17°

29°

Libri

Oltraggiato eppure così utile

"L'onesto porco", saggio di Roberto Finzi. L'importanza del maiale: tradizioni, gastronomia, civiltà

Oltraggiato eppure così utile

La maialatura in un disegno di Giuseppe Monica

Ricevi gratis le news
0

Come si può riabilitare il porco? Nel senso del maiale, per ricordare un verso di una famosa canzone popolare. Beh, riabitarlo ripercorrendone la storia nella letteratura e nella cultura in genere e ricostruendo quindi le (ingiuste) diffamazioni: questa l'idea di Roberto Finzi, nel suo «L'onesto porco», una sorta di saggio da consumare in poche ore. Roberto Finzi apre il suo libro con una citazione «politica», di un sagace Winston Churchill: «Mi piacciono i maiali. I cani ci guardano dal basso. I gatti ci guardano dall'alto. I maiali ci trattano da loro pari». Una massima che spiega chiaramente le intenzioni dello scrittore. Che di fatto, oltre a voler dimostrare che la diffamazione del porco è qualcosa di assurdo, ha come obiettivo l'uomo: si offende il maiale per colpire la razza umana. Per comprendere meglio l'idea che ha guidato l'autore, bisogna capire chi è Roberto Finzi: classe 1941, è innanzitutto un docente universitario (Storia economica, Storia del pensiero economico e Storia sociale) che ha lavorato negli atenei di Bologna, Ferrara e Trieste. Molte le pubblicazioni soprattutto di carattere economico dedicate a Turgot e Majorana, ma anche molte opere dedicate al pregiudizio contro gli ebrei e all'antisemitismo. E in fondo anche questo saggio «divertente» sul porco è affrontato con una cura dei dettagli tipici dello studioso. Sin dal primo capitolo che spiega la nascita del nome. Da verro a maiale se castrato. Ricordando anche come molti animali di grossa taglia, nel mondo anglosassone, cambino nome dopo morti: «Una volta morto il bue bullock diventa beef, il maiale pig diventa pork, il montone sheep diventa mutton...» e così via. Inevitabile, per chi del maiale non butta via nulla, pensare al nostro dialetto: in parmigiano al «gosèn» diventa «nimèl». E si capisce così come la tradizione popolare faccia parte della cultura. Il maiale, dalle nostre parti, ha una grande importanza anche (forse prevalentemente) dal punto di vista economico. «Al nimèl», ovvero l'animale per eccellenza, quella bestia che si mangia tutta, della quale niente si butta. Finzi cita, tra l'altro, un documento del Comune di Parma del 1735, dove, «nell'elencare i prezzi della lavorazione del maiale si usa per la prima volta il termine culatelli senz'osso» (cit. Pg 59). L'importanza del maiale. Materia prima poi di prelibatezze che hanno lanciato la food-valley ben oltre i confini nazionali. Culatello, prosciutto, salame e chi più ne ha più ne metta. Senza dimenticare che questo ragionamento lo si può applicare di fatto a tutta la penisola dove il maiale, trasformato in salume oppure no, entra nella tradizione gastronomico (e quindi economica) di ogni regione. Anzi, di ogni provincia. E Finzi rievoca l'importanza alimentare ed economica del maiale sin dall'epoca romana. Ripercorrendo una storia che di fatto si sintetizza nei molti prodotti che anche nell'era moderna si producono con l'animale per eccellenza. Per questo il maiale diventa anche oggetto di narrazioni e poemi. Finzi così parla anche del maiale protagonista di grandi opere (come l'Odissea) e soprattutto del «canto di Circe» dove gli uomini manifestano la loro vera natura, ovvero quella dei porci che «avresti potuto scorger sotto la scorza umana molto più facilmente di ogni altro animale». Sorrisi e cultura vanno a braccetto: un modo amabile e chiaro di raccontare e spiegare scritti e opere del passato. Dove «il maiale è dunque un animale turpe da ogni punto di vista. La fama negativa del porco è antica» (cit. Pag 35). Parte da qui un gustoso, è proprio il caso di dirlo, excursus sull'offesa più classica, tradizionale come e più dei salumi: per offendere un uomo gli si dà del porco. Lo scriveva Dante ma non solo. Inevitabile anche che in questo testo delizioso e leggero insieme, si parli dei «difetti» storici del porco: la sporcizia e soprattutto la voracità. Anche in questo caso si parla del maiale pensando all'uomo. Finzi, per dimostrare questa teoria, riporta un passaggio magnifico del testamento del maiale, redatto poco prima della macellazione: «Prima lascia che il mio corpo sia da una caterva di golosi con varia cuocitura nel lo ventre sepelito...» (cit pg 46). Ecco dunque che il titolo di questo libro («L'onesto porco») è più che giustificato. Ma Finzi, da studioso attento qual è, si fa la domanda più semplice, forse ovvia ma di certo più pertinente: perché un animale che è così importante da morto, ha tanti detrattori quando è vivo? Inizia paradossalmente la parte più culturale del libro, filosofica vien da dire. Ma semplice insieme. E' la forza di questo libro da gustare senza pause. Libro che si chiude con una appendice che contiene qualche scritto, più o meno nobile, sul maiale. Tra questi «L'elogio del cotechino» e un chiarissimo «Meglio porco che uomo». La storia di una diffamazione è compiuta e «L'onesto porco» può ritrovare la sua dignità. Un po' come accade tra gli uomini.
L'onesto porco - di Roberto Finzi, Bompiani, pag. 161, euro 11,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

MUSICA

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

4commenti

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

incontro

Nando Dalla Chiesa: "Criminalità, mai abbassare la guardia" Video

LIRICA

Macbeth inaugura il Festival Verdi 2018 al Teatro Regio

La "prima" è in programma giovedì 27 settembre

visita

Ferrero, il presidente "esplosivo" a Parma

gazzareporter

Bici e pure la borsetta sotto il ponte

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

9commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

PGN

La festa di Casaltone, Benassi e i Megaborg al Mu, e il nuovo «Operaswing»

ITALIA/MONDO

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

MOTORI

motori

Il tempo libero secondo Mercedes

IL TEST

Fiat 500X si rifà il trucco. Ecco come va