16°

27°

Carabinieri

Tunisino jihadista arrestato a Caserta: era pronto a colpire in Italia

Jihadisti, tunisino arrestato a Caserta: era pronto a colpire in Italia
Ricevi gratis le news
0

Era pronto «in linea concettuale a colpire in Italia» il tunisino di 41 anni Khemiri Mohamed Kamel Edine, arrestato questa mattina a San Marcellino, nel Casertano, con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo perché ritenuto un adepto dell’Isis, per cui faceva propaganda su internet anche attraverso la diffusione di un vademecum con le regole del «jihadista solitario». Lo ha rivelato nella conferenza stampa tenutasi alla Procura di Santa Maria Capua Vetere il generale del Ros Giuseppe Governale. 

Governale ha spiegato che «Khemiri non ha compiuto azioni concrete, ma dalle indagini è emersa la possibilità che potesse colpire. E’ un soggetto molto pericoloso, anche perché è un tipo intelligente che sapeva farsi ascoltare. E tra l’altro era il factotum della moschea di San Marcellino».
Per gli inquirenti il tunisino, che viveva nell'appartamento sopra il luogo di culto islamico e che qualche conoscente e amico chiamava «Bin Laden», oltre ad essere a capo di un gruppo che forniva a stranieri permessi di soggiorno con documenti falsi, facendosi pagare 600 euro a pratica, era molto attivo dal punto di vista ideologico e nell’azione di propaganda dei principi dell’Isis; non si è mai fatto fotografare con armi, come altri aspiranti terroristi, ma ha sempre commentato con tono entusiastico, con parole come «giustizia è fatta», gli attentati avvenuti a Parigi nel gennaio 2015 contro il giornale satirico Charlie Hebdo, a Copenaghen, oppure a Tunisi al Museo del Bardo. In arabo aveva scritto sul suo profilo, poi chiuso, «io sono 'isissiano' finché avrò vita e se morirò esorto a farne parte». Sempre sul suo profilo Facebook campeggiava la foto di una bandiera francese calpestata con un anfibio.
Intercettato nella sua auto, Khemiri sentiva continuamente litanie islamiche, al computer si collegava spesso con siti legati all’Isis, diffondeva il decalogo del terrorista solitario, con regole concrete come quella di evitare di essere visto dalle telecamere di sorveglianza dei luoghi prescelti per un attentato, o di far perdere le proprie tracce subito dopo aver colpito; il 41enne inoltre chattava con persone residenti all’estero, e non identificate, ma che secondo gli inquirenti potrebbero orbitare nella galassia del fondamentalismo. Nonostante tali elementi però il Gip del Tribunale di Napoli ha rigettato la richiesta di arresto presentata dal sostituto procuratore di Napoli Francesco Regine, in quanto ha ritenuto che Khemiri non avesse «compiuto alcuna azione concreta o preparatoria». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Il New York Times: "Weinstein sarà arrestato domani "

Harvey Weinstein in una foto d'archivio

Molestie

Il New York Times: "Weinstein sarà arrestato domani"

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

parma

Presa la "banda del caveau": tradita (anche) dal tunnel scavato in via Cavour

COLORNO

Quel bimbo imboccato a forza fino a fargli rigurgitare tutto

COLORNO

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore» Video

incidente

L'auto finisce fuori strada e si ribalta: un ferito a Citerna

Busseto

Straziante addio alla piccola Carla

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

La storia

I coniugi Mussolini chiamano il figlio Benito, ma il tribunale dice no

1commento

Pronto soccorso

La vita in «trincea» di medici e infermieri

Ex Eridania

Allarme: tartarughe in agonia nelle vasche del parco

2commenti

gazzareporter

"Il Parco Falcone e Borsellino maltrattato"

Fidenza

Senza tesserino niente acqua gratis

triplice "salto"

Domenica festA al Tardini per la promozione del Parma: il programma

felino

Sfalci: arrivano le multe contro l'incuria e abbandono dei terreni

BASSA

Bimbi maltrattati a Colorno, le indagini continuano: genitori dai carabinieri Video

2commenti

MAESTRE ARRESTATE

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa» Video-choc

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

roma

Scritta "Br" sul monumento a Moro e ai caduti di via Fani: un denunciato

carabinieri di cavriago

Auto di lusso a prezzi bassissimi: ma è una truffa. 5 arresti

SPORT

Foruma Uno

"Libere" a Montecarlo, attacco tedesco: "Ferrari irregolare"

Bufera

In ginocchio durante l'inno per protesta. Bufera Nfl

SOCIETA'

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

Stati Uniti

Trump concede la grazia postuma al grande Jack Johnson

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv