-1°

FORTUNA E GLI ALTRI

La voce degli innocenti, il silenzio degli omertosi

Fortuna Loffredo

Fortuna Loffredo

Ricevi gratis le news
1

Ormai qualcuno se lo starà già dimenticando a causa del quotidiano bombardamento di notizie drammatiche. Sto parlando dell’ultimo episodio di pedofila e violenza accaduto in un quartiere periferico di Napoli. Della morte dell’ennesima vittima innocente, Fortuna Loffredo, una bambina segnata, nonostante il suo nome, da un crudelissimo destino fatto di abusi sessuali e di una morte violenta per essersi ribellata ai desideri di un orco.

Questo è il fatto che ha inevitabilmente portato alla luce una serie di altri atroci episodi di gente malata che approfittava di bambini indifesi. Una tragedia che ha innescato la scoperta di altre atrocità come la “morte casuale” di un bambino volato giù, guarda caso dallo stesso palazzo, dove viveva la piccola Fortuna. Ma ciò che sconvolge di più, al di là del fatto che non ha aggettivi per essere descritto, è l’omertà della gente che sapeva, ma soprattutto di madri e padri che tacevano di fronte a questi episodi di, ormai non più, straordinaria follia. E follia è proprio la paura di parlare, il far finta di nulla, per chissà quale motivo. Questa è la vera tragicità dell’accaduto: il silenzio degli omertosi e la voce di bambini innocenti che, attraverso disegni e con l’aiuto di psicologi, poliziotti ed altri esperti, hanno potuto alzare la mano e gridare aiuto, raccontando gli episodi accaduti.

E così, dai quaderni della piccola Fortuna Loffredo, a seguito delle analisi di grafologi, sono emersi altri spaventosi dettagli su quello che la bimba stava subendo nel palazzo degli orchi al Parco Verde di Caivano. Nei disegni della piccola infatti c’erano colori forti con tratti molto marcati, espressione di rabbia ed aggressività; figure femminili, viste come una minaccia, finestre con le sbarre, case inaccessibili senza porte e tanti altri elementi che denotavano paura della separazione, ricatti, e il divieto di raccontare il segreto. L’orco, a quanto pare non è altro che il vicino di casa, adesso si trova agli arresti in carcere con l’accusa di  omicidio colposo e abusi sessuali. Non voglio soffermarmi sul fatto e sulla pena che sarà scelta per il colpevole e magari per chi ha consapevolmente taciuto, ma vorrei fare un invito a riflettere su quello che è successo e soprattutto sulla situazione di degrado, viltà e indifferenza che mette in luce una società che si potrebbe definire “bestiale”. “Poi passa” diceva una mamma, che faceva finta di nulla e rimaneva in silenzio! Ed era proprio la stessa mamma alla quale, qualche anno prima, era morto un bambino nello stesso modo.

Poi passa cosa?” Si chiedeva forse la piccola Fortuna. La rabbia? L’infanzia? L’innocenza? Il dolore? La paura? La vergogna? E proprio la vergogna dovrebbero provare le persone che sono rimaste in silenzio, persone che a quanto pare non provano nemmeno un briciolo di pietà. Possibile che non ci fosse nessuna voce fuori dal coro? Questa è la vera tragedia. La bestialità del “branco” e la totale mancanza di controllo sociale. Della pena se ne occuperanno gli avvocati e i magistrati e, chissà, forse anche i carcerati che, a loro modo, hanno comunque un codice etico e già hanno tentato di fare giustizia con la bestia in questione. Uno spiraglio di luce però c’è nei bambini salvati dal parco degli orrori, innocenti che magari cresceranno zoppi, ma hanno già vinto la loro prima dura battaglia della vita portando alla luce questi fatti. Bambini che hanno ancora tempo per imparare che non tutti gli esseri umani sono uguali e che esistono anche altri sentimenti, tra cui l’amore. Perché oltre agli orchi esistono anche le fate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Aldo

    09 Maggio @ 15.39

    Una analisi attenta , semplice nella sua complessita....ovvero poche parole per definire che piu della stessa violenza il peggio e' infatti il contorno a cio che e' accaduto. Il silenzio e la collusione di molti . La violenza puo' essere privata , circoscritta all'orco ed alla bambina , e' fisica , bestiale ma la violenza piu grave e' la condivisione della violenza privata e "socializzarla" per farla diventare una violenza di gruppo dove piu' condomini si scambiavano i bambini da abusare. Una violenza " condominiale" , il problema a questo punto e' : la violenza si era concentrata in quel condominio solamente o la violenza era generalizzata ad altri bambini di altri palazzi ??? E' l'intero quartiere degradato o solamente il gioco perverso di poche famiglie ? E poi chi e' piu colpevole, i diretti interessati o chi sapendo ha taciuto ? Ogni giorno assistiamo a violenze su persone inabili, vecchi , malati in case di cura od in ospedali....fatti di cronaca dove "colleghi" dei violenti condividono gli stessi spazi e nessuno parla......personalmente non mi pongo a giudice ma colpevoli diretti e "chi sapeva ma taceva" devono essere messi sullo stesso piano.... Nessuna pieta'

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma.

Cinema

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma

Quasi 6 mln e 21.9% per 1/a parte Adrian

ASCOLTI TV

Quando c'è il Molleggiato in scena quasi 6 milioni di spettatori per "Adrian"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nino Frassica a Roccabianca, Amanda Sandrelli a Fidenza, aspettando Flashdance al Regio

VELLUTO ROSSO

Attesa per Flashdance al Regio

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

Borgotaro

È morto Marco Terroni, il prof cercatore di funghi

BERCETO

Addio al consigliere comunale Roberto Ablondi

Teatro Due

RezzaMastrella, l'adrenalina in scena

LUTTO

Maria Gorreri, stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

BALI LAWAL

«Insegno ai giovani ad essere liberi»

bedonia

Scopre il ladro in casa, lo insegue e lo riconosce: arrestato un giovane del paese Video

Parma

Minacce, insulti e tensione alla biglietteria della stazione: denunciata una 25enne

legambiente

Brescia, Lodi e Monza le città più inquinate. Parma seconda in Emilia: "Si respira smog un giorno su tre"

2commenti

sentenza

Tecnici rapiti in Libia: condannati 3 manager della Bonatti, "Pronti all'appello"

La società: «Pur non condividendo l’esito del giudizio, siamo vicini alle famiglie dei dipendenti deceduti nei tragici fatti».

anteprima gazzetta

Inquinamento: "Non solo auto, ma uno stile di vita non più sostenibile"

Udinese-Parma

Parma-San Daniele, dal campo alla tavola lo sfottò è...affettato Video

La storia

Linda Vukaj, dalla fuga in barcone ai viaggi da fotografa senza confini-Gli scatti

Just eat

Healthy food: Parma nella top ten in Italia

ICT

Cedacri acquisisce Oasi da Nexi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Da Cagliari è salpato il partito del non voto

di Vittorio Testa

2commenti

LA BACHECA

Ecco 78 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

Mantova

Lo chef stellato Tamani rapinato e sequestrato per 1 ora nel suo ristorante

POLITICA

Di Maio: "Lino Banfi nominato nella commissione Unesco". L'ironia di Salvini

SPORT

calciomercato

E' fatta, Piatek va al Milan (per 40 milioni)

arbitri

Nicchi: "Var, i tifosi tranne pochi scemi sono meglio di addetti ai lavori"

SOCIETA'

WASHINGTON

Le cascate del Niagara ghiacciate Video

ristoranti stellati

Chef italiano festeggia la terza stella Michelin in Francia

MOTORI

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo

MOTORI

Citroën: ecco C3 Uptown, l'auto «pour homme»