15°

25°

IL CASO

Maria Fida Moro contro la Balzerani: "Vittime di mestiere? Lucrate sulla morte di mio padre"

La figlia Maria Fida contro la Balzerani:  "Vittime di mestiere? Voi lucrate sulla morte di mio padre"

Maria Fida Moro

Ricevi gratis le news
4

Ancora polemiche per le dichiarazioni degli ex brigatisti nel quarantennale del sequestro Moro. Ad alimentarle è di nuovo Barbara Balzerani, componente del commando che rapì lo statista ed uccise la scorta. A margine della presentazione del suo libro ieri a Firenze, la donna ha lamentato che la vittima «è diventata un mestiere» ed ha «il monopolio della parola». Insorge la primogenita di Moro, Maria Fida, che replica duramente: «negli ultimi quaranta anni mentre io mi arrampicavo sugli specchi per mantenere mio figlio, voi ve la siete goduta senza fatica, senza dolore e senza merito».

«Io - ricorda la donna - sono quella del perdono nei vostri confronti, che mi è costato un baule di parolacce e minacce di morte (compresa la carta igienica sporca inviata per posta). Altri hanno trasformato in mestiere ed in una lucrosa fonte di reddito il nostro dolore. Detesto anche solo l’idea del mestiere di vittima, che ho sempre rifiutato. Sono andata in giro gratis attraverso l’Italia per portare un messaggio di pace amorevole, nonostante. Se c'è qualcuno che ha trasformato in mestiere una morte totalmente ingiusta siete voi, portati in palma di mano, da gente vile e meschina».

«E' paradossale - prosegue Maria Fida Moro - che viviate da allora a braccetto con il sistema che dicevate di voler combattere. Sarà molto triste per lei sentire nel cuore il dolore che ha provocato, cosa che prima o poi succederà. Non le chiedo nemmeno più di fare silenzio. Parli ancora e ancora così tutti si renderanno finalmente conto di chi siate realmente».

Sulla stessa linea Luca Moro, figlio di Maria Fida. «Noi - sottolinea - non abbiamo scelto di essere vittime e non ne abbiamo fatto un mestiere. Voi avete scelto di fare i brigatisti e di piombare nelle nostre vite distruggendole - cosa di cui avremmo fatto volentieri a meno - negli ultimi quaranta anni avete avuto lo spazio, la voce e la visibilità. Cose che a noi sono state negate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Demianlee

    18 Marzo @ 19.25

    Chi volesse saperne di più sul caso moro può vedersi la video intervista a Gero Grassi, parlamentare componente della Commissione Bicamerale di inchiesta sul rapimento e la morte di Aldo Moro (quindi non un micio micio bau bau complottista) sul canale youtube del giornalista Claudio Messora (Byoblu). Scoprirà verità che non vengono pubblicizzate dal mainstream e farsi un' idea tutta nuova di quel periodo. Educativo, interessantissimo e sconvolgente.

    Rispondi

  • matgabil

    18 Marzo @ 11.24

    ...offendendo e sbeffeggiando i cari di un politico di razza e degli uomini della sua scorta morti per degli ideali veri e per il bene della democrazia. Altrove non potrebbe farlo forse anche perché sarebbe ancora a marcire in galera e pagare tutto il male e dolore che ha provocato.

    Rispondi

  • matgabil

    18 Marzo @ 11.16

    Quando uccisero Moro stavo servendo lo Stato con il servizio militare allora obbligatorio; provai molto dolore e rabbia nel vedere la democrazia minacciata da un terrorismo sia di destra che di sinistra che imperava protetto da chissà quali poteri occulti. Negli anni successivi man mano che usciva la verità sul caso Moro e dei coinvolgimenti eccellenti quali quelli del Sismi e della Andrangheta subentrò molta sfiducia e delusione verso uno Stato che non aveva saputo difendere uno dei suoi uomini migliori ed anzi ne era coinvolto perlomeno a certi livelli purtroppo deviati. Oggi i miei stati d'animo sono semplicemente quelli di un uomo che vive in un paese dove ad un ex terrorista assassina è permesso dii parlare offendendo e sbeffegguando

    Rispondi

  • Maria Grazia

    18 Marzo @ 03.33

    È molto triste constatare che non esiste pentimento e ravvedimento per queste "persone", e che anzi dopo quarant'anni ancora infieriscono con parole vergognose sull'immenso dolore che hanno procurato a chi ha perso per sempre un "un pezzo" della loro vita e della loro famiglia in nome di una "ideologia" senza senso. . . . Senza un minimo di pentimento nemmeno la Misericordia di Dio può perdonare e neanche un sacerdote Suo Ministro e dispensatore può elargire il perdono e l'assoluzione quando sussiste impenitenza finale.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

Il personaggio

Beppe Boldi, maestro di cori: 55 anni di carriera

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

"Tutto è bene quel che finisce bene", scrive la cantante

Serie B

L'Empoli strapazza il Frosinone, il Parma resta al secondo posto

Lucarelli esorta tutti su Fb: "Non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta"

1commento

alimentare

Anno da record per il Parmigiano Reggiano

I dati del 2017: 3 milioni 650 mila forme prodotte, +5,2% rispetto 2016 nonostante l'aumento dei prezzi

Mondo

Nicaragua, 25 morti in scontri, cronista muore in diretta

Colpito alla testa mentre stava riprendendo su Facebook.

PARMENSE

Superenalotto: vincita da oltre 41mila euro a San Secondo

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

10commenti

ITALIA/MONDO

Mondo

Macron vola da Trump: "Nessun piano B sull'accordo con l'Iran" Video

Economia

Dazi: accordo Ue-Messico per rimuovere il 99% delle barriere Video

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

MEDIA

Osservatorio giovani-editori: entra Tim Cook di Apple 

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover