17°

29°

Italia-Mondo

Come il web sta cambiando il giornalismo

Ricevi gratis le news
0

di Paolo Ferrandi

“Non ho idea se tra cinque anni stamperemo ancora il “New York Times”. E confesso che non me ne importa molto”. Quanto Arthur Sulzberger, il proprietario del “New York Times”, pronunciò queste parole a Davos nel febbraio del 2007, stimolato dalle domande di un giornalista del quotidiano israeliano “Haaretz”, venne giù il mondo. Furono scritte pagine e pagine di giornali; ci furono commenti preoccupati; si andò a ripescare una “cover story” dell’”Economist” del settembre 2006 che si chiedeva “chi ha ucciso i quotidiani?”; qualcuno più coscienzioso di altri, lesse il saggio di “The Vanishing Newspaper” di Philip Meyer che preconizzava – pur riconoscendo che si trattava di una proiezione e non di una profezia – la fine dei giornali per il 2046.
Poi, come accade spesso, si passò ad altro. Solo che il sistema dei mezzi di comunicazione di massa si sta rapidamente evolvendo. E la direzione è quella che, forse con qualche enfasi apocalittica di troppo, è stata indicata dalle parole spietate di Sulzberger. Il ciclo di vita del prodotto giornale – dopo più di duecento anni di onorata carriera – è giunto alla fine.  O almeno questo dicono i guru del marketing e gli analisti che, con i loro rapporti, decidono le quotazioni dei gruppi editoriali, da anni in declino.
Domenica 27 aprile, per esempio, un piccolo quotidiano di Madison nel Wisconsin, il “Capitol Times”, dopo 90 anni di onorata carriera, ha cessato le pubblicazioni e ora la testata sopravvive solo sul web. E’ il primo giornale locale che abbandona l’edizione stampata per continuare una vita parallela in internet. Non sarà l’unico: i profitti sono decrescenti e la maggior parte dei proprietari di piccoli quotidiani locali negli Stati Uniti, abituati alle vacche grasse dei margini a due cifre, sempre più spesso decidono di tagliare i costi, ridurre la foliazione e la tiratura; poi si arriva ai tagli alla redazione e, alla fine, alla chiusura.
E anche per i grandi giornali nazionali il futuro non è roseo. Negli ultimi sei mesi, secondo i dati resi noti pochi giorni fa, la diffusione dei quotidiani è calata del 3, 5%, quella delle edizioni domenicali (delle vere e proprie tonnellate di carta) del 4,5%. Solo due giornali guadagnano qualche copia: “Usa Today” del gruppo Gannet e il “Wall Street Journal” ora di proprietà di Rupert Murdoch.  Si tratta di una media di 50 milioni di copie vendute, più bassa di quella del 1946 (50,9 milioni di copie), quando però la popolazione era metà di quella attuale. Ma c’è di peggio, perché anche i profitti della pubblicità stanno calando rapidamente. C’è un solo settore che guadagna in termini di investimenti pubblicitari ed è quello di Internet.
Sembra, quindi, che Internet sia la scelta obbligata per le imprese editoriali. Probabilmente perché è l’unica. Lo dicono tanti fattori, ma soprattutto la demografia. I lettori delle testate sul Web sono mediamente più giovani e più istruiti di quelli dei quotidiani.  Sono più appetiti dagli investitori pubblicitari perché hanno una migliore capacità di spesa. E sono in aumento, mentre quelli dei giornali diminuiscono. Solo che non facile. Prima di tutto perché le dinamiche del web sono molto diverse da quelle dell’informazione di carta. E poi perché il campo in cui operano i media si è rivoluzionato.
Ma andiamo con ordine. In Rete non esistono i tempi dei quotidiani. Non c’è un orario di chiusura (in teoria i siti andrebbero alimentati 24 ore al giorno per sette giorni), i tempi di verifica delle notizie devono essere brevissimi e i picchi di accesso massimi sono in orari – la mattina e il pomeriggio – in cui la macchina dei quotidiani lavora al minimo dei giri perché è fatta per accelerare a tarda sera in modo da fornire il prodotto più fresco la mattina dopo. Per usare una metafora di Arthur Sulzberger – sempre lui, il mitico proprietario del “New York Times” – le redazioni assomigliano a un Pronto Soccorso perché devono agire in fretta, di fronte a situazioni impreviste, cercando di fare meno errori possibili. Solo che i picchi di lavoro del quotidiano sono diversi da quelli del web e, mettendo insieme le due cose, si rischia di avere giornalisti che a furia di accumulare stress fanno più errori di quelli consentiti. E la qualità del prodotto ne risente.
In più i giornalisti hanno perso il monopolio della produzione delle notizie. Prima era semplice: c’erano le fonti e il pubblico. In mezzo c’erano i giornalisti a decidere quello che era degno di diventare  notizia: erano gli addetti alla dogana. Ora i muri sono crollati. Molte fonti istituzionali fanno informazione e raggiungono direttamente i cittadini, magari attraverso il proprio sito web. Al tempo stesso i cittadini producono notizie e hanno l’opportunità di pubblicarle a un costo irrisorio sul web. E i giornalisti sono rimasti in mezzo al nulla con una professionalità sempre più messa in discussione.  Stanno sempre alla dogana, con i loro bollettari, ma non c’è più il confine. Se non si tiene conto di questo si rischia la marginalità.
Infine –ed è il problema più grosso – i ricavi delle testate online derivano quasi esclusivamente dalla pubblicità (in Rete la maggior parte dei contenuti sono gratuiti e farsi pagare, letteralmente, non paga), ma i soldi sono ancora troppo pochi per mettere in piedi un’impresa profittevole. Nel lungo termine si sa che i denari della pubblicità si sposteranno su Internet, ma per ora non è così. Bisogna partire ora, rimettendoci soldi, per esserci in futuro. Questo spiega perché i siti delle testate online – come quello della “Gazzetta di Parma” – abbiano organici ridotti all’osso, rispetto al giornale di carta che magari è letto da un numero minore di persone.
Insomma, andare online, per un quotidiano è un doppio carpiato di quelli fatti apposta per rimetterci l’osso del collo. Ma è anche una mossa obbligata. Non siete convinti?  Allora avete bisogno di un’ultima storia. Nei giorni scorsi Rupert Murdoch ha costretto alle dimissioni Marcus Brauchli, il direttore del “Wall Street Journal”. Non era vecchio – non arrivava ai 50 anni – e non era neppure un incapace. Era considerato uno dei migliori allievi della scuola del “Wall Street Journal”, il più diffuso quotidiano economico del mondo. Ma, appunto, era legato a un modello vecchio di quotidiano. Il sostituto per ora non è stato nominato, ma sembra che Murdoch – che ha quasi 80 anni, ma è un fanatico della Rete – stia pensando al 31enne Andrew Ross Sorkin, il giornalista che dirige la newsletter del “New York Times” che tratta di “fusioni e acquisizioni”. Un giornalista la cui fama – fatta di scoop a raffica – deriva dal web e non dalla pagina del quotidiano. Sarebbe una vera rivoluzione. E non è detto che non accada.
 

pferrandi@gazzettadiparma.net


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un nuovo amore (americano) per Scialpi dopo la separazione

gossip

Un nuovo amore (americano) per Scialpi dopo la separazione

1commento

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era   Fotogallery

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

Felino: tanti auguri a Martina

FESTE PGN

Felino: tanti auguri a Martina Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Colpo nella notte al Mercatone uno di via Mantova

PARMA

Ladri nella notte al Mercatone Uno di via Mantova: rubata la cassaforte

Sfondata una finestra nel retro dell'edificio

1commento

calestano

Cade da una scarpata: un 40enne motociclista è grave al Maggiore

evento

Una suggestiva (senza auto) piazza Garibaldi pronta per la Notte del Terzo Giorno Video

calciomercato

Balotelli al Parma? Qualcosa di più concreto del fantacalcio

LANGHIRANO

In fila sulla Massese per chiedere più sicurezza e per ricordare le vittime della strada Foto

Una giornata di iniziative a Langhirano

1commento

CARABINIERI

Banda del caveau: ecco come i malviventi si orientavano nel sottosuolo di Parma Video

2commenti

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

PARMA

Rissa con feriti: la questura sospende per 20 giorni l'attività di un circolo

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

1commento

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

CALCIO

I calciatori del Parma in municipio. Domani arriva Lizhang Video

Il ds Faggiano: "I big? Solo se hanno voglia"

GAZZAREPORTER

Auto in fiamme: l'intervento in viale Vittoria Video

Ecco un video sull'emergenza di ieri pomeriggio

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

PARMA

Anziana truffata da un finto addetto Iren in via Furlotti Video

E' intervenuta la polizia: ecco la notizia del 12 TgParma

OLTRETORRENTE

Premio da 10mila euro con un "gratta e vinci" in via D'Azeglio

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Conte in mezzo a un braccio di ferro

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

Il ristorante: «Il buonumore» - Il «pescato» del giorno nel piatto

ITALIA/MONDO

Il caso

Rossella fu abusata per settimane dalla banda di Izzo

nasa

E' morto Bean, il quarto uomo a sbarcare sulla Luna

SPORT

Calcio

Il Real batte il Liverpool e vince la Champions per la terza volta consecutiva

formula uno

F1, Gp Montecarlo: una "pole" che cambia il mercato piloti

SOCIETA'

studenti

Il FabLab in una manciata di secondi Video

LIBRI

Fra blues, avventure noir e... Bollywood: serata parmigiana con Massimo Carlotto Video

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional