21°

32°

REGGIO EMILIA

Espulsa dal Marocco delegazione italiana diretta nelle terre dei Sahrawi

Il gruppo era guidato da Silvia Prodi (Pd)

Delegazione con Silvia Prodi respinta a frontiera Marocco

Deserto del Sahara (foto d'archivio)

Ricevi gratis le news
0

Erano diretti nella zona del Sahara occidentale, contesa tra il Marocco e i separatisti del fronte Polisario, quando la delegazione dell’associazione umanitaria Jaima Sahrawi, di cui faceva parte, anche se non in veste ufficiale, la consigliera regionale dell’Emilia-Romagna Silvia Prodi (Pd), nipote di Romano Prodi, ex commissario Ue e ora presidente del Gruppo di lavoro Onu-Unione Africana sulle missioni di peacekeeping in Africa, è stata bloccata all’aeroporto di Laayoun e costretta dalla polizia locale a tornare in Italia.
La polizia ha ritirato i passaporti e ha fatto imbarcare la delegazione su un aereo per Casablanca. Qui il gruppo di italiani ha passato la notte prima di fare ritorno in Italia poco dopo mezzogiorno. Da diversi anni l’associazione Jaima Sahrawi porta avanti azioni di solidarietà nel Sahara Occidentale a favore del popolo Sahrawi e non sarebbe la prima volta che una delegazione italiana viene respinta dalle autorità del Marocco.

In una nota diffusa ieri pomeriggio Silvia Prodi spiega che era partita quale componente dell’intergruppo regionale sui Sahrawi, insieme a Caterina Lusuardi e Fabiana Bruschi, presidente e socia dell’associazione umanitaria Jaima Sahrawi, in direzione Layoun, città del Sahara occidentale, attualmente sotto la giurisdizione marocchina. Scopo del viaggio - di natura non istituzionale - era incontrare alcune persone del popolo Sahrawi in contatto con l'associazione, per ricevere informazioni sulle loro condizioni di vita. La visita era stata comunicata all’ambasciata italiana in Marocco e le tre si erano registrate al sito dedicato della Farnesina. Non sono però riuscite a raggiungere i territori occupati, perchè costrette dalla polizia locale a rientrare in Italia. «Si tratta di un episodio difficile da decifrare - scrivono -. Siamo perfettamente coscienti che i destini del popolo Sahrawi sono un tema sensibile, ma il nostro era un viaggio puramente conoscitivo. Si deduce che la situazione nei territori occupati sia veramente molto critica e che questo possa essere un modo per disincentivare qualsiasi tentativo europeo di approfondire da vicino la questione. Speriamo che l'episodio paradossalmente accenda l’attenzione su questo popolo troppo a lungo dimenticato».
«Atterrate a Layoun - prosegue il racconto - non ci è stato permesso di sbarcare. Sull'aereo sono saliti 5 o 6 funzionari di polizia, in divisa e in borghese, che ci hanno comunicato che saremmo state rimandate a Casablanca. Alla richiesta di spiegazioni, è stato risposto che si trattava di ordini superiori ma che non c'era alcun documento scritto ad autorizzarlo. Siamo quindi rimaste in attesa sull'aereo, che poi è ripartito alla volta di Casablanca. Là, alle 21 circa, siamo state condotte nella zona di transito da un funzionario di polizia in borghese, che ci ha sequestrato i passaporti senza fornire alcuna spiegazione, ventilando l’ipotesi di un nostro rimpatrio. Siamo state lasciate in un corridoio dell’area transito senza alcuna informazione per diverse ore. Tramite il senatore Pd Stefano Vaccari, presidente dell’intergruppo parlamentare di solidarietà con il popolo Saharawi, abbiamo contattato il console generale d’Italia a Casablanca, Alessandro Ferranti, che verso l’una è arrivato di persona per verificare la situazione. Grazie al suo interessamento, siamo state informate del fatto che la mattina seguente ci avrebbero rimpatriate con il primo volo per Bologna. Abbiamo trascorso la notte sulle panchine del corridoio, finchè verso le 8 siamo state imbarcate, ancora senza passaporto, verso l’Italia. Al gate di imbarco abbiamo incontrato l’ambasciatore italiano in Marocco, Roberto Natali, che ha voluto essere informato personalmente dell’accaduto e che si è impegnato a contattare le autorità per ricevere informazioni sulla vicenda e soprattutto una documentazione scritta. Questa mattina alle 8.10 siamo partite, ancora senza passaporti, alla volta di Bologna, dove, una volta atterrate, abbiamo atteso la polizia italiana che ha preso in consegna i documenti e, constatato come tutto fosse in regola, ce li ha prontamente restituiti».
In una nota diffusa nel pomeriggio Silvia Prodi spiega che era partita quale componente dell’intergruppo regionale sui Sahrawi, insieme a Caterina Lusuardi e Fabiana Bruschi, presidente e socia dell’associazione umanitaria Jaima Sahrawi, in direzione Layoun, città del Sahara occidentale, attualmente sotto la giurisdizione marocchina. Scopo del viaggio - di natura non istituzionale - era incontrare alcune persone del popolo Sahrawi in contatto con l'associazione, per ricevere informazioni sulle loro condizioni di vita. La visita era stata comunicata all’ambasciata italiana in Marocco e le tre si erano registrate al sito dedicato della Farnesina. Non sono però riuscite a raggiungere i territori occupati, perchè costrette dalla polizia locale a rientrare in Italia. «Si tratta di un episodio difficile da decifrare - scrivono -. Siamo perfettamente coscienti che i destini del popolo Sahrawi sono un tema sensibile, ma il nostro era un viaggio puramente conoscitivo. Si deduce che la situazione nei territori occupati sia veramente molto critica e che questo possa essere un modo per disincentivare qualsiasi tentativo europeo di approfondire da vicino la questione. Speriamo che l'episodio paradossalmente accenda l’attenzione su questo popolo troppo a lungo dimenticato».
«Atterrate a Layoun - prosegue il racconto - non ci è stato permesso di sbarcare. Sull'aereo sono saliti 5 o 6 funzionari di polizia, in divisa e in borghese, che ci hanno comunicato che saremmo state rimandate a Casablanca. Alla richiesta di spiegazioni, è stato risposto che si trattava di ordini superiori ma che non c'era alcun documento scritto ad autorizzarlo. Siamo quindi rimaste in attesa sull'aereo, che poi è ripartito alla volta di Casablanca. Là, alle 21 circa, siamo state condotte nella zona di transito da un funzionario di polizia in borghese, che ci ha sequestrato i passaporti senza fornire alcuna spiegazione, ventilando l’ipotesi di un nostro rimpatrio. Siamo state lasciate in un corridoio dell’area transito senza alcuna informazione per diverse ore. Tramite il senatore Pd Stefano Vaccari, presidente dell’intergruppo parlamentare di solidarietà con il popolo Saharawi, abbiamo contattato il console generale d’Italia a Casablanca, Alessandro Ferranti, che verso l’una è arrivato di persona per verificare la situazione. Grazie al suo interessamento, siamo state informate del fatto che la mattina seguente ci avrebbero rimpatriate con il primo volo per Bologna. Abbiamo trascorso la notte sulle panchine del corridoio, finchè verso le 8 siamo state imbarcate, ancora senza passaporto, verso l’Italia. Al gate di imbarco abbiamo incontrato l’ambasciatore italiano in Marocco, Roberto Natali, che ha voluto essere informato personalmente dell’accaduto e che si è impegnato a contattare le autorità per ricevere informazioni sulla vicenda e soprattutto una documentazione scritta. Questa mattina alle 8.10 siamo partite, ancora senza passaporti, alla volta di Bologna, dove, una volta atterrate, abbiamo atteso la polizia italiana che ha preso in consegna i documenti e, constatato come tutto fosse in regola, ce li ha prontamente restituiti». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen

CINEMA

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen Video

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

L'Onu dichiara guerra al Parmigiano: come il fumo. Coro di critiche

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

24commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

2commenti

12 tg parma

Migranti, la nuova mappa dell'accoglienza Video

anteprima gazzetta

Parma e caso sms, il verdetto potrebbe arrivare venerdì Video

CALCIO

L'amministratore delegato del Parma Luca Carra: "Siamo fiduciosi e lavoriamo per la serie A" Video

Ecco l'intervista del 12 Tg Parma

Processo sms

La Procura picchia duro

15commenti

12Tg Parma

Ozono estivo, a Parma già 29 sforamenti Video

VIABILITA'

Lavori in corso: code sulla via Emilia a Parola. Problemi anche in tangenziale a Parma

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

BORGOTARO

Si sente male dopo la puntura di un calabrone: paura per una 55enne

Soragna

E' morto il professor Demaldè, una vita per i campi e per l'Università

Funerale

A Collecchio l'ultimo saluto a Filippo, morto a 32 anni nell'incidente di Stradella

gazzareporter

Parco di via XXIV Maggio, i vandali spezzano i nuovi alberi Foto

mobilità

Piste ciclabili, in Emilia il top della crescita. Con Parma a metà classifica

1commento

scuola

Via libera al trasferimento di 4 presidi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

4commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Francia

Un collaboratore di Macron ha picchiato i manifestanti. E' bufera

PIACENZA

Cade da cavallo e batte la testa, grave un 72enne. Ricoverato al Maggiore

SPORT

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

EDITORIALE

Va in scena «Il processo» di Kafka

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani