19°

Italia-Mondo

Editoriale - Il sogno americano

Ricevi gratis le news
0

di Giuliano Molossi

Fino a quattro anni fa, quando venne eletto senatore,  nessuno aveva mai sentito parlare di lui. Oggi quel ragazzo nero con le orecchie a sventola, figlio di un immigrato keniano,  è il presidente degli Stati Uniti. Gli americani hanno voluto che la favola diventasse realtà. E' accaduto quello che sarebbe impensabile in ogni altra parte del mondo. Ma quello che rende l'America, pur con tutte le sue contraddizioni, uno straordinario paese è anche questo: il coraggio di osare, di voltare pagina, di stupire il mondo. E' il mito americano: se sei nato negli Stati Uniti un giorno potresti diventare presidente. Anche se sei nero, anche se tuo padre è nato in Africa, anche se da ragazzo ti facevi le canne, anche se appena dieci anni prima eri solo un giovane avvocato che assisteva gratuitamente i poveri di Chicago.  E Barack Obama, nel suo primo, emozionante discorso, davanti a una folla in lacrime, in un'atmosfera hollywoodiana, da film di Frank Capra, ha voluto proprio sottolineare  che «se c'è ancora qualcuno che dubita che l'America sia un posto dove ogni cosa è possibile, dove si può realizzare il sogno dei nostri padri e dimostrare il potere della democrazia, ebbene, questa notte la risposta è arrivata». In quel momento  Obama ha avuto la certezza matematica di aver vinto, anzi stravinto le elezioni. Tutti gli Stati decisivi, dall'Ohio alla Pennsylvania, erano suoi, Mc Cain aveva già ammesso la sconfitta. Il vecchio combattente, l'eroe del Vietnam che in tutta la campagna elettorale si era battuto come un leone contro un destino che pareva già scritto, si è congedato con grande dignità, inchinandosi al neo-presidente, riconoscendo i meriti dell'avversario e parlando della portata storica di un afro-americano che 45 anni dopo le grandi battaglie per i diritti civili entra a pieno titolo alla Casa Bianca.

E' facile dirlo ora, a giochi fatti, ma nelle ultime settimane Obama era diventato imprendibile. La svolta, secondo molti osservatori, è arrivata  con il fallimento della Lehman Brothers, il crollo di Wall Street e delle Borse mondiali, gli interventi statali, i segnali di recessione, l'incubo dei licenziamenti. Da quel momento McCain non è più riuscito a «smarcarsi» da Bush e dai repubblicani al governo. Se non ci fosse stata questa devastante crisi finanziaria, McCain avrebbe ancora potuto giocarsela, nonostante le imbarazzanti gaffes della sua incontenibile vice, Sarah Palin. Da lì in poi la strada di Obama verso la Casa Bianca è stata tutta in discesa fino alla schiacciante vittoria di martedì. Ma, a ben vedere, è stato quando ha ottenuto la nomination sconfiggendo Hillary Clinton dopo una sensazionale rimonta, che Obama ha superato lo scoglio più duro. E adesso che il «yes, we can», il «ce la possiamo fare» è diventato il «yes, we did», «ce l'abbiamo fatta», comincia una nuova pagina di storia americana. Potrà essere esaltante e segnare l'inizio di un secondo New Deal se Obama manterrà fede ai suoi impegni.

Ma le sfide da affrontare sono enormi. E l'euforia dovrà presto cedere il passo alla consapevolezza della gravità del momento. La crisi economica  è planetaria, la recessione può mettere in ginocchio anche un gigante come l'America. Di una cosa però siamo sicuri: Obama non è il rivoluzionario che qualcuno frettolosamente ha dipinto. La politica protezionistica a difesa del «made in Usa» può dare qualche giustificata preoccupazione in Europa ma il suo programma economico è complessivamente quello di un uomo pragmatico e moderato. E lo stesso equilibrio saprà dimostrare in politica estera con l'annunciato, progressivo, ritiro delle truppe dall'Iraq accompagnato da un contestuale, rinnovato impegno in Afghanistan dove Bush avrebbe fatto meglio a concentrare gli sforzi anzichè aprire un altro fronte di guerra. Forse, rispetto al passato, le novità più grosse arriveranno dalle politiche sociali e dalla sanità ma si tratterà di necessarie correzioni a un sistema  (si cura chi ha i soldi per farlo) che ormai non poteva più reggere. Sul piano fiscale, infine, la sua promessa di ridurre le tasse al 90 per cento degli americani, e cioè a quelli che vivono con meno di 250 mila dollari all'anno (e di aumentarle agli altri), gli ha certamente portato molti voti. E' un populista, dicono i suoi avversari, non ce la farà a mantenere gli impegni. Lo vedremo. Resta il fatto che le proporzioni della vittoria sono tali da poter dire che Obama, con il suo carisma, è riuscito a parlare al cuore della gente, e soprattutto «a quelli - sono parole del suo discorso nella notte di Chicago - che restano svegli quando i bambini dormono e si chiedono come pagheranno il mutuo o le parcelle del medico o come potranno risparmiare abbastanza per mandare i figli all'università».

Questi sono gli americani che hanno accompagnato Barack Obama fino alla Casa Bianca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno