16°

29°

Il piatto forte

Il latte "alla spina" fa breccia in città. E non solo

Il latte "alla spina" fa breccia in città. E non solo
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Violi

Ai parmigiani piace il latte «crudo», venduto direttamente dagli agricoltori, in distributori automatici che si stanno moltiplicando.
L'operazione è semplice, come per le bibite: si prende la bottiglia, si mette un euro e si porta a casa un litro di latte di giornata.
I distributori sono almeno tre in città: al Centro Torri, al parcheggio scambiatore Est, in piazzale Santa Croce. Due di questi sono stati aperti nel corso del 2008. Ce ne sono anche a Fidenza, Fontanellato e Noceto (a sua volta inaugurato appena a maggio), per non parlare dei distributori che si trovano negli spacci di varie aziende agricole. E questi macchinari sono destinati a crescere. Vendono da 300 a 600 litri al giorno e a volte si deve fare un po' di fila per avere una bottiglia.
Ma il latte alla spina è una «moda» o i consumatori sono consapevoli di avere un prodotto particolare? Abbiamo girato la domanda ad alcuni imprenditori agricoli che gestiscono i distributori di latte «alla spina».

SOLO UNA MODA? Il latte «alla spina» è una novità degli ultimi anni e ha una crescita di consensi in parte inaspettata. È un effetto-moda? «Direi di no, c'è invece un ritorno a un gusto diverso - dice Raffaella Michelotti dell'azienda Carpi di Malandriano, che da due settimane gestisce un distributore nel parcheggio scambiatore Est -. Hai un prodotto buono, fresco - con tanto di orario di mungitura - e che costa meno del latte trattato (solitamente un euro, più eventualmente 20 centesimi per la bottiglia, ndr)». Secondo Nicola Bertinelli, imprenditore di Noceto che da due anni ha installato un distributore al Centro Torri, all'inizio ha fatto breccia la curiosità. «Era divertente arrivare con la monetina e prendere un litro di latte - spiega -. Poi sono subentrati altri fattori. Però io credo che in pochi sappiano che cos'è un latte crudo».

COS'È IL LATTE CRUDO. Nei distributori automatici viene messo il latte munto in giornata: fra le 4 e le 6 del mattino e ancora fra le 16 e le 18, in genere. È latte intero che viene filtrato ma non subisce processi di lavorazione. In passato il latte appena munto doveva essere bollito, prima di essere bevuto. Oggi può essere consumato subito, perché grazie alle innovazioni sviluppate nel mondo agricolo certi «batteri cattivi» non entrano più nel latte. Il prodotto viene conservato a una temperatura costante inferiore ai 4 gradi. Sulla qualità e la salubrità del prodotto deve vigilare l'agricoltore ma ci sono anche controlli periodici dell'Ausl.

AGRICOLTORI SODDISFATTI. «È stata una partenza straordinaria - dice Raffaella Michelotti -. Abbiamo avuto l'idea, ci siamo documentati soprattutto in Lombardia, dove da anni ci sono i distributori. La macchina tiene 600 litri di latte e il prodotto ha successo. È molto venduto alla sera e anche di notte: non lo compra soltanto chi torna a casa dopo il lavoro, tanti extracomunitari ma anche i ragazzini alla sera. Più volte è arrivato il messaggino sul cellulare dall'impianto automatico, che ci avvertiva che il latte era esaurito a mezzanotte o anche alle 2. Non abbiamo fatto pubblicità ma siamo partiti bene: essendo visibile dalla via Emilia, molti si fermano».
La posizione del distributore infatti è fondamentale per il successo dell'iniziativa. Lo conferma Andrea Vecchia, che lavora nell'azienda di famiglia a Noceto. A maggio ha installato un distributore in paese (da 500 litri in tutto), vicino a un supermercato. «Abbiamo cercato di capire quale fosse la posizione ideale, più comoda per la clientela - spiega Vecchia -. La gente compra all'ora di pranzo e verso sera, quando torna a casa dal lavoro. Abbiamo la macchina all'ingresso di Noceto, in un punto di elevato passaggio. Il sistema funziona anche se è ben gestito».
I produttori confermano che prima che il latte arrivi al distributore c'è un complesso lavoro da fare. Le mucche devono essere allevate secondo i criteri di igiene dettati dall'Ausl: «Comporta una gestione degli animali in stalla più rigorosa - spiega Vecchia -. C'è la rintracciabilità dei prodotti somministrati al bestiame. Il distributore, poi, come ogni macchina ha bisogno di manutenzione, pulizia e altri controlli».

BUONE POTENZIALITA' MA TANTO LAVORO. Il lavoro a monte è complesso e per inserirsi nel settore servono investimenti da 30-40mila euro più l'eventuale automezzo e magari un dipendente da dedicarvi. Ci sono numerosi passaggi burocratici e autorizzativi da affrontare e il lavoro in azienda dev'essere meticoloso. La macchina è delicata e va controllata in modo costante, sia per la manutenzione ordinaria sia per quanto riguarda la sicurezza del prodotto che eroga. C'è anche chi ha installato la videosorveglianza.

Ma gli spazi di crescita ci sono, in questo business, che può aiutare le imprese agricole a integrare il reddito. Andrea Vecchia ad esempio in futuro valuterà l'apertura di un altro distributore, comunque non a Noceto. L'azienda Carpi medita di arrivare a 3 entro un anno, magari estendendosi al Reggiano e altre seguiranno questa strada. Diversa è la scelta di Nicola Bertinelli. Di solito questi macchinari si trovano in spazi pubblici come piazze o parcheggi: c'è il numero di telefono dell'azienda e a volte la videosorveglianza. Bertinelli invece preferisce abbinarlo solo al suo stesso bar (oltre alla vendita diretta in azienda): così facendo un operatore può dare assistenza e fare controlli in tempo reale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

3commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

paura

Fuori da Buckingham Palace con un taser, arrestato

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse