21°

30°

femminicidio

Strangolata dal fidanzato a Fiorenzuola: lo Stato risarcirà la madre

Delitto nel 1991. Condanna per inadempimento a direttiva europea

tribunale
Ricevi gratis le news
0

Ministero della Giustizia e Presidenza del Consiglio devono risarcire con 100mila euro la madre di Rossana Jane Wade, 19enne strangolata dal fidanzato il 2 marzo 1991 a Fiorenzuola, nel Piacentino. Lo stabilisce una sentenza del giudice civile di Bologna Alessandra Arceri: la condanna è per l’inadempimento dell’Italia a una direttiva europea, che prevede l’indennizzo dello Stato in caso di reati violenti dolosi quando non sia possibile conseguirlo dal reo. La madre è assistita dall’avv.Claudio Defilippi. 

La ragazza, che lavorava in un bar, fu assassinata e gettata in un casello ferroviario abbandonato nella zona di Fiorenzuola. Per l’omicidio il fidanzato, Alex Maggiolini, è stato condannato a 15 anni e 8 mesi, sentenza definitiva dal 1995. La sentenza penale prevedeva anche il risarcimento alle parti civili, ma la madre non ha mai ottenuto il ristoro dei danni, dal momento che il condannato è nullatenente.
La direttiva europea 80 del 2004, su cui si è basato il ricorso, conferisce alle singole vittime di reati intenzionali violenti, alle quali non sia stato possibile conseguire il risarcimento del danno del reo, il diritto a percepire dallo Stato membro di residenza un indennizzo equo e adeguato. La madre, Letizia Genoveffa Marcantonio, aveva chiesto in tutto 250 mila euro per l’inadempimento da parte dello Stato italiano della norma dell’Unione Europea.
Il giudice Arceri, nel ritenere corretta la pretesa risarcitoria, ha ricordato che la Commissione europea ha indirizzato il 17 ottobre 2013 un parere motivato all’Italia, accusandola di non aver adottato i provvedimenti necessari per modificare la propria legislazione, al fine di ottemperare agli obblighi previsti dalla normativa europea: la conseguenza è che alcune vittime di reati intenzionali violenti potrebbero non aver accesso all’indennizzo cui avrebbero diritto, proprio sul presupposto che l’ordinamento italiano non dispone di un sistema generale per tutti i reati intenzionali violenti, lasciando così prive di tutela le vittime di alcuni di essi, particolarmente gravi, come rapina, sequestro di persona e omicidio.
Lo Stato, secondo il giudice, ha adempiuto quindi solo parzialmente all’obbligo, emettendo leggi che tutelano esclusivamente le vittime di terrorismo, strage o delitti di mafia. La pretesa risarcitoria, dunque, «trae linfa nel comportamento antigiuridico dello Stato italiano», da un lato, e nel danno ingiusto subito dalla madre, «causalmente ricollegabile» proprio al comportamento dello Stato. (ANSA).

 La ragazza, che lavorava in un bar, fu assassinata e gettata in un casello ferroviario abbandonato nella zona di Fiorenzuola. Per l’omicidio il fidanzato, Alex Maggiolini, è stato condannato a 15 anni e 8 mesi, sentenza definitiva dal 1995. La sentenza penale prevedeva anche il risarcimento alle parti civili, ma la madre non ha mai ottenuto il ristoro dei danni, dal momento che il condannato è nullatenente.
La direttiva europea 80 del 2004, su cui si è basato il ricorso, conferisce alle singole vittime di reati intenzionali violenti, alle quali non sia stato possibile conseguire il risarcimento del danno del reo, il diritto a percepire dallo Stato membro di residenza un indennizzo equo e adeguato. La madre, Letizia Genoveffa Marcantonio, aveva chiesto in tutto 250 mila euro per l’inadempimento da parte dello Stato italiano della norma dell’Unione Europea.
Il giudice Arceri, nel ritenere corretta la pretesa risarcitoria, ha ricordato che la Commissione europea ha indirizzato il 17 ottobre 2013 un parere motivato all’Italia, accusandola di non aver adottato i provvedimenti necessari per modificare la propria legislazione, al fine di ottemperare agli obblighi previsti dalla normativa europea: la conseguenza è che alcune vittime di reati intenzionali violenti potrebbero non aver accesso all’indennizzo cui avrebbero diritto, proprio sul presupposto che l’ordinamento italiano non dispone di un sistema generale per tutti i reati intenzionali violenti, lasciando così prive di tutela le vittime di alcuni di essi, particolarmente gravi, come rapina, sequestro di persona e omicidio.
Lo Stato, secondo il giudice, ha adempiuto quindi solo parzialmente all’obbligo, emettendo leggi che tutelano esclusivamente le vittime di terrorismo, strage o delitti di mafia. La pretesa risarcitoria, dunque, «trae linfa nel comportamento antigiuridico dello Stato italiano», da un lato, e nel danno ingiusto subito dalla madre, «causalmente ricollegabile» proprio al comportamento dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Trintignant, "per me la carriera è finita"

cinema

Trintignant, "per me la carriera è finita"

Balletto

social

L'evoluzione della danza di Michael Jackson...in 4 minuti Video

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

9commenti

Lealtrenotizie

E' morta Anna Maria Bianchi, volto e voce di Radio Tv Parma Foto Il video-ricordo

LUTTO

E' morta Anna Maria Bianchi, volto e voce di Radio Tv Parma Foto Il video-ricordo

2commenti

guardia di finanza

Falsi crediti Iva per 14 milioni di euro. Denunciati 59 responsabili Video

E' caccia ai due imprenditori "menti" del sistema: sono irreperibili. Sequestrati quattro fabbricati nel Parmense

SENTENZA

Public money, ecco tutte le condanne

Cinema

Ciak, a Parma si gira: la mappa dei set

2commenti

Scuola

I bravissimi della maturità: diplomati con 100 e 100 e lode

weekend

Sgranfignone, anatra, disfide tra cuochi: il sabato è a tutto gusto L'agenda

truffa

Mette in vendita online un orologio "fantasma": denunciato 23enne di Langhirano

12 tg parma

Dalla tangenziale Nord al Lungoparma: tutti i cantieri in corso e al via Video

Busseto

Raffica di furti, rubata anche una macchinetta spartineve

Parma calcio

Rigoni, esperto in salvezza

L'appello

«Basta con i botti alle feste d'estate: per gli animali sono pericolosi. Usate quelli silenziosi»

IL CASO

Sgarbi: «Leonardo per l'ultima cena si ispirò all'affresco di Monticelli d'Ongina»

incidente

Schianto tra due auto a Ramiola: feriti due giovani Foto

Lutto

Tarsogno dà l'addio a Lidia Calestini, la regina delle rezdore

carabinieri

Furto di energia elettrica a Chiozzola: arrestato

parma calcio

Chiude la prima parte del ritiro crociato: il video-bilancio di Sandro Piovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, il nemico è nelle scelte quotidiane

di Luca Tentoni

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

PIEMONTE

Temporali sull'Astigiano e sul Torinese, ingenti i danni

viabilità

Schianto tra auto e tir a Campegine: 5 feriti e 5 corsie bloccate

SPORT

12 tg parma

Parma, tre giorni chiave. Preso Galano, serio tentativo per Saponara Video

CALCIO

Milan: Scaroni presidente con deleghe di ad

SOCIETA'

filatelia

Ecco il francobollo dedicato a Giovannino Guareschi. Ma a Parma non è arrivato...

il disco

I Pooh alla ricerca del Graal

MOTORI

IL TEST

Il futuro secondo Bmw? Elettrificato:25 novità da qui al 2025

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto