22°

31°

Libri

Sangue al Palio, il ritorno di De Pedris

Il libro sarà presentato all'Euro Torri

Sangue al Palio, il ritorno di De Pedris
Ricevi gratis le news
0

Mercoledì alle 18 alla libreria Mondadori dell’Euro Torri sarà presentato il nuovo romanzo di Riccardo Pedraneschi “Finimondo. La seconda inchiesta del commissario De Pedris”.

Il 16 agosto, da qualche secolo a questa parte, Siena si ferma per il Palio dell’Assunta. Senesi purosangue e contradaioli d’adozione tornano in città, se per qualsiasi motivo hanno dovuto allontanarsi. Idem per il Palio del 2 luglio, dedicato alla Madonna di Provenzano. Il dogma vale per il gran giorno della carriera, ma anche per quelli che lo precedono: dal momento dell’estrazione dei cavalli (tre giorni prima della corsa sul tufo), non si parla d’altro. Si vive per il Palio.
Il commissario De Pedris, questa volta, si trova a dover dare la caccia all’assassino di una bella ragazza di 22 anni, trovata sgozzata nel suo appartamento. Luigi De Pedris è il personaggio inventato da Riccardo Pedraneschi, ingegnere parmigiano con il pallino della narrativa. E con il cuore diviso tra la nostra città, dov’è nato e dove vive, e Siena (nella “Nobil Contrada del Bruco”, per l’esattezza), dove si rifugia appena ha un paio di giorni liberi. Già dal titolo del romanzo d’esordio, uscito nel 2016 (“Il mistero della Pallacorda. La prima inchiesta del commissario De Pedris”) era chiaro che Pedraneschi sapeva bene che il commissario avrebbe continuato a fargli prudere i polpastrelli. Il successo di vendite ha accorciato i tempi della seconda storia. Ed ecco “Finimondo”. Siamo ancora a Siena: tra vicolo della Pallacorda e vicolo di Finimondo c’è il cuore della città. Piazza del Campo è più o meno a metà strada. In più, questa volta il lettore si trova direttamente “dentro” il Palio. La storia si svolge in pochi giorni, dal 13 al 20 agosto 2014. L’indagine, gli interrogatori, le intuizioni del commissario e degli investigatori della sua “squadra” si intrecciano con le prove in Piazza, le voci sul “mercato” dei fantini, i pronostici che si rincorrono di vicolo in vicolo.
Sullo sfondo della storia il vero protagonista del libro è il Palio, e soprattutto la passione con cui lo vivono i senesi. Non è senese di nascita ma competente, documentatissimo e rapito dal fascino delle contrade anche il commissario De Pedris, che ha molti aspetti in comune con l’autore. A cominciare dai gusti calcistici: ama il Toro e odia la Juve. Come già nella prima storia, i campioni del Grande Torino, morti nello schianto di Superga, rivivono nel libro sotto forma di angeli custodi. Tengono compagnia al commissario, intervengono per dispensare consigli, a volte fanno perfino i birichini (spiandolo durante una notte infuocata con un’amica molto intima, e commentando la “performance” la mattina dopo).
A loro Pedraneschi affida la descrizione della magia del Palio: «Ci affascina tanto, poiché vediamo nell’unione che si crea nelle contrade, tra persone di più generazioni e di diversi strati sociali, la stessa magia che si respira nelle tifoserie: è bello vedere uno di fianco all’altro e accomunati dalla medesima passione, un facoltoso professionista e un povero disoccupato, piuttosto che un bimbo di otto anni e un anziano di novanta».
Il pallone, altra grande passione di Pedraneschi, è molto presente nel libro. Dall’omaggio a un eroe granata come Luigi Meroni all’affettuosa presa per i fondelli di un protagonista bianconero sfortunato come Giancarlo Alessandrelli: promettentissimo portiere classe 1952, ebbe la sfortuna di imbattersi nella straordinaria e infinita carriera di Dino Zoff (che in undici stagioni con la Vecchia Signora non saltò una sola partita di campionato!). Per quattro tornei – 120 partite – Alessandrelli restò in panchina e fu ribattezzato “radiolina”. Finché un giorno, all’ultima partita del campionato 1978-79, il Trap lo mandò in campo a 33 minuti dalla fine. La Juve stava vincendo 2-0 con l’Avellino. Zoff uscì tra gli applausi. Alessandrelli prima esultò per il 3-0, e poi subì, uno dopo l’altro, tre gol. 3-3 finale, con più che comprensibile disperazione del portiere.
Nulla a che vedere con la disperazione del Leocorno, dopo quel Palio dell’agosto 2014. Vinse la Civetta, la contrada nemica. La peggior cosa che potesse mai accadere, per un vero contradaiolo.

Finimondo. La seconda inchiesta del commissario De Pedris
di Riccardo Pedraneschi
Edizioni il Leccio, pag. 190, euro 12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Beyoncé vuole girare un video al Colosseo ma arriva lo stop: è già occupato da Alberto Angela

ROMA

Colosseo off limits per Beyoncé: è già occupato da Alberto Angela, ilarità sul web Foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

Lealtrenotizie

Paura per un uomo armato di coltello

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

2commenti

CARABINIERI

Ruba la borsa di un medico a San Secondo: arrestata 50enne Video

Anteprima Gazzetta

Processo al Parma, la rabbia di Capitan Lucarelli

PARMA

Un'auto e un camion a fuoco: doppio intervento dei vigili del fuoco Foto

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

2commenti

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

12Tg Parma

Max Bugani (5 Stelle): "Pizzarotti in Regione? Meglio di Bonaccini" Video

2commenti

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

4commenti

12 tg parma

Nuovo anno scolastico, in provincia ci sono ancora 400 cattedre scoperte Video

POLEMICA

Pizzarotti: "Mangio il Parmigiano e saluto chi lo scredita"

Il sindaco di Parma pubblica un post su Facebook per inserirsi nella polemica sul caso "Onu - Parmigiano Reggiano"

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

1commento

GAZZAREPORTER

Le foto del lettore Mattia: "Parco Ducale, quelle statue che attendono di essere ripulite"

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

2commenti

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

2commenti

ECONOMIA

Cft si rafforza: acquisita la maggioranza della bergamasca Comac

L'azienda è attiva nel settore delle macchine per il confezionamento della birra

corniglio

La provinciale 116 sarà interrotta per lavori a Ponte Romano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

politica

Salvini querela Saviano: "I suoi post su Facebook ledono il ministero"

A14

Motociclista va contromano in autostrada: "Avevo dimenticato lo zainetto"

SPORT

Sport

Stelle del Fair-play brillano a Firenze

formula 1

Hamilton rinnova con la Mercedes fino al 2020

SOCIETA'

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

VERONA

Sberla in faccia a uno studente, condannata prof di matematica

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita