ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Sport

Pellegrini 50' medaglia carriera
nuoto mondiali

Pellegrini, arriva la medaglia numero 50

 
Felice Pulici
CALCIO

E' morto Felice Pulici: aveva 73 anni

 
Mondiali vasca corta; Paltrinieri argento 1500
nuoto

Mondiali vasca corta: Paltrinieri argento nei 1500

 
Serie A, la Juve si aggiudica anche il derby
Calcio

Serie A, la Juve si aggiudica anche il derby

 
Il derby di Torino alla Juve. Decide CR7 su rigore
SERIE A

Il derby di Torino alla Juve. Decide CR7 su rigore

 
Universiadi: saranno protagoniste in soap "Un posto al sole"
NAPOLI

Le Universiadi: saranno protagoniste della soap Un posto al sole

 
Universiadi: -200, "ora parte la fase 2"
Sport

Universiadi: -200, "ora parte la fase 2"

 
Vittoria nettissima sull'Enisei: le Zebre restano in lizza per i quarti
CHALLENGE CUP

Vittoria nettissima sull'Enisei: le Zebre restano in lizza per i quarti

 
Terribile caduta per Marc Gisin in Val Gardena
Sci

Terribile caduta per Marc Gisin in Val Gardena: è grave

 

SERIE A1

Lavezzini Basket Parma – Fila San Martino Lupari 62 a 72 (25-27)

Salvezza acquisita e decimo posto finale in classifica

Lavezzini Basket Parma – Fila San Martino Lupari 62 a 72 (25-27)
0

E’ finita la stagione del Lavezzini Basket Parma questa sera. E’ finita con una sconfitta con la squadra rivelazione del campionato: San Martino di Lupari terzo in classifica. Ma non è finita con l’amaro in bocca, è finita col sorriso perché il risultato più atteso era quello di Ragusa dove con congruo anticipo e margine le siciliane hanno avuto la meglio sulla Triestina. Questo punteggio ha fatto si che il divario tra le triestine e Orvieto sia rimasto superiore ai 6 punti determinando la retrocessione delle friulane senza passare da un pericloso playout che avrebbe coinvolto anche il Lavezzini anche se da testa di serie. Quindi salvezza anticipata e meritata per coach Mauro Procaccini e le sue ragazze nonostante la partita persa per 62 a 72.

L’avvio è d quelli al fulmicotone per il Lavezzini che decolla sul 9 a 0 con la “bomba” di Battisodo. Tant’è che le ospiti si rifugiano in un timeout dopo soli 100 secondi esatti. La pausa fa bene però alle venete che rintuzzano e chiudono il primo tempo sull’11 pari. Il secondo, invece, viaggia più sul filo dell’equilibrio e le compagini vanno al riposo sul 25 a 27. Maznichenko, che tanto per cambiare sarà anche oggi fra le migliori, apre le danze con una tripla su ordine di Procaccini. La segue a breve distanza di tempo anche Clark, ma la Fila allunga appena grazie ai colpi dell’ex (per poco) Bailey e di Putnina. Tra un errore arbitrale e l’altro, le due formazioni arrivano all’ultimo mini-riposo sul 46 a 48. Parma è ancora lì e fa soffrire il San Martino. Più o meno come era accaduto poche settimane fa con Venezia (anch’essa terza in classifica). E’ la dimostrazione che la cura Procaccini ha dato i suoi frutti. Purtroppo il calo delle parmensi nell’ultima frazione provoca l’allungo del Fila che va a vincere per 62 a 72. Da segnalare nell’ultimo parziale i nove punti di Crudo, l’uscita per cinque falli di Filippi e l’ingresso in campo delle due giovanissime Olajide e Bacchini. Curioso il voler giocare per segnare ancora a risultato nettamente acquisito a soli sette secondi dalla fine per le giocatrici sanmartinesi. Ma lasciamo perdere…

I punti: Maznichenko 13, Battisodo 12 e Clark e Kireta 11. Le valutazioni premiano il play Battisodo quale MVP del match.

Belle le lacrime di Maznicheko e gli occhi lucidi di Kireta dopo la sirena atte a salutare un pubblico ed una città alla quale si sono evidentemente affezionate. Questi sono ancora i lati migliori del nostro sport con tutte le ragazze a soffermarsi sul parquet a far foto ed autografi.

Il prossimo appuntamento? Alla stagione 2015/2016 per vedere le Tigri graffiare ancora!!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0