13°

25°

Il piatto forte

Mortadella amore mio

Mortadella amore mio
Ricevi gratis le news
0

Chichibìo

All’inizio fu Giovanni Boccaccio che, nella «Conclusione» del «Decameron», rivendica la libertà di scrivere delle cose della vita e quindi anche del «mortadello», nonostante questo potesse dispiacere a qualche bigotta bacchettona («spigolistra donna»).
Il 1348 è dunque la data d’ingresso, pur al maschile e non nel suo significato letterale, della parola nella cultura italiana -e lascio immaginare cosa, in quel caso, significasse.
La nascita del prodotto, l’amata profumatissima ghiotta mortadella, si perde invece nel tempo, insieme all’origine del nome che non si sa con certezza se fare risalire al mirto che lo profumava o allo strumento, il mortaio, utilizzato per sminuzzare le carni. Anche queste, in origine, furono varie: cinghiale (il myrtatum romano), maiale, bue, vitello, e anche asino, fegato; carni magre e grasse, a pezzetti più o meno sminuzzate, con spezie varie e marinature in aceto o vino, insaccate in budelli o vesciche, crude o cotte.
Fu un percorso lungo quello della mortadella e il gradimento presso gli uomini, le tappe di quell'evoluzione, sono ancora riconoscibili nella grande varietà di salumi che ne portano il nome e arricchiscono il patrimonio gastronomico delle regioni italiane.
Dall’antichissima mortadella romana di forma schiacciata, a quella umbra (a forma di parallelepipedo e lardellata), da quella di Campotosto (a forma ovale e venduta a coppia, i «coglioni di mulo») alla rarissima mortandèla avvolta nella rete di maiale, da quella di Prato (aromatizzata con alkermes) a quella di fegato con barbera o vin brulé - e sempre con spezie varie, a volta cruda, a volte cotta. All’interno di questo caleidoscopio di forme e sapori si costruisce l’universo della mortadella al cui centro si trova, per l’eccellenza della qualità, quella di Bologna, anzi «la» Bologna, come è conosciuta e gustata in tutto il mondo.
La sua fama di certo precedette le parole del viaggiatore inglese Ellis Veryard che notò nel suo «Diario di viaggio tra Francia, Italia e Spagna» (edito nel 1701) come «i bolognesi commerciano molto in seta, velluti, canapa... e soprattutto in salsicce, dette mortadella di Bologna, che vengono spedite in ogni parte d’Europa. Tagliano la carne in piccoli pezzi insaporendola poi con il sale comune, pepe, aglio e con essa riempiono budella di manzi, pecore, maiali, foggiando mortadelle: queste dopo essere state lasciate a bollire in acqua, avendo cura di cuocerle piuttosto poco che troppo, vengono appese alla cappa del camino fino a che stanno asciutte».
E così, pure la ricetta è servita: dal 1661 un bando del cardinal Farnese vietava di utilizzare anche carne di manzo e nel 1720 il cardinal Origo concedeva libertà di prezzo alle «eccellenti mortadelle» che dovevano essere contrassegnate da un sigillo di cera dell’Arte dei Salaroli.
Oggi la mortadella di Bologna si fregia del marchio Igp, garanzia di controllo e qualità ma, come s'è visto, non si tratta veramente di nulla di nuovo. Fatto solo con carne magra suina tritata finemente (70%) e cubetti di grasso di gola (30%), l’impasto viene mescolato assieme a spezie, erbe aromatiche, pistacchio, sale, pepe, quindi insaccato e cotto in stufe ad aria secca.
Gli artigiani più accorti utilizzano anche, per dare particolare gusto alla mortadella, il trippino (lo stomaco) del maiale; lavano con cura i lardelli, affinché si amalgamino meglio con la carne, a sua volta tritata in progressivi (dal più grosso al più fine) passaggi; legano a mano la mortadella, la cuociono lentamente a temperatura controllata.
La pezzatura può variare, ma sarà opportuno preferire quella attorno ai dieci chili. La sua carne entra, ed è fondamentale, nell’impasto dei tortellini emiliani che sono una delizia dei pranzi. Ristoranti ordinari la offrono tagliata a cubetti con l’aperitivo: mi sembra un’eresia, che tuttavia va segnalata e sconsigliata. Un grande cuoco modenese ne ha ricavato una mousse deliziosa che accompagna con gnocco ai ciccioli; voi, più semplicemente, affettatela col coltello, se volete apprezzarne la consistenza.
Ma, tagliata sottile a macchina, godrete dei suoi profumi, dei suoi aromi, di una leggerezza che progressivamente scende in profondità e libera un gusto unico. Andrà bene con un pane lieve e croccante, caldo per un colpo basso, e un lambrusco di Sorbara, secco e viperino o, secondo portafoglio, con un Franciacorta di precisa acidità o con un classico champagne, il tutto bevuto con misura. E sarà la merenda ideale, sempre una festa perfetta.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutte le foto del  royal baby

fotogallery

Tutte le foto del royal baby

Silvia Olari furto tablet

Foto d'archivio

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

3commenti

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

5commenti

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

Serie B

L'Empoli strapazza il Frosinone, il Parma resta al secondo posto

Lucarelli esorta tutti su Fb: "Non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta"

1commento

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

TERREMOTO

Il Bardigiano trema: 7 scosse in un'ora

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Varese

L'omicidio di Lidia Macchi: ergastolo per Stefano Binda

FRANCIA

Corruzione: in stato di fermo il finanziere Vincent Bolloré

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

INTERVISTA

Pin-up e "mister barba", parla la modella: "Ecco come ho creato il servizio fotografico" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover