18°

28°

Il piatto forte

Salama sarà lei

Salama sarà lei
Ricevi gratis le news
0

Chichibio

La chiamano «salamina» e il diminutivo è, in questo caso, autentico segno d’affetto. E’ al femminile, unica eccezione nel mondo rigidamente maschile dei salami -e forse qualcosa vorrà pur dire, ché gli usi linguistici non sono mai neutri. E allora, mancando a mia conoscenza uno studio antropo-filologico che esaurisca la nostra curiosità, si potrà forse azzardare che il femminile sia usato per indicare la particolare finezza dell’impasto, il suo essere saporito, piccante, con note speziate; la necessità di cure attente e pazienti, quasi coccole; la speciale perizia richiesta nel farla, nel custodirla, nel cuocerla. 
Tutte cose che rientrano naturalmente, anche se lo schema è un po' abusato, nell’universo femminile, così come a quel mondo si può attribuire la maliziosa sensibilità di inserire la salamina, un tempo era un obbligo, nel menu delle feste nuziali: avrebbe regalato agli sposi un di più d’ardore, una inusitata gioia dei sensi («la mèta in tal sang di spus un poch ad murbin», dicono nel Ferrarese). 
Sniza, nel «Mulino del Po» di Riccardo Bacchelli, cerca di risvegliare l’attenzione di Princivalle facendo ricorso alla salamina e le madri premurose preparavano per i figli soldati, debilitati dal rancio e in licenza dal servizio militare, pranzi abbondanti dove non mancava mai. Infine, uscendo dalla questione di genere, constatiamo che la carne della scottona è migliore di quella del manzo, la gallina del gallo, la tacchinella del tacchino, la fagianella del fagiano e dunque la salamina, ma non solo per regola, è senza dubbio migliore di tutti i possibili salami da cuocere. E’ però curioso notare come appena se ne occupano gli uomini, in questo caso un prete, quello che, in ambito femminile, ha profumo afrodisiaco, è piacere, ricompensa e nutrimento diventa invece punizione, castigo di Dio, in questo caso poco ecumenicamente, riservato agli Ebrei che non possono godere «di sì gustoso e delicato saluberrimo cibo» (don Vincenzo Chendi, «Il vero campagnol ferrarese», 1761). 
Don Vincenzo ha, tuttavia, il merito di codificare la prima ricetta con la presenza, tra gli ingredienti, della lingua e del cuore di maiale, quella ricetta che evolvendosi arriva fino a noi. La nascita della salamina è forse dovuta all’uso dei porcaroli, che l’inverno scendevano dalla Valtellina verso il Ferrarese, di fare un insaccato con una decisa presenza di fegato, oggi ridotta al 3%. Scrive Corrado Barberis («Atlante dei salumi»): «L'impasto della salama, esclusivamente suino, è composto da coppa di collo (53%), pancetta (32%), lardo di gola (10%), fegato (3%), lingua (2%). Si insacca nella vescica di suino, che essendo di spessore uniforme e molto consistente, risulta idonea alla stagionatura». 
L’impasto si arricchisce di sale, pepe (sono facoltativi chiodi di garofano e cannella) e vino rosso di corpo, quale un buon sangiovese o una barbera; le carni sono macinate finemente, la lingua è a tocchetti. 
Quindi la salamina viene legata con lo spago in otto spicchi e messa ad asciugare per qualche giorno in ambiente tiepido e lontano da fonti di calore, poi si stagiona per 8-12 mesi in un luogo fresco ed aerato. Al momento opportuno, la salamina andrà messa a bagno in acqua tiepida per 12 ore e, attenzione: se tende a galleggiare significa che all’interno si sono formate bolle d’aria ed è quasi certo che la carne sia irrancidita. Altrimenti andrà lavata delicatamente, fasciata in un sacchetto di tela, messa a cuocere sospesa ad un cucchiaio di legno, posto trasversalmente sul bordo della pentola, in modo che la salamina non tocchi il fondo nè le pareti: non va forata e va cotta dolcemente per cinque ore o più. Ora la si libera dal sacchetto, si mette su un piatto di portata rotondo, si taglia la parte superiore e con un cucchiaio si estrae la polpa. 
Se tutto è andato bene, il vino che si è seccato durante la stagionatura, rilascerà un sugo profumato che arricchisce la carne e dà vita alla purée che l’accompagna. La salamina è piatto festivo e natalizio e l’uso vuole anche che il sugo sia tenuto a parte per fare, insieme a briciole di carne rimasta, il risotto di Santo Stefano. D’estate, si mangia a fette, fredda, col melone. Lambrusco o sangiovese, e il piacere continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"