13°

28°

IL CASO

Sms di Calaiò e Ceravolo: Spezia-Parma sotto inchiesta

ue sms ad altrettanti giocatori dello Spezia: Ceravolo e Calaiò nei guai per un'ingenuità. E il Parma di conseguenza. Si aspettano gli sviluppi dell'inchiesta...

Sms di Calaiò e Ceravolo: Spezia-Parma sotto inchiesta
Ricevi gratis le news
13

Ci vediamo prossimamente: più o meno avrebbe digitato Fabio Ceravolo. Mi raccomando non picchiatemi troppo: la preoccupazione di Calaiò. Che dopo un paio d'ore avrebbe spiegato che tanto non giocava nemmeno, anche perché poi ha quasi finito la carriera: più o meno erano di questo tenore (almeno secondo quanto rimbalza sull'asse La Spezia-Roma visto che il Parma si è chiuso nel silenzio assoluto) i tre sms che i due crociati hanno spedito rispettivamente ai «bianchi» Filippo De Col e a Alberto Masi, prima di Spezia-Parma del 18 maggio, terminata 2-0.

VIA ALLE INDAGINI

E per questi tre sms, che definire «ingenui» è poco, sono scattate le indagini della Procura Federale guidata da Giuseppe Pecoraro. Perché uno dei due giocatori dello Spezia li ha mostrati al team manager che a sua volta aveva avvisato, come da regolamento, l'ad Luigi Micheli. E lo Spezia non è che abbia denunciato il Parma ma, sempre da regolamento, anche per evitare l'accusa (pesante) di omessa denuncia, ha informato le autorità competenti. Una comunicazione che si è trasformata poi in un'indagine: un atto dovuto.

INCHIESTA APERTA

E l'inchiesta su questa gara è ancora aperta. Le indagini infatti hanno riguardato i giorni della vigilia della partita, la partita stessa (prima, durante e dopo) e i giorni seguenti. Peraltro questa «attenzione» è stata dedicata a tutte le gare decisive della serie B nell'ultima giornata. Le indagini su Spezia-Parma sono proseguite anche dopo. E sono culminate con le convocazioni dei giocatori e dell'ad dello Spezia coinvolti giovedì scorso e venerdì dei due giocatori del Parma. Nessun dirigente invece è stato convocato (per ora): particolare importante perché conferma l'estraneità del club.

L'EPILOGO

La prossima settimana la Procura Federale dovrà decidere se proseguire le indagini, magari sentendo altri tesserati, oppure dovrà scegliere quale strada intraprendere, dall'archiviazione sino al deferimento. Nel secondo caso inizierà il processo sportivo.

UN ATTO DOVUTO

La sensazione è che si tratti di un atto dovuto figlio comunque di un paio di sms tanto ingenui quanto ambigui. La Procura dovrà giudicarli, tenendo conto probabilmente della poca avvedutezza dei due giocatori crociati. Di queste inchieste ce ne sono molte, in ogni campionato. Ma quest'anno come l'anno scorso spunta sempre e soltanto quella che riguarda il Parma. Niente complotti. E a pensar male si fa peccato... Ma spesso ci si azzecca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Uccio

    14 Giugno @ 11.35

    Non ho parole per descrivere un avvenimento (gli SMS) per cui, parlare di ingenuità, mi sembra molto riduttivo; come minimo si tratta di stupidità....come massimo si tratta proprio di corruzione.Speriamo bene ma tira un’aria che mi piace poco. Ritardano la sentenza per aspettare come andrà a finire la finale di ritorno fra Palermo e Frosinone e per non comunicare loro, prima della suddetta partita, che saranno entrambe in serie A.

    Rispondi

  • jan solo

    11 Giugno @ 10.28

    una ragione in più per cacciarli entrambi con ignominia, previa salta multa !!! spero che il Parma abbia il coraggio di farlo!! e che non ci siano ripercussioni negative per la società, visto in che nazione viviamo!!!!

    Rispondi

    • DAVIDE

      11 Giugno @ 12.36

      Devo darti ragione jan solo. Bisognerebbe essere più onesti e cacciarli via come hanno fatto Barcellona e Real Madrid che hanno cacciato Messi e Ronaldo che hanno evaso al fisco spagnolo milioni di euro in tasse (pechè scusate....io non me ne intendo tanto....ma li hanno cacciati via, vero ??).

      Rispondi

  • DAVIDE

    11 Giugno @ 10.20

    Di tutte queste uscite (ancora il tuffo carpiato dell'attaccante del Pordenone ?? Ma basta !! - Il furto inaudito ai danni delle teste quadre. - il rigore sacrosanto ma da "meditare" ai danni della Juve in Champions) lascio stare. L'unica cosa sensata l'ha detta marco: Ceravolo e Calaiò sono veramente due piti (e il termine da utilizzare sarebbe molto più pesante: marco, sei stato "buono"). Agli amici (soprattutto quando avversari prima di una partita importantissima) si scrive dopo la partita. E poi, per scrivere delle str........ fai sempre in tempo. Per educare all'uso corretto del cellulare (ma un tempo non serviva solo per telefonare ??) una piccola squalifica ai due gliela darei. Magari di due mesi (luglio e agosto ovviamente !!!!)...........

    Rispondi

  • boom

    11 Giugno @ 09.20

    Di questo passo finiremo col dire che il Parma è tornato in A nonostante sia stato danneggiato dagli arbitri... e il povero Tedino che in due partite ha perso prima la promozione e poi di fatto il posto di lavoro !!!!

    Rispondi

  • marco

    10 Giugno @ 23.59

    Questa storia mi fa venire in mente un battuta del film johnny stecchino: il problema di Palemmo....è il traffico. E sia chiaro che qui il Palermo calcio non c'entra niente. Comunque, due considerazioni: 1) Ceravolo e Calaiò sono 2 piti. 2) Fossi in loro cercherei meglio gli amici.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

1commento

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno