17°

29°

Il racconto della domenica

Quel giorno Ghizzardi parlò

il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

Le prime volte che Pietro Ghizzardi ci leggeva la sua autobiografia, «Mi richordo anchora», destinata a vasta rinomanza, ci chiedevamo, Giovanni Negri e io, se le persone e i posti che nominava fossero reali, o glieli suggerisse la fantasia.
Il singolare pittore-scrittore non dava spiegazioni, si compiaceva di leggere e rileggere a voce alta senza dirci chi era questo o quell’altro. Noi ci saremmo occupati dell’edizione a stampa, la nostra dunque non era semplice curiosità. Se il racconto aveva un fondo storico, le verità dovevano figurare chiaramente, non mascherarsi, e ci sembrava che Pietro invece giocasse a nasconderello.
Ma eravamo noi a non capire, per un semplice motivo, che semplice si rivelò soltanto dopo che l’enigma fu svelato. Non parlavamo la sua lingua, tutto lì. Una lingua è come un minestrone, non si finisce mai di aggiungere o togliere, e non sappiamo ancora se val meglio parlata o scritta.

Pietro non si è mai preoccupato di verificare quanto il libro a stampa mantenga o meno la pronuncia originale e quanto la sua assenza possa danneggiare il ricordo.
Pietro era un «parladur», uno che parlava anche mentre scriveva, e che non leggeva se non a voce alta. Leggeva le parole con gli occhi ma le capiva con le orecchie, quando si ascoltava. Personalmente lo incontrai così, in un momento di appassionata scrittura oratoria.
Era seduto nel cortile di casa a Santa Croce di Boretto. Parlando come fosse al microfono, scriveva: «Sono qui, seduto sulla mia sedia stile Impero, dove scrivo una lettera al Papa. Il Papa la capirà, nel mio stile internazionale. Pietro, dirà il Papa, tu non puoi mentire-e-e e…!».
Vedendomi, saltò in piedi e gridò: «Urca, che paròli!» e spalancò i suoi occhi perplessi, tenero-pungenti. Imprecava contro il progresso, i giovani, la scienza spaziale, le macchine agricole, il traffico stradale, l'arroganza. Il futuro sarà una sciagura per i contadini, costretti a uccidere coi veleni la loro madre terra. Parlava con se stesso, convinto di tenersi in contatto con gli altri. Il suo era un diario, non un racconto, e come tale non si poneva limiti di esposizione e indirizzi di percorso. Scrivere senza abbandonare le parole parlate aveva uno scopo: citare, interpretare il testo, magari cambiarlo a volontà, senza traccia di cancellature. Un modo per non negare l’ospitalità a qualsiasi richiamo della vita trascorsa, una recherche spontanea, non pianificata. Le voci arrivavano da ogni parte, spingevano per entrare, erano davvero troppe, avvolte dall’incertezza che assumono con la distanza, e lui non riusciva a spiegarle, ad essere più preciso.
Il disgelo avvenne quasi per caso. Daniele Ponchiroli, originario di Viadana, prezioso, insostituibile consulente della Einaudi, avvertì che Ghizzardi si sentiva a suo agio con lui. L’accento di Daniele lo riportava in famiglia. Non bisognava assillarlo di domande, impostare interrogatori da indagine giornalistica o poliziesca, ma piuttosto mettersi in chiacchiere, far filoss come in campagna, nelle stalle, o davanti alla porta di casa nei borghi. Confortato dalla guida sonora di Daniele, Pietro in poco tempo diede nome alle persone, ai luoghi, alle circostanze e ci rassicurò riguardo all’autenticità delle notizie riportate nell’autobiografia.
La rivelazione ci sorprese, me in particolare. Fino ad allora non avevo saputo che Pietro Ghizzardi era nato anche lui a Viadana. La maieutica messa in opera dalla colta pazienza di Ponchiroli aveva sortito l’effetto. Il ritratto dell’originale pittore- scrittore, temperamento che procedeva d’intuito, per sensazioni, non poteva risultare più completo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

12Tg Parma

Gli audio dei rapinatori: "Faranno un film su di noi"

Borgotaro-Imperia

La refurtiva è a fianco dell'altare: sacerdote denunciato per furto di oggetti sacri (tra cui Gorro)

COLORNO

Quel bimbo imboccato a forza fino a fargli rigurgitare tutto

COLORNO

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore» Video

tribunale

Scontri Cremonese-Parma: daspo per 10 tifosi crociati

incidente

L'auto finisce fuori strada e si ribalta: un ferito a Citerna

Evento

Langhirano-Parma: sabato camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

12Tg Parma

Varco Ztl di piazzale D'Acquisto, nel primo mese 1.800 passaggi accertati Video

Busseto

Straziante addio alla piccola Carla

Pronto soccorso

La vita in «trincea» di medici e infermieri

Ex Eridania

Allarme: tartarughe in agonia nelle vasche del parco

2commenti

gazzareporter

"Il Parco Falcone e Borsellino maltrattato"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

ROMA

Mostro del Circeo, Izzo rivelazione choc: uccidemmo anche un ragazza veneta

roma

Scritta "Br" sul monumento a Moro e ai caduti di via Fani

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv