12°

25°

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Riina: Facebook si scusa con la famiglia

Facebook

Ricevi gratis le news
0

Facebook ha chiesto scusa alla famiglia del «capo dei capi» Totò Riina per aver rimosso messaggi di condoglianze postate sul social dopo la morte del mafioso. Una portavoce di Facebook ha spiegato all’Associated Press che "i post erano stati eliminati per errore" e adesso sono stati ripubblicati.

Riina, l'ultimo viaggio del boss

La bara in noce, trascinata da un carrello, entra in tutta fretta al cimitero. Totò Riina, capomafia stragista che ha condizionato la storia d’Italia degli ultimi 40 anni, viene fatto passare dall’ingresso laterale. Un modo per evitare i giornalisti, che da ieri sera stazionano davanti a un camposanto blindato, che diventa però il simbolo della sconfitta della mafia corleonese. Con il capo dei capi costretto, da morto, a tornare nel suo paese dalla porta di servizio. Per lui, che ha scalato i vertici di Cosa nostra lasciando dietro di sè una lunga scia di sangue, non c'è neppure un funerale religioso, vietato dalla Chiesa che ormai da 24 anni ha scomunicato gli uomini d’onore che non mostrano segni di redenzione. Una posizione obbligata dopo l’anatema di Giovanni Paolo II che certo, per la famiglia del capomafia, non potrà essere compensata dal clamoroso dietrofront di Facebook che aveva oscurato i messaggi di cordoglio ai Riina e oggi li ha ripubblicati scusandosi.
La cronaca del ritorno a casa del boss comincia ieri mattina, quando il feretro parte dall’ospedale di Parma dove Riina è morto venerdì scorso. L’intenzione iniziale è arrivare in paese via terra. Poi nel pomeriggio la decisione di prendere la nave a Napoli. Il carro funebre con a bordo la salma trova al porto di Palermo decine di fotografi e giornalisti che riesce a dribblare. Dietro l’auto con i familiari del boss che non sono riusciti a dargli l’ultimo saluto mentre era ancora in vita nonostante l’autorizzazione a un incontro straordinario arrivata dal ministro della Giustizia Andrea Orlando.
Al cimitero il carro viene fatto entrare dall’ingresso di servizio, proprio per evitare la stampa che aspetta il ritorno del vecchio padrino. Portata alla cappella del camposanto, la salma viene benedetta da padre Giuseppe Gentile, parroco della chiesa Maria Santissima delle Grazie di Corleone. Nei giorni scorsi aveva rivolto un appello pubblico ai familiari di Riina, un invito a intraprendere un nuovo cammino. Oggi è molto meno loquace con i giornalisti. La cerimonia dura pochi minuti. Ci sono Ninetta Bagarella, moglie del boss e compagna di una vita da fuggiaschi: dopo anni di latitanza, tornò in paese con i quattro figli il giorno dopo l’arresto del boss. C'è Lucia, la più piccola dei Riina, insieme al marito. Viso indurito e occhi gonfi di pianto. Ci sono Concetta, la maggiore delle femmine di casa Riina e Salvuccio che vive a Padova in libertà vigilata e ha avuto un permesso per assistere alla tumulazione del padre. Manca Giovanni, il più grande dei quattro figli di Riina, il predestinato, anche per ferocia, a prenderne il posto. E’ in cella per scontare quattro ergastoli da quando aveva 25 anni.
Durante la benedizione il frate recita una preghiera per i defunti. «Era tutta centrata intorno alla misericordia» dice poi rifiutandosi di indicare quale avesse scelto. «Dio è grande e fa miracoli - aggiunge - e con la preghiera e il silenzio chissà che qualcosa non cambi in queste persone. Io ci credo».
La tumulazione nella tomba di famiglia richiede pochi minuti. Il boss sepolto a qualche metro da chi con lui ha diviso vita e scelte di sangue: Bernardo Provenzano, morto l’anno scorso dopo anni di carcere duro. Assistono anche alcuni parenti. Una cerimonia per pochissimi intimi. Nessun curioso, nessun paesano. Anche perchè il questore di Palermo, Renato Cortese, ha vietato i funerali pubblici.
All’uscita del camposanto decine di cronisti aspettano i familiari del padrino. Un cordone di polizia e carabinieri tenta di tenere i giornalisti lontani, ma Ninetta Bagarella e suo figlio vengono «accerchiati». Non una parola, come sempre. Per qualche istante restano bloccati dai fotografi, che cercano di catturarne i volti. Ninetta Bagarella è una maschera senza espressione. Salvuccio, che per mafia ha già scontato 8 anni, tenta di proteggerla dall’assalto. Poi salgono in auto e vanno via. E a Corleone si chiude per sempre l’era di Totò Riina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

Sudafrica

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

«Ballando con le stelle 2018»: i vincitori sono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

televisione

«Ballando con le stelle 2018», vincono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

cinema

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

UNRAE

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

Lealtrenotizie

Lite fra sudamericani finisce con denuncia

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

GAZZAREPORTER

Forte temporale in Valceno

PARMA

Gag, giochi e tanti sorrisi: la giornata dei clown Vip in piazza Garibaldi Foto

CALCIO

A Iacoponi e D'Aversa i voti più alti

festa

"BentornAto in A": esplode la gioia sui social di tutto il mondo Gallery

Frosinone-Foggia

Non solo Floriano: guardate la parata di Noppert al 91'

Ricordo

La Corsa di Tommy e Marco Federici Gallery: chi c'era - Video

WEEKEND

Una domenica tra Appennifest, vino e fattorie aperte: l'agenda

truffa

Si spaccia per poliziotto e finge la vendita di uno smartphone: denunciato un 57enne

12 tg parma

Schianto, resta gravissimo il 42enne di Collecchio

PARMA

Una domenica con la Festa del vino in via Bixio Foto

LA FESTA

Una notte per salutare la A

CALCIO

"Facce da tifosi": foto dalla lunga notte della promozione

Ecco una serie di scatti dalla festa più bella per il Parma calcio

AVEVA 57 ANNI

Se n'è andato Giovanni Molossi

FIDENZA

Addio a Umberto Zanella, una vita in viaggio

BUSSETO

L'addio all'avvocato Trabucchi sulle note di Verdi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non solo calcio. Così Parma in tre anni ha vinto tutto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Ristorante da Giovanni», una tappa-culto per gourmet e appassionati

di Chichibio

ITALIA/MONDO

chieti

Lancia la figlia da un ponte A14 e minaccia il suicidio

3commenti

Anniversario

Terremoto: 6 anni fa la prima scossa che ha ferito l'Emilia Foto

SPORT

MOTOGP

Francia; trionfo Marquez, poi Petrucci e Rossi

ciclismo

Giro d'Italia: Yates vince anche a Sappada ed è sempre più in rosa

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, quel “Libro” da scoprire Video

usa

Ex modella di Playboy si getta dal 25/mo piano con il figlio di 7 anni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più