14°

24°

Italia-Mondo

L'omicidio di Kennedy, cinquant'anni dopo

Il presidente Obama non partecipa alla cerimonia a Dallas

John Fitzgerald Kennedy

John Fitzgerald Kennedy

Ricevi gratis le news
2

 

Dallas non vuole essere più 'The City of Hatè, la città dell’odio. Vuole togliersi di dosso questa tremenda etichetta che tanti gli hanno affibbiato dopo il 22 novembre del 1963. E ora s'inchina, unita, per onorare la memoria di John Fitzgerald Kennedy, l’uomo che nelle parole di Barack Obama "ha incarnato l’America".
Oltre 5.000 persone partecipano domani alla commemorazione ufficiale nel luogo in cui esattamente 50 anni fa il 35esimo presidente degli Stati Uniti venne ucciso a fianco della moglie, crivellato dai colpi a bordo della sua Lincoln scoperta, lungo la Dealey Plaza.
Il programma prevede l’intervento del sindaco, il democratico Mike Rawlings, preghiere del vescovo Kevin Farrell e molta musica suonata dalla Us Naval Academy Men's Glee Club, cioè la banda della Marina, il corpo con cui il giovane John aveva combattuto durante la Seconda Guerra Mondiale. Poi lo storico David McCullough leggerà alcuni passi dei discorsi più celebri di Kennedy, infine le campane suoneranno a morto, proprio alle 12.30, il minuto esatto in cui furono esplosi i colpi mortali.
Tutto è rimasto più o meno come allora: sono stati rinnovati i lampioni ed è stato messo a posto il prato circostante, dove quel maledetto giorno erano in tanti, con le bandierine in mano, a festeggiare il passaggio di Jfk. Un clima di festa e spensieratezza che segnava non solo una presidenza, ma un decennio pieno di speranza e di fiducia nel futuro. Un’atmosfera magica spezzata, spazzata via per sempre dal sibilo delle pallottole che mandarono in frantumi il cranio di Jfk.
Da poco è stato rifatto il marciapiede da dove un commerciante locale di tessuti, Abraham Zapruder, girò con la sua super 8 il più terrificante filmino amatoriale della storia americana, immortalando la storia che gli stava passando accanto in pochi fotogrammi che da 50 anni sono visti, rivisti, studiati e analizzati, sempre con lo stesso sgomento, in tutti gli angoli del pianeta.
Ma dopo anni in cui la città ha cercato di rimuovere collettivamente questa tragedia, ora Dallas si sente pronta a fare i conti con la propria storia. Oggi è la quarta città d’America, una realtà cosmopolita, moderna, che si vuole mostrare al mondo il più possibile aperta e tollerante. "Abbiamo il desiderio – spiega il sindaco democratico Mike Rawlings – di riconoscere questa data importante nella nostra storia e trasformarla in una commemorazione rispettosa della vita e dell’eredità del presidente Kennedy. Vogliamo onorarlo anche per dimostrare che Dallas in quel momento davvero lo amava. E soprattutto oggi è cresciuta fino a rendere omaggio alla sua leadership".
Insomma, un gesto significativo, tenendo conto che Kennedy non era certo popolare in Texas, come tra gli stessi democratici del profondo sud. In fondo si trovava lì solo per un’iniziativa elettorale in vista della rielezione nel 1964. Sin dal primo momento, del resto, una larga fetta dell’opinione pubblica americana non credette che un unico uomo avesse potuto fare tutto da solo. Così Dallas divenne la città in cui "loro" hanno ucciso Kennedy. Basti pensare che solo un mese prima dell’attentato, sempre a Dallas, l’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Adlai Stevenson, era stato aggredito a sputi. Non è un mistero che Dallas fosse considerato un focolaio di estremisti. Lo stesso Kennedy, prima di partire, disse a Jackie: "Stiamo andando in un Paese di matti". Da qui quella tragica definizione di Dallas come 'City Of Hatè che tutti in Texas vogliono far dimenticare.
Tuttavia, persino Barack Obama ha scelto di non esserci, preferendo commemorare Jfk in forma privata, con un discorso al Museo di storia americana di Washington: "Rimane con noi, nella nostra memoria – ha detto Obama – non perchè ci ha lasciato troppo presto, ma perchè lui ha incarnato il carattere del popolo che ha guidato, resistente, risoluto, senza paura e amante del divertimento, pronto a sfidare le sfide impossibili, e soprattutto determinato a rinnovare il mondo".
L'America ricorda John Fitzgerald Kennedy nel cinquantesimo anniversario del suo assassinio, avvenuto a Dallas il 22 novembre 1963. E il presidente Barack Obama ordina le bandiere a mezz'asta negli uffici pubblici e in tutto il Paese.
«Questo è il giorno in cui celebrare l’impronta indelebile di Kennedy sulla storia americana», afferma il presidente. «La visione di Kennedy per gli Stati Uniti e per il mondo vive ancora oggi nelle generazioni che ha ispirato», aggiunge Obama, che martedì ha visitato la tomba dell’ex presidente al cimitero di Arlington, in Virginia.
Obama non sarà invece alle celebrazioni ufficiali oggi del cinquantesimo anniversario della morte di Jfk in programma a Dallas. Incontrerà invece i rappresentanti dell’associazione di volontariato Peace Corps fondata proprio da Kennedy.
MIGLIAIA DI PERSONE PER LA CERIMONIA A DALLAS. 
Dallas non vuole essere più "The City of Hate", la città dell’odio. Vuole togliersi di dosso questa tremenda etichetta che tanti gli hanno affibbiato dopo il 22 novembre del 1963. E ora s'inchina, unita, per onorare la memoria di John Fitzgerald Kennedy, l’uomo che nelle parole di Barack Obama "ha incarnato l’America". 
Oltre 5.000 persone oggi alla commemorazione ufficiale nel luogo in cui esattamente 50 anni fa il 35esimo presidente degli Stati Uniti venne ucciso a fianco della moglie, crivellato dai colpi a bordo della sua Lincoln scoperta, lungo la Dealey Plaza.
Il programma prevede l’intervento del sindaco, il democratico Mike Rawlings, preghiere del vescovo Kevin Farrell e molta musica suonata dalla Us Naval Academy Men's Glee Club, cioè la banda della Marina, il corpo con cui il giovane John aveva combattuto durante la Seconda Guerra Mondiale. Poi lo storico David McCullough leggerà alcuni passi dei discorsi più celebri di Kennedy, infine le campane suoneranno a morto, proprio alle 12.30, il minuto esatto in cui furono esplosi i colpi mortali.
Tutto è rimasto più o meno come allora: sono stati rinnovati i lampioni ed è stato messo a posto il prato circostante, dove quel maledetto giorno erano in tanti, con le bandierine in mano, a festeggiare il passaggio di Jfk. Un clima di festa e spensieratezza che segnava non solo una presidenza, ma un decennio pieno di speranza e di fiducia nel futuro. Un’atmosfera magica spezzata, spazzata via per sempre dal sibilo delle pallottole che mandarono in frantumi il cranio di Jfk.
Da poco è stato rifatto il marciapiede da dove un commerciante locale di tessuti, Abraham Zapruder, girò con la sua super 8 il più terrificante filmino amatoriale della storia americana, immortalando la storia che gli stava passando accanto in pochi fotogrammi che da 50 anni sono visti, rivisti, studiati e analizzati, sempre con lo stesso sgomento, in tutti gli angoli del pianeta.
Ma dopo anni in cui la città ha cercato di rimuovere collettivamente questa tragedia, ora Dallas si sente pronta a fare i conti con la propria storia. Oggi è la quarta città d’America, una realtà cosmopolita, moderna, che si vuole mostrare al mondo il più possibile aperta e tollerante. "Abbiamo il desiderio – spiega il sindaco democratico Mike Rawlings – di riconoscere questa data importante nella nostra storia e trasformarla in una commemorazione rispettosa della vita e dell’eredità del presidente Kennedy. Vogliamo onorarlo anche per dimostrare che Dallas in quel momento davvero lo amava. E soprattutto oggi è cresciuta fino a rendere omaggio alla sua leadership".
Insomma, un gesto significativo, tenendo conto che Kennedy non era certo popolare in Texas, come tra gli stessi democratici del profondo sud. In fondo si trovava lì solo per un’iniziativa elettorale in vista della rielezione nel 1964. Sin dal primo momento, del resto, una larga fetta dell’opinione pubblica americana non credette che un unico uomo avesse potuto fare tutto da solo. Così Dallas divenne la città in cui "loro" hanno ucciso Kennedy. Basti pensare che solo un mese prima dell’attentato, sempre a Dallas, l’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Adlai Stevenson, era stato aggredito a sputi. Non è un mistero che Dallas fosse considerato un focolaio di estremisti. Lo stesso Kennedy, prima di partire, disse a Jackie: "Stiamo andando in un Paese di matti". Da qui quella tragica definizione di Dallas come "City Of Hate" che tutti in Texas vogliono far dimenticare.
Tuttavia, persino Barack Obama ha scelto di non esserci, preferendo commemorare Jfk in forma privata, con un discorso al Museo di storia americana di Washington: "Rimane con noi, nella nostra memoria – ha detto Obama – non perché ci ha lasciato troppo presto, ma perchè lui ha incarnato il carattere del popolo che ha guidato, resistente, risoluto, senza paura e amante del divertimento, pronto a sfidare le sfide impossibili, e soprattutto determinato a rinnovare il mondo".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ettore

    22 Novembre @ 20.46

    50 anni fa’ fu’ l’inizio’ di una nuova era. Servirebbero altri come Swoden perche’ l’opinione pubblica si possa accorgere di quanto stia accadendo oggi dietro la facciata dei media. Servirebbe che alcuni agenti della CIA abbiano il coraggio di neutralizzare quella frangia deviata della CIA che oggi agisce indipendentemente dal governo USA e che e’ capeggiata da un gruppo di persone che ebbe il potere di uccidere un Presidente Americano in quel fatidico giorno del 22 Novembre 1963. L’assassinio Kennedy e l’Undici Settembre sono due eventi che hanno cambiato la storia ed hanno in comune la CIA ed il Texas. Per meglio dire, hanno in comune una famigerata famiglia del Texas. Ma come potranno i peggiori criminali della storia moderna, la famiglia Bush, finire di fronte alla giustizia fintanto che i media sono cosi’ servili e l’opinione pubblica puo’ credere ad una storia come quella di Osama Bin Laden? www.wavevolution.org

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant  convola a nozze con Anna Eberstein

cinema

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant convola a nozze con Anna Eberstein

Televisione: torna "Morning Voyager" con Roberto Giacobbo

Roberto Giacobbo (foto dal profilo Facebook di Voyager)

TELEVISIONE

Da Voyager a Rete4 e Focus: Roberto Giacobbo passa a Mediaset

Scopri la Top10 delle donne più sexy del 2018: Emilia Clarke

L'INDISCRETO

Scopri la Top10 delle donne più sexy del 2018

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

FOTOGRAFIA

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

Lealtrenotizie

Esplode un ordigno alla Polveriera: un operaio in Rianimazione

noceto

Esplosione alla Polveriera: un operaio di 37 anni in Rianimazione

1commento

Spavento

Bimbo scappa dalla materna. Trovato dopo mezz'ora

2commenti

POLITICA

Intesa Lega-M5S: alta affluenza nei gazebo a Parma e provincia Video

La cronaca e le interviste del 12 Tg Parma

PARMA

Intonaco pericolante: via Garibaldi chiusa questa mattina Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

12 tg parma

Domenica festa-promozione con Lizhang. Serie A: ecco le date-chiave 2018-2019

Quattro squadre dell'Emilia-Romagna si affronteranno nella massima serie. Si inizia il 19 agosto

Polemica

Ubriachi in via D'Azeglio. Protesta dei residenti

Borgotaro

Addio a Francesco Peluso, carabiniere pluridecorato

In strada

Ciclisti e automobilisti, convivenza difficile

4commenti

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

FIDENZA

Addio all'ex consigliere comunale Denti

PARMA

Peppe incontra... Giuseppe: il maestro Vessicchio sulla panchina di Verdi

Band

I Nomadi venerdì a Salso, intervista a Carletti

festa

"BentornAto in A": esplode la gioia sui social di tutto il mondo Gallery

Colorno

Lo stalker insiste ma finisce ai domiciliari

GAZZAREPORTER

Forte temporale in Valceno

Sant'Ilario d'Enza

Si intesta un rimorchio rubato nel Parmense e gestisce un'attività con dati falsi: denunciato

Un 33enne salernitano, pregiudicato, è accusato di ricettazione, truffa e falsità in scrittura privata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non solo calcio. Così Parma in tre anni ha vinto tutto

di Michele Brambilla

3commenti

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

MILANO

Urta uno specchietto durante un sorpasso: picchiato con una mazza da baseball

2commenti

eruzione

Paura alle Hawaii, e per i vulcanologi è solo l'inizio: lava in oceano, arriva nube tossica Foto

SPORT

12 tv parma

Bar Sport, speciale serie A con i crociati in studio

L'INTERVISTA

L'ad Carra: «Parma in A con merito e sofferenza»

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta Crostatine alle pesche, dolci che fanno gola a tutti

CALCIO

Fiocco rosa alla Juventus, Higuain diventa papà

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più