10°

27°

La Vasca

I maturandi: "Il nostro futuro è solo all'estero"

I maturandi: "Il nostro futuro è solo all'estero"
Ricevi gratis le news
0

Alessandra Pradelli

Più determinati e concreti: così si può definire la generazione dei maturandi 2013. Che si tratti di cercar lavoro o proseguire gli studi, non si fanno illusioni sul mondo che li aspetta fuori dalle aule: hanno le idee chiare, oltre a sogni e passioni che vogliono inseguire e, al contempo, sanno che l’attuale situazione economica e politica già li penalizza. Sono consapevoli che sia necessario impegnarsi, crearsi opportunità, dare il meglio di sé e tutti concordano di voler fare esperienza all’estero.
«Siamo una generazione un po’ sfortunata - dice Agnese Covezzi, studentessa al quinto anno del liceo Sanvitale - c’è un’insicurezza molto profonda. Vedo molto alta la probabilità di andare all’estero, una volta conclusa l’università». Stessa posizione condivisa dai compagni del Bocchialini, Ipsia, Marconi, Melloni, Toschi e Ulivi: grazie anche ai dibattiti a cui si sono aperti gli insegnanti, gli studenti sanno quanto sia importante avere varie competenze linguistiche. «Come ci hanno anche spiegato i professori - spiega Luca Marocchi, quinto anno del liceo Ulivi - non è più sufficiente conoscere l’inglese, oltre alla propria lingua madre. È importante conoscerne almeno un’altra ed è per questo che, oltre a proseguire gli studi, desidero fare esperienza all’estero».
 E Catalina Balascau, sua compagna di classe, aggiunge: «I professori cercano di fornirci una prospettiva ottimista perché, se non lo fanno loro, chi lo fa, oltre ai nostri genitori? Ci hanno consigliato di fare quello ci piace, anche perché non sappiamo cosa ci sarà una volta terminato il percorso universitario. La nostra professoressa di lingua tedesca ci sprona tantissimo ad andare in Germania, sia per studio che per esperienza lavorativa». Luna Torri del  Toschi confessa: «Oggi è anche molto più difficile entrare all’università, ci sono molti test d’ingresso che sono stati anticipati a luglio, poche settimane dopo aver concluso gli esami di maturità. Bisogna rimboccarsi le maniche e andare avanti». Hanno cominciato a sentir parlare di crisi economica, licenziamenti e cassaintegrazione già dai primi anni dell’adolescenza: un fattore determinante per perdere la fiducia nelle istituzioni. «Media, internet e social network - dice Pietro Goffrini - ti sbattono in faccia tutto tutti i giorni, dal mattino alla sera, quanto sia difficile trovar lavoro e avere un futuro in Italia. Lo vedi in tv, sul telefono, su internet, ne parli a casa e a scuola: è ovvio che nasce spontanea la voglia di andarsene». Dove vedete più opportunità lavorative? «Estero - ribadiscono all’unisono Luigi Olivati e Giulia Ghiretti del liceo Marconi -. Seguendo i problemi attuali di stabilità politica, viene spontaneo pensare ad un futuro fuori dall’Italia. È ovvio che è brutto ammetterlo, è una sorta di vigliaccheria, ma se qualcosa non cambia andare all’estero non è più una scelta ma un obbligo».
«Non credo che l’Italia abbia molto da dare alla mia generazione - sostiene Camilla Rovesti, liceo Romagnosi -. La mia aspettativa lavorativa è all’estero, anche se non si può partire senza preparazione e senza avere le idee chiare». Dubbi? «Qualcuno sì - risponde Giulio Cavalli, anch’egli maturando del liceo Romagnosi -. Quello che dice Camilla è vero, soprattutto perché, in questo Paese, noi giovani non siamo appoggiati nel realizzare le nostre aspettative. Al contempo, però, ammettere di volersene andare mi sembra un po’ brutto perché dovremmo essere noi, per quanto difficilissimo, a impegnarci per sollevare questa situazione di crisi non solo economica, anche di valori, cercando di crearci nuove opportunità». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

1commento

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street