19°

30°

il ristorante

La «Stella d'Oro» brilla sempre di più

Il ristorante di Chichibio

Il ristorante di Chichibio

Ricevi gratis le news
0

 

E' da molti anni ai vertici della cucina parmigiana e ha tutta la voglia di restarci Marco Dallabona, cuoco proprietario della «Stella d’oro» di Soragna. Insieme a pochi altri suoi colleghi, prosegue nel lavoro di ricerca di prodotti e messa a punto di ricette, nel segno della riscoperta della tradizione resa però più leggera nella sostanza e vivacizzata nella forma. Cucina della Bassa, ma anche porcini e tartufo, foie gras, maiale di Cinta Senese e prodotti «poveri» come musetto, testina, piede di maiale e lingua in composizioni ardite (calamari e piedino, per esempio), ricette classiche un po' desuete (Rosa di Parma, Savarin di riso) e i classici tortelli, gli anolini, il bollito. Questo è il catalogo con in più qualche piatto di pesce, tutti vogliamo star leggeri, e, specifica il cuoco, «senza aglio» -e chissà mai cosa avrà fatto di male questo bulbo delle Liliacee, ricco di proprietà terapeutiche e perfetto nel bilanciare i piatti. Arredi curati senza eccessi, atmosfera accogliente e calda, servizio professionale e non ingessato, tutta la famiglia all’opera e lo chef che entra ed esce dalla cucina, cura i clienti che lo cercano, fa un po' di confusione, ma tant'è...
La cucina i piatti La lista dei piatti è ben articolata (sette proposte per settore, tre nel pesce), il menu di tradizione e territorio ha sei piatti per 50 euro; la domenica il carrello dei bolliti è a 25 euro (15 la mezza porzione). Sempre qualche proposta del giorno e aspettatevi assaggi extra. Si comincia col culatello di due anni e ci si potrebbe fermare qui, perché si trattava di un esemplare eccellente per fragranza, persistenza di sapore e suadente masticabilità; allo stesso livello il prosciutto di 24 mesi di nobile dolcezza ricca di sfumature. Ma, tra gli antipasti (20-24 euro), c'è anche una ghiotta e intensa insalata calda di musetto, nervetti, fagioli e julienne di porro o un equilibrato cannolo di lumache e porcini con erbe aromatiche. Le pappardelle con salamino fresco e fonduta di formaggi sono ormai un piatto bandiera e sono di disarmante bontà; bene anche i tortelli d’erbetta con una goccia di clorofilla a rinforzare il sapore vegetale; meno bene quelli di zucca, dal ripieno spento (sono alla parmigiana, senza amaretti né mostarda) conditi coi propri semi, menta e pepe rosa. Resta, e non ultimo, il savarin al riso: in omaggio ai Cantarelli, con l’indispensabile lingua salmistrata, le polpettine, i funghi porcini secchi. Altri primi (15 euro): anolini, risotto al lambrusco. Ai secondi (20 euro), coniglio in porchetta con carciofi e squacquerone; testina di vitello, lingua salmistrata, pieno dorato, ortaggi crudi e rafano; maialino di Cinta glassato con timo e cicoria; calamari alla plancia con piede di maiale e broccoli su passata di borlotti. Piatti ricchi di sapore, equilibrio, tecnica e tocchi di fantasia.
Per finire Il fondente di cioccolato, omaggio a Georges Cogny; il cacio bavarese della Bassa; lo zabaione al moscato rosa, la zuppa inglese con zabaione caldo (11 euro). Una cantina ricchissima e una selezione di champagne e spumanti senza fine. Il conto sui 70 euro (4 piatti, bevande escluse). Coperto 4 euro, menu esposto, ingresso con gradino, bagni comodi. Non mancate Culatello, savarin.

E' da molti anni ai vertici della cucina parmigiana e ha tutta la voglia di restarci Marco Dallabona, cuoco proprietario della «Stella d’oro» di Soragna. Insieme a pochi altri suoi colleghi, prosegue nel lavoro di ricerca di prodotti e messa a punto di ricette, nel segno della riscoperta della tradizione resa però più leggera nella sostanza e vivacizzata nella forma.
Cucina della Bassa, ma anche porcini e tartufo, foie gras, maiale di Cinta Senese e prodotti «poveri» come musetto, testina, piede di maiale e lingua in composizioni ardite (calamari e piedino, per esempio), ricette classiche un po' desuete (Rosa di Parma, Savarin di riso) e i classici tortelli, gli anolini, il bollito. Questo è il catalogo con in più qualche piatto di pesce, tutti vogliamo star leggeri, e, specifica il cuoco, «senza aglio» -e chissà mai cosa avrà fatto di male questo bulbo delle Liliacee, ricco di proprietà terapeutiche e perfetto nel bilanciare i piatti. Arredi curati senza eccessi, atmosfera accogliente e calda, servizio professionale e non ingessato, tutta la famiglia all’opera e lo chef che entra ed esce dalla cucina, cura i clienti che lo cercano, fa un po' di confusione, ma tant'è...
La cucina i piatti La lista dei piatti è ben articolata (sette proposte per settore, tre nel pesce), il menu di tradizione e territorio ha sei piatti per 50 euro; la domenica il carrello dei bolliti è a 25 euro (15 la mezza porzione). Sempre qualche proposta del giorno e aspettatevi assaggi extra. Si comincia col culatello di due anni e ci si potrebbe fermare qui, perché si trattava di un esemplare eccellente per fragranza, persistenza di sapore e suadente masticabilità; allo stesso livello il prosciutto di 24 mesi di nobile dolcezza ricca di sfumature. Ma, tra gli antipasti (20-24 euro), c'è anche una ghiotta e intensa insalata calda di musetto, nervetti, fagioli e julienne di porro o un equilibrato cannolo di lumache e porcini con erbe aromatiche. Le pappardelle con salamino fresco e fonduta di formaggi sono ormai un piatto bandiera e sono di disarmante bontà; bene anche i tortelli d’erbetta con una goccia di clorofilla a rinforzare il sapore vegetale; meno bene quelli di zucca, dal ripieno spento (sono alla parmigiana, senza amaretti né mostarda) conditi coi propri semi, menta e pepe rosa. Resta, e non ultimo, il savarin al riso: in omaggio ai Cantarelli, con l’indispensabile lingua salmistrata, le polpettine, i funghi porcini secchi.
Altri primi (15 euro): anolini, risotto al lambrusco. Ai secondi (20 euro), coniglio in porchetta con carciofi e squacquerone; testina di vitello, lingua salmistrata, pieno dorato, ortaggi crudi e rafano; maialino di Cinta glassato con timo e cicoria; calamari alla plancia con piede di maiale e broccoli su passata di borlotti.
Piatti ricchi di sapore, equilibrio, tecnica e tocchi di fantasia.Per finire Il fondente di cioccolato, omaggio a Georges Cogny; il cacio bavarese della Bassa; lo zabaione al moscato rosa, la zuppa inglese con zabaione caldo (11 euro). Una cantina ricchissima e una selezione di champagne e spumanti senza fine. Il conto sui 70 euro (4 piatti, bevande escluse).
Coperto 4 euro, menu esposto, ingresso con gradino, bagni comodi.
Non mancate Culatello, savarin.





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Polonia ha perso, ma le sue tifose (sugli spalti) hanno vinto Gallery

Bellezze...mondiali

La Polonia ha perso, ma le sue tifose (sugli spalti) hanno vinto Gallery

Filippo Magnini e Giorgia Palmas: «Ci sposiamo, il matrimonio sarà sulla spiaggia in Sardegna»

gossip

Filippo Magnini e Giorgia Palmas si sposano: «Cerimonia in spiaggia in Sardegna»

1commento

Bocciato o rimandato? 6 consigli per affrontare un insuccesso scolastico

CONSIGLI

Bocciato o rimandato? 6 consigli per affrontare un insuccesso scolastico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Turismo gastronomico: domani lo speciale

NOSTRE INIZIATIVE

Turismo gastronomico: oggi lo speciale con la Gazzetta

Lealtrenotizie

Parma, "tentato illecito". Serie A a rischio

CALCIO

Parma, "tentato illecito". Serie A a rischio

Si riaprono le porte della massima serie al Palermo?

9commenti

PARMA

Incidente in via Burla: muore un motociclista 49enne

La vittima dell'incidente è Paolo Superchi

12 tg parma

Maturità a Parma, primo scritto fra tensione e scaramanzia: parlano i ragazzi Video

VOLANTI

Spaventa e minaccia i passanti con un bastone chiodato: denunciato 21enne nigeriano

L'africano è accusato anche di ricettazione: aveva due carte di credito rubate a una donna di Bologna

2commenti

PARMA

Auto esce di strada e prende fuoco: un ferito grave in tangenziale

ECONOMIA

Bonatti, commessa di oltre mezzo miliardo per un gasdotto in Canada

Incarico ottenuto da TransCanada Corporation per la costruzione di una parte della pipeline Coastal Gaslink

PARMA

Zone 30 e interventi per la sicurezza: le novità nei quartieri Pablo e San Leonardo Foto Video

TRAVERSETOLO

«Nitro» e il suo fiuto infallibile: ritrovata la pistola della rapina in villa

MEDESANO

Moto contro capriolo: grave 50enne nocetano

PARMA

Da Borgotaro al concorso al Palacassa con il bimbo da allattare

Sotheby's

All'asta i gioielli dei Borbone Parma

1° LUGLIO

Bomba inesplosa a Borgotaro: tutto pronto per l'evacuazione del paese

ROCCABIANCA

Sventata la truffa del falso resto. Coppia allontanata

NOMINE

Quella mail che inguaia Pizzarotti: il sindaco indagato per abuso d'ufficio

6commenti

Regioni

Carlotta Marù eletta difensore civico Emilia-Romagna

Passa la candidata del centrodestra. M5s attacca, non ha requisiti

Unione Industriali

Figna: «Come affrontare le sfide del futuro»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Salvini dal Papa con Vangeli e rosario

di Vittorio Testa

2commenti

CHICHIBIO

«Trattoria Armanda» una gita per la tradizione della Liguria

ITALIA/MONDO

BERGAMO

Professoressa delle medie fa sesso con un alunno: 40enne arrestata

1commento

SALUTE

Il ministero della Salute ritira un lotto contaminato di una nota acqua minerale

1commento

SPORT

MONDIALI

All'Egitto non basta Salah: la Russia vince e vola

lutto

E' morto Sergio Gonella, arbitrò la finale mondiale del '78

SOCIETA'

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

SOS ANIMALI

Gattini in cerca di casa Foto

MOTORI

IL TEST

Guida autonoma? Non proprio, per ora è meglio Nissan ProPilot

PROVA SU STRADA

Peugeot 3008 1.6 BlueHDi, al volante del Suv del Leone

2commenti