati ma buoni

Ricevi gratis le news
0

 

Andrea Grignaffini
Si amano o si odiano per via di esalazioni ammoniacali che se lievi sono ricercate come ricercatezza aromatica, se forti come insopportabile afrore. Parliamo dei rognoni, i reni dell’animale dalla caratteristica forma a fagiolo. Naturalmente sussistono molti pregiudizi nei confronti dei rognoni, tanto che a molte persone risultano fortemente sgraditi pur non avendoli mai assaggiati mentre altri li gustano come una grande prelibatezza. Il rognone fa parte del quinto quarto ovvero delle famose frattaglie rosse ottenute dalla macellazione di un animale, in particolare dal bovino, dal suino, dall’ovino e si presenta con la superficie esterna solcata da scanalature e numerosi lobi. Da preferire sono i rognoncini del vitello, piccoli, di colore chiaro e dal sapore più delicato mentre quelli di bovino adulto, di colore molto scuro, hanno più concentrazione ma anche meno finezza aromatica, da qui la necessità di un prolungato lavaggio con acqua fredda acidulata con aceto di vino bianco o succo di limone. I rognoni freschissimi sono avvolti da uno strato di grasso bianco candido con sfumature rosate e la carne si presenta turgida e lucente (caratteristiche tutte queste che si perderanno con il passare del tempo). Se si acquista ricoperto ancora del suo grasso è bene lasciarne uno strato che servirà a proteggerlo durante la cottura, mentre la parte eccedente, fatta fondere e conservata, sarà indicata per eventuali fritture che risulteranno molto gustose. Da non dimenticare prima della cottura di liberare accuratamente il tessuto nervoso, ovvero la membrana che li ricopre. I rognoni hanno un alto contenuto di vitamine e di ferro, ma sono anche ricchi di grasso. La cottura deve essere fatta a fuoco alto, vivace, in modo rapido e all’ultimo momento prima di servirli. 
Pur essendoci svariati modi di cucinarli, i più conosciuti sono i classici rognoni trifolati, grigliati, saltati al burro, al Madera o al Cognac, alla francese detta alla coque e abbinati a verdure, funghi e riso. Se si cuociono alla griglia si posizionano aperti sulla brace incandescente; se si preferisce passarli in padella o in tegame occorre tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, spellarli, togliere i dotti e tagliarli a fettine trasversalmente non troppo sottili, e saltarli velocemente a fuoco vivo in una padella molto calda.
Andrea Grignaffini

Si amano o si odiano per via di esalazioni ammoniacali che se lievi sono ricercate come ricercatezza aromatica, se forti come insopportabile afrore. Parliamo dei rognoni, i reni dell’animale dalla caratteristica forma a fagiolo. Naturalmente sussistono molti pregiudizi nei confronti dei rognoni, tanto che a molte persone risultano fortemente sgraditi pur non avendoli mai assaggiati mentre altri li gustano come una grande prelibatezza. Il rognone fa parte del quinto quarto ovvero delle famose frattaglie rosse ottenute dalla macellazione di un animale, in particolare dal bovino, dal suino, dall’ovino e si presenta con la superficie esterna solcata da scanalature e numerosi lobi. Da preferire sono i rognoncini del vitello, piccoli, di colore chiaro e dal sapore più delicato mentre quelli di bovino adulto, di colore molto scuro, hanno più concentrazione ma anche meno finezza aromatica, da qui la necessità di un prolungato lavaggio con acqua fredda acidulata con aceto di vino bianco o succo di limone. I rognoni freschissimi sono avvolti da uno strato di grasso bianco candido con sfumature rosate e la carne si presenta turgida e lucente (caratteristiche tutte queste che si perderanno con il passare del tempo). Se si acquista ricoperto ancora del suo grasso è bene lasciarne uno strato che servirà a proteggerlo durante la cottura, mentre la parte eccedente, fatta fondere e conservata, sarà indicata per eventuali fritture che risulteranno molto gustose. Da non dimenticare prima della cottura di liberare accuratamente il tessuto nervoso, ovvero la membrana che li ricopre. I rognoni hanno un alto contenuto di vitamine e di ferro, ma sono anche ricchi di grasso. La cottura deve essere fatta a fuoco alto, vivace, in modo rapido e all’ultimo momento prima di servirli. 
Pur essendoci svariati modi di cucinarli, i più conosciuti sono i classici rognoni trifolati, grigliati, saltati al burro, al Madera o al Cognac, alla francese detta alla coque e abbinati a verdure, funghi e riso. Se si cuociono alla griglia si posizionano aperti sulla brace incandescente; se si preferisce passarli in padella o in tegame occorre tagliarli in due parti nel senso della lunghezza, spellarli, togliere i dotti e tagliarli a fettine trasversalmente non troppo sottili, e saltarli velocemente a fuoco vivo in una padella molto calda.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design