21°

La Vasca

Imagine: il mondo a 20 anni - Gemma Calabresi, la speranza che pietrifica

Ricevi gratis le news
0

Francesca Gatti

Gemma, la cultura della vita e la vita, “che è bene vivere, a qualunque costo”.

Ci saremmo dovuti aspettare forse il lamento, il dolore e la rabbia di una vittima; ma il sorriso, la lucidità e le parole di speranza che una persona ha saputo trasmettere in una sala gremita di persone, ci hanno lasciati pietrificati.
 Gemma Capra, meglio nota come vedova del maresciallo Calabresi, non si è fermata all’attimo dell’assassinio del marito, la mattina del 17 maggio 1972, quarantuno anni fa.

Le nostre aspettative sarebbero state soddisfatte molto probabilmente qualche anno fa, quando il rancore e la debolezza di Gemma prendevano più facilmente il sopravvento sulla sua forza; ma se così non è stato, all‘auditorium della Casa della Musica di Parma, possiamo ritenerci artefici di questo cambiamento. Le persone, infatti, -e non solo la fede, di cui parlerò più avanti- hanno salvato Gemma dall’inabissamento: l’interessamento, l’ attenzione, la presenza, la sensibilità, le cure e le premure, i messaggi, le parole, -in una parola: la solidarietà- di cui siamo, a volte, capaci.

Originaria di una famiglia cattolica, Gemma non ha mai abbandonato la sua fede, che, nei momenti di crisi, è diventata un punto di riferimento e le ha fornito quasi una ‘giustificazione’: “Da quel 17 maggio, ho incominciato a pensare al fatto che la mia vita non sarebbe più stata come me l’ero immaginata e sognata, ma che almeno non sarei stata sola. La fede non toglie il dolore, ma lo riempie di significato. Non mi è mai capitato di pormi la domanda ‘perché è successo a me’ dal momento che non capivo perché sarebbe dovuto toccare agli altri”.
 Gemma svela il lato positivo interno all’esperienza del dolore: a quel suo aspetto, il più delle volte trascurato, grazie al quale è riuscita a maturare, a crescere e a sviluppare una sensibilità maggiore.
E accenna al perdono come percorso molto lungo, con alti e bassi: dev’essere un percorso ricercato e continuato, perché “il perdono non si dà attraverso le parole o la mente, ma solo con il cuore”.
E’ inoltre necessario operare una differenza tra ‘giustizia’ e ‘perdono’ dal momento che l’una non esclude l’altra: ‘giustizia’ non equivale a ‘dimenticare o perdonare’, ma vuol dire fare luce, capire, ricercare la verità.

Frutto dei tre anni di matrimonio tra Luigi e Gemma sono i tre figli, l’ultimo dei quali doveva ancora nascere al momento dell’omicidio del padre. Gemma racconta di come è riuscita a infondere loro uno spirito di rivalsa. “Crescerli nella cultura del rancore”; spiega: “ avrebbe costituito una tragedia in più per noi perché avrebbe significato far trionfare la morte e la cultura derivante da essa. Se avessi instillato in loro solo la rabbia e la vendetta, non avrebbero costruito alcunché sia come persone sia all’interno delle loro vite: non sarebbero più stati in grado di comprendere ciò che di bello ancora la vita riservava e avrebbe riservato loro”.
Dei tre figli, solo Mario -diventato giornalista, scrittore e direttore de La Stampa-, ha ricordi personali del padre. “La memoria e la figura del padre doveva essere viva in loro, ma non limitante: ho cercato di fare in modo che i miei figli non si fermassero all’attimo dell’omicidio, ma di proiettarli verso il futuro, in grado di inventarsi e di ricrearsi una propria vita”.
 Gemma chiude il suo intervento con un monito dedicato ai genitori: “Costruite un dialogo con i vostri figli; non abbiate paura di essere troppo semplici o troppo profondi. Confrontatevi e date loro l’esempio, sempre!”.

Come al termine delle opere teatrali e musicali, gli applausi durano parecchi minuti, qualcuno tra il pubblico si alza in piedi e molti esibiscono la loro copia di Spingendo la notte più in là, il libro di cui è autore il figlio Mario Calabresi, con l’intenzione di farselo autografare da questa donna decisamente fuori dall’ordinario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La  'sexyprof' si candida alle Europee  in lista Popolari

elezioni

La 'sexyprof' si candida alle Europee in lista Popolari

1commento

Charlize Theron

Charlize Theron

usa

Charlize Theron confessa, mio figlio Jackson è una bambina

Corona: giudici, per lui carcere soluzione adeguata

gossip

Corona, i giudici: "Per lui il carcere è la soluzione adeguata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Grateful Dead, mezzo secolo di Aoxomoxoa

IL DISCO

Grateful Dead, mezzo secolo di Aoxomoxoa

di Michele Ceparano

1commento

Lealtrenotizie

Pasqua in città: foto-cronaca di una giornata tra arte e relax

a passeggio

Pasqua in città: foto-cronaca di una giornata tra arte e relax

a Sanguigna

Paura per un ciclista caduto: trasportato al Maggiore dall'elisoccorso

il messaggio

Il Vescovo Solmi: "Le croci di tanti sono le nostre: che sia una Pasqua collettiva"

solidarietà

Parma fa squadra e vince: cena per 1500 a San Patrignano Foto

COMUNE

Come vengono spesi i soldi delle multe

2commenti

MEMORIA

23 aprile '44: la guerra arriva dal cielo

WEEKEND

Tra cacce al tesoro, castelli e... vintage: l'agenda di Pasqua e Pasquetta

Fidenza

Raffica di razzie: il ritorno dei ladri di polli

CATTEDRALE

Adrielle e gli altri: «Il nostro sogno di diventare cristiani si è avverato»

COLLECCHIO

«Il centro è sporco per la maleducazione dei padroni dei cani»

1commento

INIZIATIVA

Balli, market e food truck: com'è vintage la Ghiaia Le foto

serie A

Un bel Parma ferma il Milan

gazzareporter

Se il parco Ferrari diventa orinatoio per tifosi maleducati Foto

1commento

PREVIDENZA

Tagli alle pensioni. È scontro fra Pizzarotti e i 5 Stelle

TURISMO

«I cinesi amano cibo e cultura: Parma investe sulla promozione»

berceto

Cade da due metri mentre fa lavori in casa: ferito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La battaglia di Greta contro la nostra folle idea di sviluppo

di Vittorio Testa

IL CINEFILO

Dalla Cortellesi 007 al Campione: tutti i film di Pasqua - Il video

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

attentati

Otto esplosioni in Sri Lanka: 207 morti e almeno 450 feriti. La Farnesina verifica la presenza di italiani

il caso

Bimbo colpito dallo scorbuto a Rimini: era la malattia di marinai

SPORT

baseball

Il Parma Clima fa il bis: 2-7 a Godo

SERIE A

Juve, finalmente lo scudetto - Le foto

SOCIETA'

VELLUTO ROSSO

I concerti di Pasqua, aspettando Mogol e il "Requiem"

lutto nella capitale

E' morto Massimo Marino, re delle notti romane e idolo dei giovani. Aveva 59 anni

MOTORI

IL SALONE

New York, news e curiosità dagli stand

MOTORI

Arona, Ibiza e Leon a tutto gas: il senso di Seat per il metano