16°

28°

Il piatto forte

Sentori di Reno e di Loira sulle rocce di Liguria

Sentori di Reno e di Loira sulle rocce di Liguria
Ricevi gratis le news
0

di Chichibìo

Dice Maurizio Bordoni, del «Cappun magru» a Groppo, che quelli di Riomaggiore viaggiano e san parlare. Walter De Battè è proprio di lì e, oltre a parlare e viaggiare, ha il dono di far venire il mondo a casa sua. Coi vini, col territorio. Conoscendoli, sapendoli ascoltare, poi, facendoli parlare. Anch’essi. Non sarà allora difficile cogliere nei suoi vini un angolo di Loira, uno spicchio di valle del Reno – e sempre la forza sapida, l’intensità aromatica, il miele delle Cinque Terre e, in modo diverso, della Val di Vara. L’azienda si chiama, ovvio, «Prima Terra». La cantina è a Capriglia, in una casa fatta in pietra dagli zii maestri scalpellini e ora in via di ristrutturazione: davanti il Golfo di Spezia, l’ombra di Portovenere, la Palmaria, in fondo la Corsica. Le Cinque Terre sono appena più sotto.
«Ogni famiglia – racconta De Battè - aveva qui un pezzo di vigna e faceva i conti con la vite e il vino: io sono rimasto affascinato da quella storia e da quella cultura. Fin da ragazzo ho lavorato nei campi e nei vigneti della mia famiglia. Me ne sono staccato per percorrere la strada delle degustazioni, per fare corsi da sommelier. Sono tornato e ho potuto iniziare un lavoro diverso, ho perseguito un mio stile, sempre confrontandomi con questo territorio, poi con altri territori. Ho cominciato lavorando sul vitigno bosco, che in quel tempo si stava espiantando in favore del vermentino, quindi sul vino “Cinque Terre” e sullo “Schiacchetrà” che è molto radicato nella tradizione: per me non fu semplice, perché non sono un amante dei vini dolci. Ho cercato di dare una mia impronta soprattutto alla vinificazione, perché credevo che spesso in cantina si lavorasse male. Ho messo a punto una tecnica di macerazione e estrazione delle uve passite che ho preso dai vini rossi. Ho dato grande importanza al territorio e alla buccia dell’uva, perché in enologia la buccia è il territorio: tutti gli enzimi, i lieviti che vi si depositano sopra, e che provengono dalle piante che stanno attorno al vigneto, contribuiscono all’aroma del vino. La buccia dà le caratteristiche aromatiche al vino, è la buccia che segna la differenza tra i vari territori. Lascio fermentare qualche giorno questi vini bianchi a contatto con la buccia: il cappello, tre o quattro volte al giorno, viene immerso con la follatura nel mosto fermentante e in questo modo si estraggono tutti gli aromi, i sali minerali, i sapori».
«Qui - prosegue  De Battè  -  nel giro di un chilometro, abbiamo anche basi minerali particolari che vanno dall’arenaria, ai marmi, agli scisti: se fossimo bravissimi vignaioli potremmo fare in un chilometro tre vini diversi. Questa è anche la forza dell’Italia enologica: tanti paesaggi che dovrebbero avere riscontri in vini differenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"