17°

27°

Italia-Mondo

Il "Mall" gremito: oltre due milioni di spettatori

Il "Mall" gremito: oltre due milioni di spettatori
Ricevi gratis le news
0

«Obama! Obama! Obama!». Nel momento esatto in cui Barack Hussein Obama diventa il 44° presidente degli Stati Uniti, il grido trionfale si leva dal Lincoln Memorial, raggiunge in un istante la folla assiepata ai piedi del Monumento a Washington, dilaga inarrestabile lungo il Mall, dove sono raccolte due milioni di persone - un record - per infrangersi contro il Campidoglio. Obama sorride a risponde con un ampio saluto alla esplosione di gioia della folla accorsa a partecipare ad una pagina di Storia. E' un grido che sprigiona, come una liberazione, le energie compresse di una attesa durata per tutti fin dal primo mattino, durata per tante persone accorse ieri al Mall decenni e decenni di segregazione, di violenze, di battaglie nel nome di quel principio ribadito ieri nel discorso del primo presidente afro-anericano della storia d’America: «Tutti sono eguali, tutti sono liberi e tutti hanno diritto alla possibilità di perseguire la felicità». C'era felicità ieri sul Mall, la Piazza d’America, e le vibrazioni di energia positiva, di attesa e di speranza della gente rimbalzano ovunque. Il primo boato della folla era giunto alle 10.40 quando i giganteschi schermi avevano mostrato la immagine della limousine con Obama già in movimento tra la Casa Bianca ed il Campidoglio. Dal Mall si era levato il primo grido «Obama!», subito ripreso anche nelle tribune vip davanti al palco dove le celebrità, molti indossando berretti o distintivi con la scritta «Obama», non cercavano neanche di fingere uno spirito bipartisan.

E le simpatie della folla, sul Mall e in tribuna, erano già apparse chiare all’ingresso sul palco degli ex-presidenti: grandi applausi per Jimmy Carter e Bill Clinton, indifferenza per Bush senior, un applauso di circostanza per George W. Bush entrato sulla tribuna ancora come presidente. Ma per poco. E gli umori della folla sono emersi di nuovo in modo chiaro durante il discorso di Obama. Il primo convinto applauso è giunto quando il nuovo presidente ha detto, senza nominare le controverse misure anti-terrorismo di Bush, che gli americani «devono respingere come falsa la scelta tra la nostra sicurezza e i nostri ideali». Il secondo è arrivato quando Obama ha affermato che «l'America è amica di ogni nazione e di ogni uomo, donna e bimbo che cerca un futuro di pace e dignità: siamo pronti ancora una volta a prendere la guida».

E' piaciuto alla folla sul Mall anche il tono dell’ammonimento di Obama ai nemici dell’America: «A coloro che cercano di perseguire i loro fini seminando terrore e massacrando innocenti diciamo che il nostro spirito è più forte e non può essere spezzato: vi sconfiggeremo». E c'è stata una forte commozione quando Obama ha sottolineato che «un uomo il cui padre meno di 60 anni avrebbe potuto essere bandito da un ristorante di qui è oggi davanti a voi dopo avere giurato» da presidente. Lo spettacolo dei due milioni radunati sul Mall è impressionante dal podio di Obama. Ma anche lo spettacolo in tribuna è notevole: Michelle ha fatto una scelta audace col suo vestito giallo limone, la piccola Malia ha scattato foto a raffica al padre durante il giuramento. I due Clinton erano raggianti. Il vecchio leone Ted Kennedy ha mantenuto la vecchia promessa, fatta alla convention democratica d’agosto, di assistere alla cerimonia del giuramento di Obama nonostante il cancro che lo divora. Il patriarca della famosa dinastia si è poi sentito male durante il pranzo al Congresso ed è stato portato via in ambulanza. Cera anche Caroline Kennedy nella tribuna vip, corteggiatissima da tutti. Solo la conduttrice di talk show Oprah Winfrey ha ricevuto più attenzione dai fotografi. Nella tribuna si erano infilate anche due attiviste di Codepink, il gruppo pacifista, che hanno estratto cartelli con la scritta «Yes We Can, End the War in Iraq» (Si, possiamo porre fine alla guerra in Iraq).

Una protesta soft, in sintonia con l'atmosfera positiva della intera giornata. Anche la folla del Mall ha intonato in coro «Yes We Can» non appena Obama è diventato presidente degli Stati Uniti. Al termine della cerimonia, mentre il nuovo presidente riceveva gli onori del Congresso, il vicepresidente Dick Cheney si è allontanato dal Campidoglio con la sua carovana di auto mentre Bush ha lasciato il Capitol in elicottero per trasferirsi alla base aerea di Andrews per il malinconico volo in Texas. Gli spettatori del giuramento hanno salutato sia Cheney sia l’elicottero di Bush con ironici «Bye, Bye. Non tornate più!». Si è veramente chiusa un’era.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella"

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella"

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

SERIE A

Parma, che tour de force

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

10commenti

GAZZAREPORTER

Via Roncoroni, collage di rifiuti abbandonati... Foto

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

3commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

USA

Coppia insospettabile "drogava e stuprava donne": forse centinaia di casi

scosse

Terremoto di magnitudo 2.5 e replica a Pozzuoli

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design