IL '68 CINQUANT'ANNI DOPO

IL DUOMO OCCUPATO: FRANCESCO SCHIANCHI Il portavoce della protesta: «Noi, cattolici del dissenso, volevamo cambiare la Chiesa»

IL DUOMO OCCUPATO: FRANCESCO SCHIANCHI Il portavoce della protesta:  «Noi, cattolici del dissenso,  volevamo cambiare la Chiesa»
Ricevi gratis le news
0

Francesco Schianchi, originario di Langhirano, diplomato al Romagnosi, si è laureato a Milano in storia contemporanea e vanta un lungo curriculum come copywriter, direttore creativo, autore di libri per bambini, professore a contratto al Politecnico, docente di Marketing allo Iulm, ma ci tiene molto al suo impegno sociale e al corso di sartoria che ha tenuto per le detenute di Rebibbia.

Lei è stato il portavoce durante l’occupazione della Cattedrale di Parma. Come ci è arrivato?

«L’occupazione della Cattedrale di Parma è in realtà uno dei tanti episodi che mi videro protagonista diretto in quegli anni come cattolico del dissenso. Prima di allora avevo già promosso un’assemblea ecclesiale di cattolici, protestanti ed ebrei all’Università Cattolica, dalla quale sono poi stato di fatto espulso nel 1969 proprio per i miei atti di contestazione verso le gerarchie ecclesiastiche. Così mi sono laureato alla Statale con una tesi sulla contestazione della Chiesa in Italia e in Europa. All’occupazione del Duomo di Parma sono arrivato perché qui ho vissuto fin da bambino giocando a calcio e baseball nella parrocchia del Corpus Domini, e qui ho avuto come compagni di liceo diversi giovani de “I Protagonisti”, con i quali i rapporti sono sempre stati vivi. Io condividevo appieno le loro battaglie e le loro rivendicazioni per la riforma della Chiesa. E poi mi sentivo in sintonia con i movimenti che operavano all’Università. Ovunque si mettevano in discussione l’autoritarismo e l’arroganza del potere. I nostri padri avevano costruito un mondo troppo simile a quello vecchio. Doveva cominciare dall’Università la democrazia delle istituzioni».

Torniamo all’occupazione del Duomo, come avvenne?

«L’abbiamo elaborata nella sede della sinistra DC, al circolo “Vanoni”. Lì abbiamo scritto i tazebao che chiedevano scelte radicali in favore dei poveri e niente più chiese costruite con i soldi delle banche, e dicevano no ai preti scomodi fuori dalla scatole. Da lì siamo partiti per occupare la Cattedrale, non contro qualcuno, ma per affermare una chiesa diversa e solidale, nello spirito cristiano più autentico, che oggi sembra in qualche modo incarnato da papa Bergoglio. La mattina del 14 settembre mi chiamò l’assistente del vescovo per scongiurare l’occupazione: gli risposi che non ce l’avevamo con loro, ma che semplicemente ci contrapponevamo a modelli culturali e dinamiche di potere lontano dallo spirito originario della Chiesa. Così nel pomeriggio entrammo in duomo, leggemmo brani della Bibbia, facemmo meditazione teologica, fino a quando alle 19, ora di chiusura, entrarono le forze dell’ordine e ci trascinarono sulla navata».

E’ vero che lei li affrontò con molta determinazione?

«Semplicemente gridai “Questa è la casa di Dio, toglietevi il cappello!”, e per un momento rimasero sconcertati».

Lei è stato considerato all’epoca come una specie di rivoluzionario di professione…

«In realtà eravamo molto ingenui. Parole come compromesso, opportunismo, privilegio, non esistevano nel nostro vocabolario. Io cercavo di essere ovunque fosse utile per contrastare il “disordine costituito”. Fui a Roma all’assemblea dei preti solidali, nel ’69 partecipai alla veglia di preghiera nel duomo di Milano, meritandomi dal cardinal Colombo l’epiteto di “scimmia di Dio, che va da una parrocchia all’altra per fomentare disordini».

Cosa è rimasto in lei di quelle esperienze?

«Mi è rimasta una scelta di campo profonda nei confronti degli ultimi. In questi anni ho cercato di insegnare ai giovani un percorso critico, il valore della diversità, la capacità di andare fuori dalle righe, ho spiegato che fare politica vuol dire lavorare perché le persone tornino proprietarie del loro futuro, un futuro che esiste già oggi. Potrei concludere con una riflessione: se abbiamo fatto il ’68, è proprio grazie al fatto che non ci serviva a niente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Victoria's Secret Fashion Show 2018, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

moda

Victoria's Secret Show, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

1commento

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

3commenti

Lealtrenotizie

Jiang Lizhang parte alla carica: "Il Parma è mio. Pronto al tribunale per riprendermelo "

Il caso

Lizhang all'attacco: "Pronto a vie legali per riprendermi il Parma". Nuovo Inizio: "Socio non adeguato, riacquisto legittimo"

2commenti

Indagine Italia Oggi

Qualità della vita, Bolzano sempre al top. Parma sale un gradino ed è sesta

1commento

Medesano

Incendio alla ex fornace di Felegara, quella dell'allarme "eternit sulle coperture"

anteprima gazzetta

Villetta in via Langhirano razziata dai ladri

12Tg Parma

Ancora grave (ma stazionario) il 41enne vittima dell'incidente mortale di Diolo Video

SOLIGNANO

Brutta caduta per un endurista: soccorso nei boschi di Specchio

NOCETO

Borghetto, disinnescata la maxi bomba americana: gli evacuati tornano a casa Video Foto

Tutte le precauzioni per chi vive oltre il raggio di evacuazione totale

SAN SECONDO

Addio a «Filli», era stato assessore

Parma calcio

Sondaggio - La coppia-gol che ci ha fatto sognare di più? Ça va sans dire Chiesa-Crespo. I risultati

WEEKEND

Passeggiata fra i misteri di Parma, gara di torte, November Porc a Zibello: l'agenda

EMERGENZA DROGA

Il questore: «La metà dei sequestri di droga della nostra regione avviene a Parma»

7commenti

SORAGNA

Addio Simone, lattoniere esperto e norcino per passione. Aveva 36 anni

solidarietà

"Un gol per Giocamico": al Tardini la sfida con i campioni indimenticati Foto

INIZIATIVA

Zibello, tutti pazzi (e golosi) per November Porc Foto

commercio

Barilla center, da gennaio cambia pelle con un nuovo progetto architettonico

1commento

UNIVERSITA'

Mobilità elettrica: il 22 convegno di EMS al Campus

"Mobilità elettrica, il futuro è oggi!": gli esperti radunati dall'associazione studentesca a confronto per sciogliere tutti i dubbi sulla mobilità a zero emissioni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché è giusto ricordare la guerra dei nostri nonni

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta  - Mele al forno rivisitate

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Tim, Luigi Gubitosi nominato ad

terremoti

Scossa di magnitudo 4.2 (e paura) nel Riminese

SPORT

TENNIS

Sorpresa finale: Zverev strapazza Djokovic

F3

Pauroso incidente al Gp di Macao: frattura vertebrale per la tedesca Floersch

SOCIETA'

New York

L'aereo viaggia di sabato, ma è "riposo sabbatico": rissa in volo con ebrei

VELLUTO ROSSO

Lodo Guenzi (Stato Sociale), la storia dell'Impressionismo e "Ogni bellissima cosa"

MOTORI

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta

ANTEPRIMA

Aston Martin DBX, il primo Suv non sarà elettrico