16°

28°

Italia-Mondo

Lettori cronisti - "Noi studenti italiani scampati a un attentato in Cina"

Lettori cronisti - "Noi studenti italiani scampati a un attentato in Cina"
Ricevi gratis le news
0

Un uomo si è fatto esplodere alla vigilia di Natale nel «Salvador's Café» di Kunming, capoluogo dello Yunnan, nella Cina meridionale. Li Yan - questo il nome dell'attentatore, secondo l'agenzia Nuova Cina - è l'unico ad aver perso la vita nell'esplosione. L'evento però ha creato timore in città, anche perché non è la prima volta che avvengono esplosioni in pubblico. L'uomo era sospettato di essere uno degli attentatori che a luglio, nel periodo immediatamente prima delle Olimpiadi di Pechino, fecero esplodere bombe in due autobus.
Li Yan è morto quando la bomba che aveva confezionato con nitrato di ammonio (e che lui stesso trasportava in uno zaino) è esplosa accidentalmente proprio mentre l’uomo stava uscendo dal bagno del bar. Lo riferisce «Nuova Cina», che cita il vicesindaco e capo dell’ufficio sicurezza della città, Du Min. Non si sono registrate altre vittime. In città però c'è timore di nuove esplosioni, anche fra gli studenti stranieri che frequentano le università di Kunming.

LA TESTIMONIANZA DI UNO STUDENTE EMILIANO: «PERICOLO SCAMPATO, MA LA PAURA RESTA».
Gazzettadiparma.it pubblica la testimonianza di un nostro lettore: Luigi Politi, studente 24enne di Piacenza, che dopo la laurea in Scienze politiche a Milano si è trasferito a Kunming per studiare cinese in un Ateneo locale fino al giugno 2009. Al nostro quotidiano racconta che il giorno dell'attentato si stava recando proprio al Salvador's Café. Lì lo aspettavano due amiche italiane, una studentessa di Milano e una di Pesaro. Le ragazze hanno visto l'attentatore e sono state coinvolte dall'esplosione: per loro nessuna ferita ma tanta paura.
«La mattina del 24 dicembre intorno alle 10,30, (3,30 di notte ora italiana) - dice Politi - un uomo di nazionalità cinese ha fatto  esplodere una bomba all’interno del locale Salvador’s Cafe in Wenhua Xiang. Almeno due inservienti di nazionalità cinese sono rimaste ferite, mentre un altro uomo, presumibilmente quello con la bomba, è morto dopo tre ore nell’ospedale locale. In quel momento all’interno della famosa caffetteria di Kunming, frequentata prevalentemente da turisti e studenti stranieri si trovavano anche due ragazze italiane, fortunatamente rimaste illese».

«Subito dopo l’esplosione molte persone, per lo più curiosi, hanno affollato la zona circostante in cerca di informazioni - continua Politi -. La polizia ha cercato subito di tranquillizzare i presenti spargendo la voce di un’esplosione di una bombola di gas, così come ha riportato il giornale locale “Yunnan Xinxingang” nelle ore successive. Mi stavo recando nella caffetteria per incontrare due amiche italiane, studentesse. Sono arrivato dopo le ambulanze e ho notato una grande pozza di sangue per terra e ovviamente tutti i vetri rotti. Le due ragazze, sotto shock, mi hanno raccontato l'accaduto: era chiaro che non poteva essere stata una bombola di gas».

«La versione più plausibile sembra proprio quella dell’attentato, il quarto del 2008 nella capitale dello Yunnan - dice il giovane -. Infatti il 21 luglio tre bombe erano esplose in altrettanti bus causando due morti e dieci feriti. Attentato poi rivendicato in un video da un gruppo che si fa chiamare East Turkestan Islamic Party (Etim), sebbene la veridicità di tale video sia stata negata da rappresentanti del governo locale. Appare inoltre strategica la zona  dell’esplosione, il cuore della Kunming universitaria, sempre più affollata da studenti stranieri, tra i quali non pochi italiani. Il locale dell’accaduto è peraltro di proprietà di due americani e un giapponese».

I GIOVANI EVITANO I LUOGHI AFFOLLATI.
Subito dopo l'attentato, racconta Luigi Politi, «intorno alle 18 la Yunnan University ha inviato sms agli studenti stranieri invitandoli a rimanere a casa e a non partecipare a nessuna delle diverse feste natalizie in programma per la serata». L'invito è stato raccolto da molti degli studenti stranieri a Kunming, che hanno festeggiato la vigilia perlopiù in forma privata. Per l'ultimo dell'anno però sembra la voglia di uscire prevarrà: i testimoni assicurano che c'è comunque la voglia di reagire al terrore.
Dopo i primi giorni di shock, infatti, ora a Kunming il clima è migliore. «Chi è rimasto più colpito è senza dubbio la comunità straniera - spiega lo studente in contatto con Gazzettadiparma.it - mentre i cinesi difficilmente commentano l'accaduto o lo fanno in modo molto cauto, sembra quasi che abbiano paura. L'unica precauzione presa da noi studenti (la maggior parte) è di evitare posti molto affollati, quali discoteche, non si rinuncia tuttavia al divertimento dato il breve periodo di vacanza, si cerca di andare in posti molto cinesi e non troppo alla moda!. Tutto sommato - conclude il giovane italiano - siamo stati molto fortunati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

festival verdi

Daniele Abbado: "Nei teatri italiani c'e' problema di sicurezza". Ma promuove il Regio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

SPORT

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"