19°

30°

LANGHIRANO

Nicola, 920 chilometri di fatica e silenzi per ritrovare se stesso

«I miei 31 giorni lungo il cammino di Santiago: Un percorso che fa rimettere a fuoco il proprio centro»

Nicola Bonati

Nicola Bonati

Ricevi gratis le news
3

Il cammino si divide in tre parti: una fisica, una mentale e una spirituale»: Nicola Bonati, classe 1975, è da poco rientrato dal suo pellegrinaggio verso Santiago de Compostela e ha gli occhi ancora luminosi, pieni dei riflessi e delle atmosfere che hanno avvolto la sua esperienza. 31 giorni, fatti di fatica, impegno, determinazione, incontri, chiacchiere, silenzi.
E’ difficile percorrere 920 km a piedi, ma forse è ancora più difficile raccontarli a parole. Anche per questo Nicola prima di partire aveva aperto un blog sul viaggio: «Ho scelto di tenere un blog per tanti motivi - racconta -. Perché volevo essere sicuro che restasse una testimonianza eterna e che non avrei mai perso, per rendere partecipi amici e familiari e per sentirmi più libero, meno vincolato a telefonate e messaggi per rassicurare ogni giorno sulle mie condizioni».
Nicola è partito da solo, ma come tanti sanno è impossibile fare il cammino da soli: «Sull’aereo ho conosciuto Sabine, una ragazza di Bolzano, che andava verso il mio stesso punto di partenza e che avrebbe fatto anche lei il percorso nella sua interezza: abbiamo deciso di iniziare insieme e siamo rimasti vicini fino all’ultimo giorno, tra vesciche ai piedi, tendiniti, entusiasmo e tutto il resto».
Nicola, che a Langhirano fa il geometra, è partito preparato: «Avevo già affrontato una parte di cammino, 160 km, nel 2006, con un gruppo di amici, ma mi era rimasta la voglia di farlo interamente. Sono partito con uno zaino da 10 kg con poche cose fondamentali e con uno zaino simbolico e non quantificabile di pensieri da riordinare. Ho percorso ogni giorno dai 26 ai 37 km. Mentre metti un piede dopo l’altro puoi fare diverse cose: parlare coi compagni di viaggio, cantare o riflettere. Io ho fatto tutto, alcuni problemi li ho inquadrati meglio e ho messo a punto strategie per risolverli, altri ho deciso di interpretarli sotto una luce nuova: la fatica fisica dona lucidità mentale e la lucidità mentale ti permette di concentrarti sul piano spirituale. Il cammino permette di rimettere a fuoco il proprio centro, senza dubbio».
Si dice che il cammino sia una metafora della vita e, come nella vita reale, la cosa che accade con più frequenza è conoscere gente: Nicola ha condiviso chilometri, cene, riposi, sorrisi, parole con gente di tutto il mondo. «Ci sono tanti italiani, spagnoli, tedeschi, ma anche americani - racconta -. E da quando hanno permesso l’ingresso dei libri di Coelho in Cina e Giappone, ci sono anche tante persone che arrivano da là. Ci sono pellegrini di tutte le età: bambini con i genitori, ragazzi, coppie anziane e tutti, quando si incontrano negli ostelli, si ritrovano ad essere magicamente amici». Ma con i compagni di viaggio si condividono anche le birre. «Il mio blog si chiama "Una cerveza por favor!", perché è vero che è un viaggio serio, spirituale, rigoroso, ma è pur sempre un viaggio, e una birra dopo una giornata di fatica è sempre la cosa migliore per rimettersi in sesto e far chiacchiere con i compagni di avventura», spiega sorridente. «Ma ci sono anche compagni di viaggio che mi hanno affiancato simbolicamente: prima di partire, quando ho fatto il giro dei saluti tra amici e parenti, mi sono fatto lasciare da ognuno un filo colorato con cui ho legato la conchiglia, simbolo dei pellegrini, allo zaino: era un modo poetico per ricordarmi di loro ogni volta che arrivavo in un posto stabilito la sera e ogni volta che ripartivo verso una meta nuova l’indomani».
E come in ogni pellegrinaggio che si rispetti, c’è stato tanto tempo anche per cercare Dio: «Un parroco che abbiamo conosciuto lungo il cammino ci ha detto: "Cercate Dio nelle persone, negli animali, in tutto ciò che incontrerete lungo la strada per Santiago". E' una visione assoluta che mi piace molto». E quando il cammino finisce? «Quando arrivi sei travolto da una fortissima soddisfazione, ma c’è una piccola parte di te che è quasi malinconica perché avrebbe voluto proseguire, ma il bello è questo: quando diventi pellegrino non smetti più. Sto già pensando al prossimo percorso».
Chi volesse leggere la bellissima esperienza di Nicola, può visitare il blog: nicolabonati.blogspot.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Antonio

    26 Agosto @ 21.31

    Grande Nicola , ò letto il Tuo racconto,( poche parole rispetto ai Km percorsi e i giorni impiegati ) ma ben sintetizzate al punto che ti rende compartecipe della Tua AVVENTURA. Devo dire che mi sono abbastanza emozionato ........come vorrei avere qualche anno in meno e meno problemi!!!!!! Complimenti Vivissimi......Ciaoooooooooo

    Rispondi

  • patti

    26 Agosto @ 19.53

    ......e pensare che io faccio fatica a fare 100mt a piedi per raggiungere il mio bar......e solo il pensiero di una bella birra ghiacciata mi da la forza di affrontare la camminata, altrimenti non riuscirei a sollevarmi dal mio bel divano. Se stare sdraiati nuoce alla salute, io non ho scampo!......

    Rispondi

  • Ilaria

    26 Agosto @ 09.18

    Bella esperienza! Conosco la difficoltà ma non a piedi, io l'ho fatto in bicicletta con carrello monoruota e bagaglio, ma comunque tutto per il sentiero del pellegrino fino a Finisterra, percorso duro ma ben organizzato e servito, con ostelli a poco prezzo e lo stesso per i menù del pellegrino. APPELLO..... Noi in Italia abbiamo la via Francigena che in quanto a Storia e importanza Religiosa non ha nulla da invidiare al Camino de Santiago. Bisogna dunque che il governo incentivi la ristrutturazione del percorso per poter agevolare i pellegrini nella spesa e nello stesso percorso che attualmente non è praticabile con continuità, va riqualificato. Gli spagnoli hanno costruito un business notevole da questo percorso, perchè noi no! La via Francigena, non dimentichiamocelo, come meta porta al Vaticano, unico al Mondo! E comunque Roma e sempre Roma nel Mondo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arte e Gusto: il quarto compleanno, ecco le foto della festa

PGN

Arte e Gusto: il quarto compleanno, ecco le foto della festa

Sondaggio: qual è il miglior bar di Parma per l'happy hour?

GAZZAFUN

Sondaggio: 10 ristoranti di mare di Parma e provincia, vota il migliore!

Festival della parola: tre giorni alla Corale Verdi in ricordo di Luigi Tenco

12 tg parma

Festival della parola: tre giorni alla Corale Verdi in ricordo di Luigi Tenco Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Trattoria Armanda» una gita per la tradizione della Liguria

CHICHIBIO

«Trattoria Armanda» una gita per la tradizione della Liguria

Lealtrenotizie

I sub, l'elicottero in volo, poi il ritrovamento del cellulare: ecco i passi che hanno permesso di rintracciare Cristopher

scomparso

Cristopher ritrovato in una ex casa cantoniera di San Prospero Foto Video 

CARABINIERI

Furti sulle auto in sosta: arrestato un 23enne a Collecchio

1commento

calciomercato

Nell'anniversario di "Bologna 2005", il procuratore: "Dezi resta al Parma"

calcio

Serie A e Coppa Italia: ecco le date ufficiali. Parma in campo il 12 agosto

anteprima gazzetta

VinciCasa (Win for Life): 500 mila euro vinti da un parmigiano Video

Lutto

Addio a Ficini, storico pasticciere di via Bixio

CARABINIERI

Rapinarono un connazionale a Soragna: arrestati quattro indiani

I quattro uomini sono ai domiciliari e vivono a Soragna, Busseto, Guastalla (Reggio Emilia) e Castellucchio (Mantova)

ANIMALI

Conigli abbandonati in varie zone della città, è allarme

8commenti

PARMA

Edilizia popolare: 8 nuovi alloggi in via Casa Bianca Video

1commento

FIFA18

Si cerca il «videogiocatore» crociato

1commento

TRADIZIONE

«Rozäda äd San Zvàn», non solo tortelli

Sicurezza

Polizia municipale, più interventi ma organico ridotto

SOS ANIMALI

Frisky è scomparso a Calicella di Langhirano Foto

Accoglienza

Parma, dal 2015 274 migranti liberate dalla tratta

Lutto

Valtaro e Valceno piangono monsignor Groppi

GAZZAREPORTER

Divani e reti abbandonate tra via Gazzola e borgo del Naviglio Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La magia di una vita (vera) al tempo dei social

di Michele Brambilla

ECONOMIA

Quota 100? Come cambiano le pensioni. L'inserto del lunedì

ITALIA/MONDO

violenza

"Branco" picchia e rapina 2 giovani in centro a Roma, 3 arresti

ostia

Reporter aggredito: 6 anni a Spada, fu mafia

SPORT

share da record

Il 99.6% degli islandesi davanti alla tv per la nazionale

Portogallo

Ronaldo fa sostituire il suo busto all'aeroporto di Madeira

SOCIETA'

kansas City

Bimbo fa cadere un scultura , i genitori devono pagare 130mila euro Video

IL CASO

Pesce allevato o pescato? Stesso gusto, prezzo molto diverso, eppure...

1commento

MOTORI

RESTYLING

Toyota: la urban car Aygo si rifà il trucco

PROVA SU STRADA

Peugeot 3008 1.6 BlueHDi, al volante del Suv del Leone

2commenti