-2°

15°

CALCIO

"Tentato illecito", il Parma commenta: "Accusa sconcertante, non abbiamo comunicazioni al riguardo"

"Tentato illecito", il Parma commenta: "Accusa sconcertante, non abbiamo comunicazioni al riguardo"
Ricevi gratis le news
2

Il Parma commenta l'accusa di "tentato illecito sportivo" (sul caso degli sms di Calaiò e Ceravolo) con un comunicato stampa in cui sottolinea di non aver ancora ricevuto alcuni tipo di comunicazione a riguardo. La società definisce "sconcertante" l'accusa e sottolinea che già in passato "ha dovuto sopportare danni di immagine notevoli in ordine ad accuse infamanti rivelatesi infondate, senza ricevere alcuna tutela". Il Parma rassicura i tifosi (la vicenda "non potrà che definirsi senza conseguenze per il Parma") e chiede loro di stare vicini alla squadra. 
 

Il comunicato del Parma: 
Il Parma Calcio 1913 apprende con sgomento e sconcerto le notizie di stampa riguardanti l’asserito deferimento per la presunta violazione dell’art. 7 del Codice di Giustizia Sportiva, che sarebbe stato contestato in data odierna dalla Procura Federale al Club e ai propri tesserati Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo per l’invio di alcuni messaggi di testo ad ex compagni di squadra prima della partita Spezia-Parma e desidera precisare quanto segue:

* Riteniamo che l’accusa di tentato illecito sportivo, se confermata visto che la società a tutt’ora (le ore 13:55 di mercoledì 20 giugno) non ha ancora ricevuto alcun tipo di comunicazione a riguardo, rispetto alle condotte riscontrate, sia sconcertante. Non riusciamo davvero a concepire come testo e tenore dei messaggi in questione possano integrare una fattispecie così grave e siamo convinti che chi dovrà giudicare lo farà nel rispetto delle norme, della giustizia e del buon senso. Il Parma Calcio 1913 continua a nutrire la massima fiducia nella Giustizia Sportiva, ma chiede che la verità venga stabilita nel modo più rapido possibile, per rispetto nei confronti del club e dei suoi tifosi.

* La Società – che ricordiamo non è mai nemmeno stata convocata o ascoltata in ordine a questo procedimento – auspica che, come sono stati resi pubblici molti dettagli delle indagini, possano essere resi pubblici dalla Giustizia Sportiva, da subito o al termine del procedimento, anche i testi dei messaggi in questione, affinché tutti gli sportivi italiani possano avere contezza del tenore degli stessi.

* Già nel recente passato, il Parma Calcio ha dovuto sopportare danni di immagine notevoli in ordine ad accuse infamanti rivelatesi infondate, senza ricevere alcuna tutela. Nelle ultime settimane sta inoltre assistendo ad un crescendo di dichiarazioni aggressive e insinuanti da parte di tesserati e dirigenti di altre società, senza che nessuno abbia mai censurato questi comportamenti o mosso un dito. Il Parma Calcio non è mai entrato a far parte di questo circo. Continuerà a starne fuori. Ma non ha alcuna intenzione di partecipare a un processo mediatico, dove giorno dopo giorno si alternano notizie contrastanti e la Società si ritrova ad apprendere dai giornali l’evoluzione della inchiesta in questione. Per primi vogliamo chiarezza, giustizia e rispetto delle norme.

* Da ultimo vogliamo continuare a rassicurare i nostri tifosi, in quanto rimaniamo convinti che in alcun modo i fatti contestati possano rappresentare un illecito. Siamo pertanto certi che questa vicenda – che sta comunque arrecando al Parma ingenti danni di immagine, tecnici, commerciali ed economici – non potrà che definirsi senza conseguenze per il Parma Calcio. Chiediamo a tutti i nostri tifosi di rimanere vicini a questa società e a questa squadra e a tutte le persone che la compongono, che meritano la fiducia di tutti noi per il comportamento sempre dimostrato in campo e fuori dall’inizio del nostro percorso di rifondazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • enrico

    20 Giugno @ 18.45

    Comunque vada Calaiò deve andare molto lontano da Parma, perché, ingenuo o furbetto, innocente o colpevole, da uomo di 36 anni che si comporta da ragazzino scrivendo messaggi, quanto meno inopportuni e sciocchi, non è il caso che calchi ancora il prato del Tardini!

    Rispondi

  • max

    20 Giugno @ 18.09

    Non prendo posizione da tifoso, ma mi sembra veramente impossibile che la proprietà, composta da persone a cui probabilmente interessa molto meno la serie A che non la propria immagine considerando le aziende che hanno dietro, potrebbe mai accettare un certo "circo". Anche di nostre responsabilità ovviamente. Spero veramente che non ci sia da salvare qualcuno o qualcosa. Nel caso non ci si può limitare a protestare. Vediamo come finisce e poi muoversi di conseguenza. Esempio: le televisioni la fanno da padrone? Quanti abbonati ci sono a Parma? Non sembrava possibile, ma ricordate quando Signori fu acquistato dal Parma? Non penso sarebbe difficile organizzare una disdetta collettiva.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La paranza dei bambini miglior sceneggiatura a Berlino

festival del cinema

La paranza dei bambini miglior sceneggiatura a Berlino

Celebrety

Ontario

Paura per Jennifer Aniston e Courteney Cox: atterraggio d'emergenza Video

Zalone, nuovo film Tolo Tolo esce 25 dicembre

cinema

Checco Zalone, il nuovo film "Tolo Tolo" esce il 25 dicembre

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone. Occhi puntati sui i nuovi Samsung. In arrivo il modello del decennale: ecco le tappe dell’evoluzione dei Galaxy s

HI-TECH

Smartphone: occhi puntati sui nuovi Samsung

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Ancora un secondo tempo "fatale", Pavoletti affonda i crociati: Cagliari-Parma 2-1

serie a

Ancora un secondo tempo "fatale", Pavoletti affonda i crociati: Cagliari-Parma 2-1

Finito il match, dai i voti ai crociati con il pagellone - Vota

6commenti

soccorso alpino

Scivola lungo un pendio per 200 metri sul monte Cimone: grave un ragazzo di Parma

Cagliari-Parma

"Difesa, qualcosa da riguardare, Gervinho oggi un uomo in meno" Videocommento di Paolo Grossi

3commenti

incidente

Scontro frontale a Fornovo: un ferito grave al Maggiore

Tardini

L'ultrà granata arrestato? E' un praticante avvocato

6commenti

guardia di finanza

"Prelievi" dai conti condominiali: sequestrati 40mila euro a un amministratore infedele

3commenti

fiere

I ricordi parmigiani della leggenda Felice Gimondi all'Outdoor Fest Video

carabinieri

Cani anti-droga tra il Parco Ducale e San Leonardo: tre pusher denunciati

VIABILITA'

A1, incidente tra il casello di Parma e il Bivio A1/A15 Tempo reale

anticiclone

Meteo, è anticipo di primavera. Temperature sopra la media

Strada Mercati

L'Ifoa del mirino dei ladri

weekend

Sciate,  castelli "d'amore" e... romanzi rosa: l'agenda del sabato

solignano

Sorpresi mentre depositano rifiuti lungo la strada: scatta la multa

1commento

I NUOVI ITALIANI

Generazione Mahmood: figli di genitori stranieri e italiani più che mai

2commenti

SERIE A

Qualche cerotto per il Parma

LUTTO

E' morta Rosaria Raffa, «Sara» creativa e gentile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

CALCIO

Il pagellone di Cagliari - Parma: votate

EDITORIALE

Il libro di Renzi. Tante critiche e tanta voglia di ritornare

di Domenico Cacopardo

ITALIA/MONDO

Torino

Carmagnola, spari da un'auto contro due indiani: un morto e un ferito

Napoli

Freddato con un colpo alla testa tra la folla del sabato sera

SPORT

Serie A

Bergamo: il Milan, trascinato da Piatek, batte l'Atalanta (3-1)

baseball

E' morto Rino Zangheri, mitico patron del Rimini Baseball

SOCIETA'

Stati Uniti

Addio a Lee Radziwill, la sorella minore di Jackie Kennnedy

Ucraina

Venti strumenti in uno: il pianoforte diventa un'orchestra Video

MOTORI

moto

Guzzi Fast Endurance, l’aquila torna in pista

SERIE SPECIALE

Jeep Renegade S, porte aperte nel weekend