14°

26°

cultura

La coda del mulo

Il racconto della domenica

La coda del mulo

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

Codino era un leprottino rosso; soltanto la coda era nera. Proprio tutta nera, senza neppure una macchia chiara. Se la portava in giro tutto il giorno, diritta e birichina, e non l’abbassava neppure quando la mamma lo metteva in castigo. In castigo Codino ci andava molto spesso. Abitava in un bosco con mamma, papà e tre fratellini. «Dove sei stato» chiedeva mamma leprotta, vedendolo sporco di terra, con i baffi verdi e il naso giallo di polline. «Sono stato - rispondeva Codino - dalla signora Scoiattolo, tua amica, ad aiutarla». «Ad aiutarla?» chiedeva la mamma stupita. «Certo - rispondeva Codino - aveva tante noci e nocciole da portare a casa sua; il mio aiuto lo ha accettato volentieri». Ma il codino gli tremava… perché… stava raccontando una bugia. Le bugie gli facevano tremare la coda.
«Codino - ammoniva la mamma - mi pare tu stia mentendo». «Io?» ribadiva Codino arricciando il naso «figurati! Davvero, mamma, ti ho detto la verità». La mamma scrollava il capo, poco convinta: che birichino di figliolo aveva mai! Era impossibile tenerlo in casa, appena essa voltava l’occhio, Codino era già lontano. Chissà dove. Un giorno Codino passeggiava per il bosco, quando vide l’Ape Regina uscire dall’alveare. Gli venne un’idea: l’alveare era lassù, su quel salice. Codino s’arrampicò e più si avvicinava, più gustava il delizioso profumo del miele. Appena due leccate, pensava Codino. Si fermò e già con la lingua toccava i favi, quando sul naso gli si posarono due api operaie. «Ahi - urlò Codino - che cosa vi ho fatto, perché mi trattate così!». «Siamo venute a casa tua - risposero le api - a rubarti l’erba e le bacche? Vattene via e non tornare mai più». Codino aveva un naso che sembrava un pomodoro tanto era rosso e gonfio. «Ahi, ahi - urlava per il bosco -, dove lo metto questo mio povero naso?». «Vieni - gli disse il ruscello - sono qui io». Codino mise il naso nell’acqua e rimase fermo, con il codino in aria. «Come faccio a tornare a casa con questo naso» piagnucolò Codino. «Se tu ascoltassi la mamma, queste cose non ti succederebbero» rispose il ruscello. Codino era già lontano con il suo naso rosso che gli bruciava: «Che cosa hai fatto?» chiese la mamma quando se lo vide davanti conciato in quel modo. «Io - rispose Codino -, io… ma il riccio com’è cattivello. Gli ho chiesto: signor Riccio sta dormendo? Non lo volevo certo svegliare. Volevo parlare, ma il Riccio ha detto ''Vai via''. E mi ha punto il naso con i suoi terribili aculei». Il codino gli tremava, figurarsi: «Non ho mai saputo - rispose seria la mamma - che i ricci pungano i leprotti, se questi sono educati». Lo lasciò con il naso gonfio e non lo ristorò neppure con una leccata. Lo lasciavano fare, apparentemente indifferenti, non gli chiedevano più dove vai e che cosa hai fatto. Non lo castigavano mai, ma neppure lo baciavano prima di dormire. La mamma lo guardava appena, con gli occhi tristi. Sono come il babbo, pensava Codino, vado e vengo come il padrone. «Codino - gli chiese un grillo, dove vai?». «Dove mi pare - rispose Codino. «Ho visto la volpe da queste parti, stai attento». «Figurati: non ho paura della volpe». Invece della volpe incontrò il Muloocchigialli che brucava. Come è buffo quel mulo, pensò Codino. «Stai bene Mulo?» gli domandò. «Non c’è male, grazie; ma l’erba è dura e io sono senza denti». «Allora sei vecchio». «Vecchio, sì, gli anni passano». «Che buffa coda hai, Mulo» disse sfacciato Codino. «Una coda - rispose il Mulo - come ce ne sono tante. Perché dovrebbe essere buffa?». «Te lo dico io che è buffa: è così lunga che tocca l’erba. Prova a tenerla dritta come la mia». «E chi ce la fa? rispose il Mulo. Poi continuò: stai attento, la Volpe passeggia da queste parti». «Faccia pure: sono fatti suoi. Non ho paura!». Ecco che dal folto del bosco si vide comparire il muso lungo e fulvo della Volpe. «La Volpe - urlò il Mulo - c’è la Volpe Codino!». Per la gran paura Codino rimase lì, come di gesso. «Svelto - disse il Mulo allungandogli la coda -. Sali sulla mia groppa». Codino finalmente capì. Le zampe gli tremavano, ma riuscì ad arrampicarsi. Il Mulo prese a trottare per il bosco. «Ti è servita a qualcosa la mia coda, è vero? Ed ora dove ti porto?». Ma erano ormai giunti alla casa di Codino. La mamma era là con i tre fratellini. «Sei tornato?» gli disse appena. «Se lo mangiava la Volpe - disse il Mulo - se non c’era la mia coda!». «Mi meraviglia - ribadì la mamma - che un leprotto coraggioso e indipendente come Codino non sappia difendersi dalla Volpe». «Mi mangiava davvero, mamma». «Lo credo - essa rispose - perché lo ha detto il Mulo che è per bene». «Ma se mi mangiava, tu non piangevi, mamma?». «No. Avrei detto: non è tornato Codino». «Appena!». «Appena. Non ti vedo mai, sei sempre in giro e torni per raccontare bugie». Codino cominciò a piangere, perché rivoleva il bene della mamma. La quale chiese al Mulo: «Davvero mi hai riportato un leprotto bravo?». «Lo spero» rispose il Mulo. Poi se ne andò per il bosco con la sua coda lunga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

LUTTO

Addio a Benecchi, storico oste di borgo dei Grassani

3commenti

PARMA CALCIO

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club" Video

2commenti

PARMA

Spaccio in Oltretorrente, i residenti: "Chiediamo l'identificazione dei clienti" Video

7commenti

Processo

Public money, le difese: «Assolvete Costa e Villani»

3commenti

brescello

Spray urticante in faccia al venditore per non pagare l'iPhone: in carcere 26enne

Il giovane aveva risposto a un annuncio online

Ambiente

Le Guardie ecologiche: «Non possiamo più tutelare la natura come prima»

2commenti

BORGOTARO

Addio a Maria Rosaria Brugnoli, colonna del volontariato

PARMA

Proges, positivo il bilancio 2017. Michela Bolondi alla presidenza

Traversetolo

Musulmani, la polemica sul cambio di sede

1commento

Collecchio

Rompono i vetri ma nell'auto non c'è niente

1commento

BEDONIA

Addio alla maestra Maria Luisa Serpagli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

6commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

Gran bretagna

Centomila persone in piazza contro la Brexit

ROMA

La morte dello chef Narducci e dell'assistente: automobilista indagato per omicidio stradale

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse