11°

17°

Il racconto della domenica

Sei tornata, balda gioventù

il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

Ricevi gratis le news
0

Zio Isacco in famiglia lo ritenevano un genio: “Isacco dà lo scacco”. Scriveva di storia locale e durante la guerra conobbe personaggi appartati per motivi politici, o razziali come lui, in una cantina a pelo dello stradone dove passarono gli stivali tedeschi, fino agli ultimi. Underground Isacco aveva collezionato argomenti poco noti in Italia, come…
Nell’estate 1954 la partenza di Hellmut Friedlässen era ormai certa. A vent’anni compiuti, Monaco di Baviera stava diventando per lui un corpo inerte. Non che gli mancassero le soddisfazioni. Specialista di un’arte del movimento detta “gimnoritmia”, e prossimo alla notorietà, contava estimatori sinceri, ma troppo ingenui, demodé. Per quanto satura di tradizioni culturali, Hellmut respirava un’aria denaturata.
Destinata a un pubblico d'intenditori, che poi la praticavano a scopo igienico e ascetico, la gimnoritmia e le sue motivazioni mistico-filosofiche vennero proibite, in Germania, sotto il regime nazista, tranne gli esercizi curativi, che davano ottimi risultati in psichiatria, nella rieducazione degli arti e nelle sordità.
Perché il ministero nazista della cultura rifiutò una dottrina che valorizzava sia la ginnastica sia la gentilezza dei costumi? una mentalità devota e al contempo razionale, perfino una hitleriana dieta vegetale, senza dimenticare gli obblighi civili e militari. In effetti il nazismo non prendeva di mira la raffinatezza dei gimnoritmisti, quanto la loro frigidezza nei riguardi del Führer. Il dio del giorno, geloso del proprio esoterismo, temeva la concorrenza di esponenti del perbenismo che si esibivano in costumi quasi sacerdotali senza mostrare le cosce o il pube. Sinonimi di decadenza, una volta schedati, non pochi varcarono i cancelli dei campi di sterminio. Fra quelli rimasti in libertà, o fuggiti all'estero, nessuno alzò un dito. Benché non pochi fossero uomini di scienza, cultura umanistica e sincera disciplina morale, finirono per comportarsi da uomo medio tedesco, accettando in silenzio o nella sofferenza i più volgari attentati. Intanto le persecuzioni della Gestapo agirono in profondità fra la gioventù d’ambo i sessi. Molti avrebbero desiderato avvicinarsi alla “gimno”, ma se ne guardarono bene, atterriti dalla prospettiva dei Lager.

Per Hellmut Friedlässen le cose andarono diversamente. Nel '42, scampati ai bombardamenti e lasciata la loro abitazione a Düsseldorf, lui e la madre Friederike si spostarono in un lontano sobborgo, presso il fratello di lei, il caro zio Franz. Vi trascorsero due anni meno tormentati, anche se centinaia di quadrimotori al giorno pestavano il centro storico. Nell'estate del '44, dopo lo sbarco in Normandia e l'attentato a Hitler, preoccupata dall'incalzare degli avvenimenti, Friederike col figlio riparò a Monaco, in campagna. Oltre ad allontanarsi dal fronte, che premeva verso Düsseldorf, aveva un’altra buona ragione. Stando a informatori fidati, il padre del ragazzo, l'ingegner Oscar, ufficiale sul fronte italiano, li avrebbe raggiunti quanto prima. Abbandonato l'esercito sull'Appennino settentrionale e protetto da elementi della Resistenza, con i quali collaborava, sarebbe passato, attraverso la Svizzera. in Baviera, dove madre e figlio l'aspettavano, rifugiati presso amici fraterni, i coniugi Tunner.
Le speranze però si affievolirono; il dubbio che a Oscar fosse accaduto qualche imprevisto si fece sempre più concreto con l'arrivo dell'autunno. Una stagione dolce, malgrado la forte umidità nei prati e ancor più nel folto delle conifere che odoravano di cassetti vecchi. Benché la guerra fosse vicina, la gente conduceva una vita normale. I contadini raccoglievano lamponi sulle siepi del parco e vari frutti selvatici inzuccherati dal sole. Hellmut e Friederike accompagnavano i raccoglitori, si tuffavano nei cespugli per assaggiare i grani e sputavano quelli agri fingendo un'allegria spontanea.
Ma il pensiero dell'assente li feriva, dava commozione il ricordo di quando merendavano insieme, loro tre…
Isacco non aggiunse altro, in un mondo confuso e indifferente, all’infuori dei pisolini al circolo “Pace e Musica”, affondato lui in comode poltrone, dimenticare i sedili impietosi della clandestinità…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ambra e Allegri  si sposano: matrimonio previsto a giugno 2019

GOSSIP

Ambra e Allegri si sposano: matrimonio previsto a giugno 2019

Manhattan Transfer, a Carpi l'unica data italiana

musica

Manhattan Transfer, a Carpi l'unica data italiana

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

MILANO

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gomme da neve dal 15 novembre

PNEUMATICI

Gomme invernali: tutto quello che devi sapere. Dal 15 il cambio

Lealtrenotizie

1 chilo e mezzo di marijuana nello zaino, nigeriano in carcere

12Tg Parma

Alla fermata del bus con un chilo e mezzo di marijuana nello zaino: arrestato Video

calcio

Due giornate a Higuain: salterà il Parma. E intanto i tifosi sognano... Video

CONQUIBUS

Aversa si dimette da Ateneo e Ospedale, ma deve restare ai domiciliari

1commento

gazzareporter

Parcheggio davanti al parco Martini: "game over" Le foto

colorno

Addio ad Alberto Panciroli, il libraio della Reggia

comune

Domande al Comune per sale, contributi e patrocini? Prima devi dire «no» al fascismo

8commenti

VACCINI

Parma, gli studenti non in regola sono 7mila

1commento

FIDENZA

Scuolabus, nuovi disagi. Il Comune: «Sostituiamo la ditta che ha in appalto i trasporti»

URZANO

Cerva uccisa da un bracconiere

2commenti

Zibello

Raid all'alba in una villetta : rubato anche il liquore

traffico

Torna la domenica ecologica: niente veicoli inquinanti entro l'anello delle tangenziali

Collecchio

Vandali al Mainardi se la prendono con un cestino e un estintore

ICT

Cdm: con l'ingresso in Lutech si rafforza la nostra identità

Calcio dilettanti

Simone Pompini, il gol nel sangue

BUSSETO

Bimbo di 8 mesi si ustiona con l'acqua bollente Video

Incidente domestico: sul posto ambulanza, automedica ed elicottero del 118. Il video del 12 TgParma

carabinieri

Denunciato il giorno prima per spaccio, cambia zona ma non "mestiere": (ri) arrestato

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Tav: M5S alla resa dei conti con la realtà

di Stefano Pileri

VIAGGI

Toledo, le meraviglie della città delle tre culture

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

nel modenese

Cacciatore disperso in Appennino: ricerche in corso

roma

Incide il suo nome sul Colosseo, denunciata 17enne

SPORT

gazzatifosi

Un "Forza Parma" anche alla Bombonera per Boca-River Foto

germania

Bayern Monaco, Ribery perde la testa: schiaffo a un giornalista

SOCIETA'

Iniziativa

Siae, Rockol e Alitalia a caccia di nuovi talenti musicali. In volo

salute

Passeggiate, merende e controlli: il diabete si può battere anche così

MOTORI

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni

moto

Honda CBR650R, nel nome della sportività