10°

24°

HandyAmo

Libri parmigiani

Libri parmigiani handicap

libri parmigiani handicap

Ricevi gratis le news
0

Negli ultimi mesi, il dibattito sulla Città accessibile, e sulle barriere fisiche e mentali (ma soprattutto sul come superarle) si è arricchito a Parma di due preziosissimi libri, usciti a distanza di pochi mesi. Due libri che, diciamo subito, non solo aggiungono molto alle tematiche del mondo disabile, ma hanno tantissimo da insegnare anche agli altri. Perchè alla fine è vero quello che scrive Antonio nella sua introduzione: ovvero che le squadre di basket in carrozzina "sono più veloci che se avessero le gambe buone". E non è solo un modo di dire: la verità è che spesso, anzichè parlare di "diversamente abili", dovremmo tutti ammettere che parliamo di persone "più" abili, perchè costrette a correre più forte e a saltare più in alto, rispetto ai cosiddetti "normali".
Nell'estate del 2010, Antonio Franceschetti ha raccolto in un libro la storia, e soprattutto le emozioni, di "una generazione in gioco".                       
"Il libro di Giò" è infatti il racconto dei 25 anni della Polisportiva Gioco di Parma: un quarto di secolo a combattere e superare barriere, in campo e fuori. Un libro da leggere e da diffondere nelle scuole (come in effetti Antonio e gli altri hanno iniziato a fare), unito ad un bellissimo video , che già dice tutto sullo spirito della Gioco. Che però nel frattempo, tanto per ricordare anche le tappe che ancora mancano per la Città accessibile, attende una sede vera, dopo il trasloco dall'ex Eridania agli angusti spazi del palasport.
"La rivoluzione seduti" , dice tutto già dal titolo. E' la storia, anche qui molto concreta e con tanta grinta, di Walter Antonini, 50enne romano ma ormai da tempo parmigiano di adozione. Uno che la "rivoluzione" l'ha fatta, da seduto, l'ha fatta e la fa i tanti campi: lo sport, il lavoro (prima da pubblicitario ora da funzionario di banca), la politica (è assessore provinciale allo sport)... E il libro scritto insieme alla giornalista Maria Grazia Villa non nasconde nulla: si va dalla possibile prevenzione, ai problemi legati alla scuola, all'adolescenza, appunto al lavoro e così via. Con anche un paragrafo sulla sessualità, tema su cui troppo spesso si preferisce glissare.
C'è anche la prezioisissima introduzione di un tecnico fra i più vincenti del nostro sport: Gian Paolo Montali, che sottolinea l'emozione dell'aver visto una squadra in carrozzina vuincere alle Paralimpiadi. " Le loro lacrime? - dice Montali - Spontanee, di gioia, di pace e di libertà, ma soprattutto NORMALI e...bagnate". E il messaggio dell'allenatore parmigiano è chiarissimo. 
Negli ultimi mesi, il dibattito sulla Città accessibile, e sulle barriere fisiche e mentali (ma soprattutto sul come superarle) si è arricchito a Parma di due preziosissimi libri, usciti a distanza di pochi mesi. Due libri che, diciamo subito, non solo aggiungono molto alle tematiche del mondo disabile, ma hanno tantissimo da insegnare anche agli altri. Perchè alla fine è vero quello che scrive Antonio nella sua introduzione: ovvero che le squadre di basket in carrozzina "sono più veloci che se avessero le gambe buone". E non è solo un modo di dire: la verità è che spesso, anzichè parlare di "diversamente abili", dovremmo tutti ammettere che parliamo di persone "più" abili, perchè costrette a correre più forte e a saltare più in alto, rispetto ai cosiddetti "normali".
Nell'estate del 2010, Antonio Franceschetti ha raccolto in un libro la storia, e soprattutto le emozioni, di "una generazione in gioco".                       
"Il libro di Giò" è infatti il racconto dei 25 anni della Polisportiva Gioco di Parma: un quarto di secolo a combattere e superare barriere, in campo e fuori. Un libro da leggere e da diffondere nelle scuole (come in effetti Antonio e gli altri hanno iniziato a fare), unito ad un bellissimo video , che già dice tutto sullo spirito della Gioco. Che però nel frattempo, tanto per ricordare anche le tappe che ancora mancano per la Città accessibile, attende una sede vera, dopo il trasloco dall'ex Eridania agli angusti spazi del palasport.
"La rivoluzione seduti" , dice tutto già dal titolo. E' la storia, anche qui molto concreta e con tanta grinta, di Walter Antonini, 50enne romano ma ormai da tempo parmigiano di adozione. Uno che la "rivoluzione" l'ha fatta, da seduto, l'ha fatta e la fa i tanti campi: lo sport, il lavoro (prima da pubblicitario ora da funzionario di banca), la politica (è assessore provinciale allo sport)... E il libro scritto insieme alla giornalista Maria Grazia Villa non nasconde nulla: si va dalla possibile prevenzione, ai problemi legati alla scuola, all'adolescenza, appunto al lavoro e così via. Con anche un paragrafo sulla sessualità, tema su cui troppo spesso si preferisce glissare.
C'è anche la prezioisissima introduzione di un tecnico fra i più vincenti del nostro sport: Gian Paolo Montali, che sottolinea l'emozione dell'aver visto una squadra in carrozzina vuincere alle Paralimpiadi. " Le loro lacrime? - dice Montali - Spontanee, di gioia, di pace e di libertà, ma soprattutto NORMALI e...bagnate". E il messaggio dell'allenatore parmigiano è chiarissimo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno