13°

28°

Società

Bimbi emotivi? Valorizzarli

Bimbi emotivi? Valorizzarli

I bimbi ipersensibili vivono intensamente la propria affettività

Ricevi gratis le news
0
 

«L'ipersensibilità non è una malattia, né una carenza, né un difetto. Nessun terapeuta è in grado di ''eliminare'' l’ipersensibilità di un bambino. L’ipersensibilità è una caratteristica ereditata, un elemento distintivo e, più propriamente, un talento». Lo afferma l’autore bestseller Rolf Sellin nel suo libro «I bambini sensibili hanno una marcia in più» (Feltrinelli, pag. 180, € 13,00), sorta di manuale per comprendere a fondo l’ipersensibilità nell’infanzia e scritto per dare a genitori e insegnanti le chiavi per fare di questa qualità un importante punto di forza. Consulente e psicoterapeuta (formatosi in coaching sistemico), Sellin spiega attraverso le pagine di questo prezioso volume come i bambini dotati di grande sensibilità vivano il mondo in maniera più intensa e diversa rispetto ai coetanei. Alcuni timidi, paurosi, altri aggressivi o nervosi, altri ancora particolarmente empatici, i bimbi ipersensibili percepiscono il mondo esterno differentemente da come lo percepiscono gli altri e necessitano di aiuto per farsi rispettare ed accettare. «Se un bambino viene definito ipersensibile, significa che percepisce più stimoli e informazioni di altri, oltre che con maggiore intensità e coinvolgimento interiore. E’ come se guardasse ben oltre il proprio naso e si proiettasse verso chi gli sta di fronte, molte volte anche andando in profondità. Questo gli permette di immedesimarsi nel prossimo e, spesso, di sviluppare fin da piccolo la capacità di comprendere chi ha accanto. Ciò lo porta, ovviamente, a dover anche elaborare a livello psichico e mentale stimoli in numero e intensità maggiori, un processo che gli richiede più impegno rispetto a quello necessario a un bambino meno sensibile», spiega l’autore, che sottolinea, pagina dopo pagina, come ipersensibilità non significhi debolezza, o introversione o sofferenza e come essa possa abbinarsi a qualsiasi grado di intelligenza, predisposizione o limite. Sull’argomento interviene Paola Mendogni, psicologa parmigiana esperta in psicologia infantile: «I bambini ipersensibili sono particolarmente reattivi agli stimoli esterni, a ciò che accade loro intorno. L’ipersensibilità non è una malattia, ma è una caratteristica del bambino che lo porta a reagire con maggiore intensità a determinati stimoli. Questa caratteristica fa in genere parte della loro costituzione di base ed è un tratto distintivo della loro personalità, sebbene crescendo imparino in genere a controllarla maggiormente e a mediare la loro risposta istintiva con la razionalità». La Mendogni spiega che anche esperienze traumatiche precoci o certi modelli educativi genitoriali possono generare o incrementare tale ipersensibilità. «L’ipersensibilità può essere sia uno svantaggio che un vantaggio. I piccoli che ne manifestano i ''sintomi'' presentano, infatti, una maggiore sensibilità e profondità nel leggere il mondo esterno, ma ne sono anche maggiormente condizionati; ciò può portare benefici se gli input sono buoni e positivi, ma può accadere anche il contrario. Vivendo tutto in modo emotivamente più intenso possono sia soffrire che gioire di più. Da un parte, infatti, reagiscono con maggiore impulsività agli stimoli esterni, hanno in genere una bassa tolleranza alle frustrazioni, si irritano facilmente, sono bambini meno pronti e protetti nei confronti delle avversità e degli eventi negativi. Dall’altra, però, sono bambini in grado di cogliere più facilmente e profondamente le sfumature e le caratteristiche delle cose e delle situazioni, sono anche più pronti a ricevere il sostegno ambientale in quanto maggiormente in grado di cogliere e reagire a stimoli positivi dati per esempio dai genitori, dai pari o in generale dal mondo esterno - continua l’esperta -. Sono bambini per lo più molto sensibili, che hanno reazioni forti, spesso eccessive rispetto alla media dei loro coetanei, sia in positivo che in negativo. L’ipersensibilità li rende più vulnerabili ma anche più attenti e capaci di cogliere le cose con maggiore profondità e ricchezza e di farne tesoro. Poiché questi sono bimbi emotivamente molto reattivi e sensibili agli stimoli, anche relazionali, provenienti dall’esterno, i genitori e gli educatori devono essere in grado di capire e cogliere tale aspetto, di non banalizzarlo o minimizzarlo, ma di relazionarsi con loro con attenzione e delicatezza, tenendo conto che un’esperienza nuova, ambienti e relazioni diverse, un successo o un insuccesso, possono produrre effetti e reazioni importanti nel bambino. L’adulto deve fungere da mediatore sia emotivo che cognitivo aiutando il piccolo a leggere e a decodificare gli stimoli e le sue reazioni con maggiore serenità, razionalità e controllo emotivo. Poiché gli stimoli esterni risuonano dentro di lui con un eco maggiore, vanno aiutati ad imparare a regolarne il volume su un tono che dia benessere». Nel volume di Sellin vengono trattati temi quali: riconoscere quando nostro figlio è ipersensibile; evitare gli errori tipici con i bimbi sensibili; definire limiti, regole e aspettative per trasformare la sensibilità in un vantaggio e scegliere la scuola più adatta per questi bambini con una marcia in più, ricchi di enormi potenzialità.

I bambini sensibili hanno una marcia in più

di Rolf Sellin

Feltrinelli, pag. 180, euro 16,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

IL FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno