19°

29°

iniziative

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis nel libro con la Gazzetta

Le risposte alle «cento domande» sull'Isis  nel  libro  con la Gazzetta
Ricevi gratis le news
0

Il Califfato – anzi il sedicente Califfato, come vedremo – si chiama in molti modi. Il nome più usato, perlomeno in Italia, è Isis. Si tratta di un acronimo che corrisponde a «Islamic State of Iraq and Syria», vale a dire, in italiano, a «Stato islamico dell’Iraq e della Siria». Ma in precedenza l’Isis era conosciuto come Isil, cioè «Islamic State of Iraq and Levant», cioè «Stato islamico dell’Iraq e del Levante».
Volendo essere sofistici Isis può anche significare «Islamic State of Iraq and al-Sham», dove «al-Sham» non è altro che il nome arabo della Grande Siria («Bilad al-Sham») che non corrisponde alla Siria attuale, ma piuttosto al Levante che abbiamo ricordato prima. Ma non è finita: molti ormai – e i militanti dell’Isis per primi – si riferiscono a questo «quasi-stato» con la sigla «Is», cioè, molto semplicemente, «Islamic State», in italiano «Stato islamico».
Per complicare le cose, c’è anche l’acronimo arabo, cioè «Daesh» (o, in altre traslitterazioni, «Daiish») che corrisponde ad «ad-Dawla al-Islāmiyyafī al-ʿIrāqiwa al-Shām». Appunto, tradotto in italiano, «Stato Islamico dell’Iraq e della Siria». Ma perché usare l’oscuro, per le nostre orecchie, acronimo arabo si chiederà il lettore che ha avuto la pazienza di arrivare fin qui? Per il semplice motivo che in questo modo si evita, in nome della correttezza politica, di accostare l’aggettivo islamico a un’organizzazione terroristica. Anche se, come abbiamo visto, l’aggettivo islamico è presente nella sigla, solo che è in arabo e quindi meno evidente.
E poi c’è un altro particolare: «Daesh» suona molto simile ad alcuni termini dispregiativi arabi. Per esempio è quasi identico a «dahes», «seminatore di discordia» e a «daes», «calpestatore». Per questo nei territori occupati dall’isis è vietato usare questa accezione, e la pena per chi trasgredisce è la fustigazione o il taglio della lingua.
A questa e a tante altre curiosità e domande risponde il libro «Isis. Le cento domande che tutti si fanno» di Giancarlo Carlotti e Andrea Franchini con la collaborazione Dario Jovane e Luca Montecchi. Il volume – che ha una postfazione di Fulvio Palmieri – è edito da Due A Editori, e sarà venduto, in abbinamento alla «Gazzetta di Parma», da sabato 30 gennaio a 5 euro più il prezzo del quotidiano.
Non si tratta di un saggio di geopolitica, di un’analisi accademica o di un approfondito reportage giornalistico. Semplicemente gli autori si sono poste le domande che tutti ci facciamo quando guardiamo le atrocità, i successi e gli insuccessi dell’Isis in televisione e hanno provato a dare, nel modo più chiaro e succinto possibile, le risposte. Magari semplificando un po’, ma d’altronde il testo non si propone di essere esaustivo, ma di far capire meglio il fenomeno e, magari, stimolarci a ulteriori letture.
Meno schematicamente il libro si compone di sei capitoli più un’appendice che raggruppa tutte le parole da sapere per parlare con proprietà del fenomeno Isis. Un rapido dizionario che parte da «Abu Alaa al-Afri» (uno dei vice di Abu Bakr al-Baghdadi, il capo dell’Isis) per arrivare a «Zaslon» (un altro acronimo: questa volta indica le unità speciali per le operazioni occulte del Cremlino che pare operino in Siria).
Nel primo capitolo sono raggruppate le domande sulla nascita dello Stato Islamico; il secondo tratta del Califfato, la cui autorità è riconosciuta solo da una minoranza di musulmani e quindi in realtà è un sedicente Califfato; il terzo dell’apparato militare dell’organizzazione; il quarto della comunicazione, un marketing della paura che forse è l’arma più affilata dell’Isis; il quinto delle finanze dello Stato islamico e infine il sesto dei legami tra l’Isis e l’Islam o, meglio quella versione rigorista dell’Islam sunnita che è conosciuta come wahabismo.
In mezzo ci sono risposte a parecchie curiosità come il significato della bandiera nera dell’organizzazione, il ruolo delle donne nell’Isis, i rapporti, molto conflittuali, con al-Qaida, i mutevoli confini geografici dello Stato Islamico oppure l’odio iconoclasta che porta alla distruzione di qualunque monumento archeologico e che, tra l’altro, dà modo ai jihadisti di rifornire, con lauti guadagni, il fiorente mercato delle opere d’arte trafugate. P.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Prosciugano il conto corrente di un pensionato di Zibello: cinque denunciati

truffa online

Prosciugano il conto corrente di un pensionato di Zibello: cinque denunciati

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

3commenti

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

1commento

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

1commento

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

cagliari

In attesa del medico impegnato in una consulenza: "Tutta colpa di un negro"

INDIA

Panico in volo: passeggeri, sangue da naso e orecchie

SPORT

Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Video

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

SOCIETA'

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

sospetto

Test di medicina, picco su Google: "Qualcuno ha barato"

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse