14°

27°

Il piatto forte

Quando la fame era nera si mangiava cereale scuro

Quando la fame era nera si mangiava cereale scuro
Ricevi gratis le news
0

Già nel ‘500, Pietro Andrea Mattioli, medico senese che esercitava in Trentino, citava nel suo Commentario del 1554: «Fanno i villani della sua farina non solamente pane, ma ancora polenta del che vivono il verno. Pestanlo ancora, e sguscianlo, e lo cuociono ne’ brodi della carne, come si fa col riso, e coll’orzo, e se lo mangiano nelle minestre, ma bisogna cuocerlo di forte, che i grani restino interi, e non si spolpino».
Alcune tracce le troviamo anche nei Promessi Sposi, allorché Renzo recandosi da Tonio, per invitarlo a fargli da testimone al suo matrimonio, lo trovò «in cucina, che dimenava, col mattarello ricurvo, una piccola polenta bigia, di grano saraceno».
Stiamo, infatti, parlando del grano saraceno la cui denominazione prelude a un cereale mentre appartiene alla famiglia delle Poligonacee, pianta molto diversa da quelle dei comuni cereali e del frumento in particolare. In alcune regioni italiane è conosciuto anche con il nome di fraina, fagopiro, formentone, grano nero. La provenienza del grano saraceno è nord-asiatica e tuttora è coltivato in Asia centrale, Giappone ed Europa centrale. La sua discesa in territorio italiano parte dalla fine del Quattrocento dove per le sue capacità di resistenza al freddo trova terreno fertile nel Nord Italia, specialmente ai confini con le popolazioni germaniche che ne facevano largo uso, tanto che se ne ha una documentazione, datata 1616, in Valtellina dove in breve divenne una coltura della tradizione locale. Il grano saraceno nei lunghi periodi di carestia (Manzoni docet) contribuì a sfamare tanta parte della popolazione più povera, e trovò largo impiego per la sua versatilità in cucina dove si utilizzava quasi tutto, le foglie lessate e condite come gli spinaci, i semi utilizzati come il riso nelle minestre, o macinato per preparare la famosa polenta nera o grigia, il pane e ancora altre specialità.
Con il tempo la sua coltivazione diminuì tanto che nel secolo scorso era quasi scomparsa e dobbiamo al Presidio sorretto dalla Comunità Montana Valtellina di Tirano e dal comune di Teglio il rilancio di questo ottimo prodotto per la preparazione di ghiotte ricette. Il fatto che non sia un cereale lo testimonia la sua pianta che è provvista di uno stelo erbaceo di colore rossiccio, alta sul mezzo metro, con foglie  cuoriforme irregolari, e i semi raccolti a spiga.
Il frutto al momento della maturazione è di colore bruno e una volta macinato produce una farina bigia con punteggiature scure date dalla buccia del chicco. Tra le spiegazioni del nome un paio sono affascinanti: una racconta come saraceno derivi dal colore dei granelli in quanto scuri come i mori; un’altra perché importato in Italia dagli stessi saraceni. An.Gri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Due incidenti mortali in provincia: sulla Gazzetta il ritratto delle vittime

Le vittime sono Federico Miodini, che lascia due bimbi piccoli, e Luigi Bertolotti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

SORBOLO

Abbandona rifiuti: 50enne multato

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

TENNIS

Nadal trionfa a Montecarlo: è l'undicesima volta!

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover