18°

Giovani artisti

Il mARTEdì - Serena de Gier

Il mARTEdì - Serena de Gier

Serena de Gier

Ricevi gratis le news
0

 

Margherita Portelli
Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.
Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli? E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?
Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.
29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…
29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.
C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?
Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa. 
Come ti sei avvicinata alla pittura?
Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.
Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…
Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.
La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com
 
Margherita Portelli

 

Si respira un orizzonte di libertà, da qualche giorno, nella sede di Spazio Audiomedica in via Repubblica. Nei giorni scorsi ha inaugurato “Con le ali”, la mostra personale dell’artista parmigiana Serena de Gier, in cui la natura è prepotente protagonista di un’esposizione assolutamente particolare. Ad essere ritratti dal pennello attento di Serena sono gabbiani, pettirossi, albatros, cinciallegre, scriccioli, cicogne; in altre parole le alate creature del cielo, che sull’artista esercitano un fascino particolare. Classe 1979, Serena si è diplomata in scenotecnica al “Toschi” e ora vive in Piemonte.

Come ti sei avvicinata al mondo degli uccelli?

 E come hai cominciato a concentrare la tua produzione pittorica solo sui volatili?Ho lavorato a lungo per il Teatro delle Briciole come attrice e scenografa, e questo mi ha portato spesso in tour: nel 2010 a Strasburgo vidi un documentario dal titolo “Il popolo migratore” dedicato a questi animali; ne rimasi affascinata, totalmente commossa, fu naturale per me iniziare delle ricerche e provare a raccontare questo mondo attraverso la pittura. Prima avevo sempre dipinto, principalmente volti, e così ci provai. Non mi sento una pittrice naturalista, però, perché non vado a fondo nei particolari a sufficienza per potermi definire tale.

29 dipinti in un paio d’anni. Una produzione importante…

29 sono i quadri in mostra, in realtà quelli che ho dipinto in questo periodo sono molti di più. Ho fatto della pittura un mestiere, da quando, qualche anno fa, mi sono trasferita a Cuneo con la mia famiglia.

C’è un dipinto, o un animale nello specifico, a cui sei particolarmente legata?

Il documentario di Jacques Perrin dedicato alla migrazione degli uccelli ce citavo prima mi ha folgorata per la bellezza e la poetica vita degli esseri alati, e in particolare per le Sule Bassane. Creature incredibili: pelecaniformi simili nella corporatura a grossi gabbiani che nuotano e volano con la stessa destrezza, una vita divisa fra cielo e terra in libertà ma con una loro routine e con dei doveri, dei ruoli specifici, continuamente in viaggio, stagione dopo stagione, anno dopo anno, con lo stesso percorso da seguire. Un uccello che in un qualche modo mi rispecchia, anche perché vive dove io vorrei vivere, in nord Europa.

Come ti sei avvicinata alla pittura?

Ha sempre fatto parte di me, avendo frequentato il “Toschi” . Diciamo che l’arte è stata anche “terapeutica” nel mio caso, perché ha contribuito a traghettarmi oltre un’adolescenza piuttosto agitata.

Questa mostra non si compone di sole tele, ma anche di parole…

Assieme ai dipinti ho portato avanti una ricerca sulle poesie in cui compaiono gli uccelli e il tema del volo; poeti e musicisti, fanno degli uccelli metafora dell'amore, di mani carezzevoli, di musiche divine, della speranza, persino della ricerca stessa della divinità e della perfezione. Ad esempio Emily Brontë, John Keats, Emily Dickinson, Antonio Machado, Cesare Pavese, sono presenti con i loro versi stampati e appesi.La mostra “Con le ali”, curata da Camilla Mineo, è visitabile fino al 12 dicembre dal lunedì al venerdì, ore 9-12.30/15-19; sabato, ore 9-12.30 (sabato pomeriggio e domenica su appuntamento). Per saperne di più sull’artista si può visitare il sito www.serenadegier.com 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osè erano rubate"

decisione

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osé erano rubate"

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale con una ragazza: è morto "Zanza", re dei playboy

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

La copertina del libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

1commento

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

università

UniRankings 2019: l'ateneo di Parma 501esimo nella classifica mondiale

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

12 TG PARMA

Rifugiati: il Ciac lancia una petizione sul web contro il decreto Salvini Video

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I «like», la morte e il valore della vita

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

mafia

Aemilia, il procuratore generale di Bologna: "Usare l'aula bunker anche per l'appello"

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

SPORT

procura

Moto, Fenati ora è indagato per violenza privata

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel