21°

30°

FORTUNA E GLI ALTRI

La voce degli innocenti, il silenzio degli omertosi

Fortuna Loffredo

Fortuna Loffredo

Ricevi gratis le news
1

Ormai qualcuno se lo starà già dimenticando a causa del quotidiano bombardamento di notizie drammatiche. Sto parlando dell’ultimo episodio di pedofila e violenza accaduto in un quartiere periferico di Napoli. Della morte dell’ennesima vittima innocente, Fortuna Loffredo, una bambina segnata, nonostante il suo nome, da un crudelissimo destino fatto di abusi sessuali e di una morte violenta per essersi ribellata ai desideri di un orco.

Questo è il fatto che ha inevitabilmente portato alla luce una serie di altri atroci episodi di gente malata che approfittava di bambini indifesi. Una tragedia che ha innescato la scoperta di altre atrocità come la “morte casuale” di un bambino volato giù, guarda caso dallo stesso palazzo, dove viveva la piccola Fortuna. Ma ciò che sconvolge di più, al di là del fatto che non ha aggettivi per essere descritto, è l’omertà della gente che sapeva, ma soprattutto di madri e padri che tacevano di fronte a questi episodi di, ormai non più, straordinaria follia. E follia è proprio la paura di parlare, il far finta di nulla, per chissà quale motivo. Questa è la vera tragicità dell’accaduto: il silenzio degli omertosi e la voce di bambini innocenti che, attraverso disegni e con l’aiuto di psicologi, poliziotti ed altri esperti, hanno potuto alzare la mano e gridare aiuto, raccontando gli episodi accaduti.

E così, dai quaderni della piccola Fortuna Loffredo, a seguito delle analisi di grafologi, sono emersi altri spaventosi dettagli su quello che la bimba stava subendo nel palazzo degli orchi al Parco Verde di Caivano. Nei disegni della piccola infatti c’erano colori forti con tratti molto marcati, espressione di rabbia ed aggressività; figure femminili, viste come una minaccia, finestre con le sbarre, case inaccessibili senza porte e tanti altri elementi che denotavano paura della separazione, ricatti, e il divieto di raccontare il segreto. L’orco, a quanto pare non è altro che il vicino di casa, adesso si trova agli arresti in carcere con l’accusa di  omicidio colposo e abusi sessuali. Non voglio soffermarmi sul fatto e sulla pena che sarà scelta per il colpevole e magari per chi ha consapevolmente taciuto, ma vorrei fare un invito a riflettere su quello che è successo e soprattutto sulla situazione di degrado, viltà e indifferenza che mette in luce una società che si potrebbe definire “bestiale”. “Poi passa” diceva una mamma, che faceva finta di nulla e rimaneva in silenzio! Ed era proprio la stessa mamma alla quale, qualche anno prima, era morto un bambino nello stesso modo.

Poi passa cosa?” Si chiedeva forse la piccola Fortuna. La rabbia? L’infanzia? L’innocenza? Il dolore? La paura? La vergogna? E proprio la vergogna dovrebbero provare le persone che sono rimaste in silenzio, persone che a quanto pare non provano nemmeno un briciolo di pietà. Possibile che non ci fosse nessuna voce fuori dal coro? Questa è la vera tragedia. La bestialità del “branco” e la totale mancanza di controllo sociale. Della pena se ne occuperanno gli avvocati e i magistrati e, chissà, forse anche i carcerati che, a loro modo, hanno comunque un codice etico e già hanno tentato di fare giustizia con la bestia in questione. Uno spiraglio di luce però c’è nei bambini salvati dal parco degli orrori, innocenti che magari cresceranno zoppi, ma hanno già vinto la loro prima dura battaglia della vita portando alla luce questi fatti. Bambini che hanno ancora tempo per imparare che non tutti gli esseri umani sono uguali e che esistono anche altri sentimenti, tra cui l’amore. Perché oltre agli orchi esistono anche le fate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Aldo

    09 Maggio @ 15.39

    Una analisi attenta , semplice nella sua complessita....ovvero poche parole per definire che piu della stessa violenza il peggio e' infatti il contorno a cio che e' accaduto. Il silenzio e la collusione di molti . La violenza puo' essere privata , circoscritta all'orco ed alla bambina , e' fisica , bestiale ma la violenza piu grave e' la condivisione della violenza privata e "socializzarla" per farla diventare una violenza di gruppo dove piu' condomini si scambiavano i bambini da abusare. Una violenza " condominiale" , il problema a questo punto e' : la violenza si era concentrata in quel condominio solamente o la violenza era generalizzata ad altri bambini di altri palazzi ??? E' l'intero quartiere degradato o solamente il gioco perverso di poche famiglie ? E poi chi e' piu colpevole, i diretti interessati o chi sapendo ha taciuto ? Ogni giorno assistiamo a violenze su persone inabili, vecchi , malati in case di cura od in ospedali....fatti di cronaca dove "colleghi" dei violenti condividono gli stessi spazi e nessuno parla......personalmente non mi pongo a giudice ma colpevoli diretti e "chi sapeva ma taceva" devono essere messi sullo stesso piano.... Nessuna pieta'

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Trintignant, "per me la carriera è finita"

cinema

Trintignant, "per me la carriera è finita"

Balletto

social

L'evoluzione della danza di Michael Jackson...in 4 minuti Video

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

9commenti

Lealtrenotizie

E' morta Anna Maria Bianchi, volto e voce di Radio Tv Parma Foto Il video-ricordo

LUTTO

E' morta Anna Maria Bianchi, volto e voce di Radio Tv Parma Foto Il video-ricordo

2commenti

guardia di finanza

Falsi crediti Iva per 14 milioni di euro. Denunciati 59 responsabili Video

E' caccia ai due imprenditori "menti" del sistema: sono irreperibili. Sequestrati quattro fabbricati nel Parmense

SENTENZA

Public money, ecco tutte le condanne

Cinema

Ciak, a Parma si gira: la mappa dei set

2commenti

Scuola

I bravissimi della maturità: diplomati con 100 e 100 e lode

sicurezza

I "furbetti del semaforo di Corcagnano... Video

1commento

weekend

Sgranfignone, anatra, disfide tra cuochi: il sabato è a tutto gusto L'agenda

truffa

Mette in vendita online un orologio "fantasma": denunciato 23enne di Langhirano

12 tg parma

Dalla tangenziale Nord al Lungoparma: tutti i cantieri in corso e al via Video

Busseto

Raffica di furti, rubata anche una macchinetta spartineve

Parma calcio

Rigoni, esperto in salvezza

L'appello

«Basta con i botti alle feste d'estate: per gli animali sono pericolosi. Usate quelli silenziosi»

1commento

IL CASO

Sgarbi: «Leonardo per l'ultima cena si ispirò all'affresco di Monticelli d'Ongina»

incidente

Schianto tra due auto a Ramiola: feriti due giovani Foto

Lutto

Tarsogno dà l'addio a Lidia Calestini, la regina delle rezdore

carabinieri

Furto di energia elettrica a Chiozzola: arrestato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, il nemico è nelle scelte quotidiane

di Luca Tentoni

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

PIEMONTE

Temporali sull'Astigiano e sul Torinese, ingenti i danni

viabilità

Schianto tra auto e tir a Campegine: 5 feriti e 5 corsie bloccate

SPORT

12 tg parma

Parma, tre giorni chiave. Preso Galano, serio tentativo per Saponara Video

CALCIO

Milan: Scaroni presidente con deleghe di ad

SOCIETA'

social

Il bimbo e il cane giocano divisi dalla staccionata Video

il disco

I Pooh alla ricerca del Graal

MOTORI

IL TEST

Il futuro secondo Bmw? Elettrificato:25 novità da qui al 2025

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto