17°

28°

over 65

Memoria Parma - Am paräva d’ ésor un Sjòr

Memoria Parma - Am paräva d’ ésor un Sjòr
Ricevi gratis le news
9

Memoria Parma è una sezione dedicata a tutti gli over 65 che abbiano voglia di raccontare sul nostro sito la loro Parma di una volta o altre storie. Oggi Antonio Abbati ci propone - in dialetto - una riflessione inviataci durante le Feste. 

Per inviarci i vostri contributi: cliccate qui o scrivete una mail a sito@gazzettadiparma.net 

(N.B. - Abbiamo lasciato la grafìa della versione originale, che però non è sempre quella "pura" del nostro dialetto. Per questa parte, vi rimandiamo allora alla nostra Sezione Dialetto, dove ospitiamo anche le lezioni del "prof. Malètt", ovvero Enrico Maletti, proprio per chi vuole conoscere grafìa e significato delle parole del nostro vernacolo)

Am paräva d’ ésor un Sjòr

Par nojätor ansjàn a s’ fa miga fadiga guardär’s indrè in-t-i ani ch’j én pasè ‘d voläda zlóntanandos sémpor äd pù déntor a la griza fumära dal témp.

La patina cla sérca ‚d cuatär i ricord la gh’ la mètta tutta par suplìr la mémorja e la storja d’ ognòn äd nojätor.

Sarcarò äd där äd zbrus’cén a la ruzzna dal témp e tirärla via al pù posìbbil par podér vèddor äd nóv e pu ciär la realtè cme l’ éra, par po’ podér contärla nuda e cruda cmè l’ éra städa dabòn.

Cominc’ con un ricord e basta par né far miga ‘dla confusjón e, par ne fär tòrt a ch’ j ätor i dovràn portär pasénsja e primm’ o po’ a gnirà anca al turòn sòvv. 

La sträda cla m’ à compagnè in-t-i mè primm pàs, s’ fa par dir, l’ è miga städa ‘na sträda sfaltäda o in diséza, anca se, confrontè a tant ätor méno fortunè che mi, a s’éra nassù in-t-na famìja normäla fata da sincòv parsón’ni con mi ultom rivè e in chi témp la (ani trénta/cuaranta) se scampäva con al lavór dal papà.

Stävon äd ca in Bórgh Tòrt, in camra e cuzén’na. Al césso l’ éra fóra in-t-il scäli tra ‘secónd e tèrz pjan, ma l’andäva bén acsì. Al n’éra miga zò in córta. D’ invèron gh’éra da zlär, ma bizòggnäva pur andärogh!

L’ éra proprja véra, am paräva d’ ésor un sjòr!

Al gióron d’ incò, cuälchidon a lézor o séntir contär chil robi chi a gh’ podrà scapär da rìddor, cardénd cl’ è frut ädla mè fantazìa. A coll pónt chi, ne m’ réstarà che dir: -magari! J àvris patì un po’ méno. 

J äva muciè sèt o ót anj cuand la mè màma l’ äva pensè ‘d fär ‘na còza béla par mi.

S’ éron in témp äd carnväl. In-t-al ridòtt dal Teator Régio al martedì gras, a gh’ éra al véljonsén in màscra p’r i putén. Vèrs sira in-t-il séz ór la m’ äva  portè davanti al teator par färom vèddor i mascarén chi gnävon fóra compagnè  dal so’ màmi, cuäzi tutt’ imbacucädi con plissa, guant ricamè e capèl a la moda con la vlètta caläda davanti a la facia.

I mascarén i continuävon a sonär il trombètti ‘d cartòn, a butär stéli filanti e corjàndoj. Cme j éron béj i costum di mascarén!

Mi a s’ éra vestì col bräghi curti e un pär äd majonsén äd lana, un bonèt in tésta, un pär äd pantòfli ‘d pàn’ e du pär äd cälsi lónghi fin’ al znóc’. Al frèdd al s’ fäva séntìr e pù che al frèdd a séntiva déntor in-t-mi ‘na dmanda: -Parchè lór j éron in màscra al véljonsén e mi s’ éra li fóra a färom cascär la gòssa?-

In còll gióron li éra caschè la mè convinsion d’ ésor miga un povrètt, ma j àva cetè la còza sénsa färni ‘na tragédja. S’éra un sjór!

Gh’ àva i me amìgh conossù  a l’ Azilo Comunäl, anca còjj conossù in-t-i banch ädla Scóla e naturalmént còjj dal mè bórogh, anca lór pù o méno povrétt cme mi. Con tutt lór an gh’éra miga l’ amicissja, ma gh’ éra ‘n cuél äd pù. S’ éron tutt fradéj sénsa ésor parént, prónt a däros ‘na man vón con cl’ ätor e a spartìr’s chil pòchi cózi ca gh’éra da spartìr. Un tóch äd pan, il castagni sècchi, un tóch äd sùcca còta al fóron, compräda da Totito al  fornär äd Bórgh Valori, o ‘na cuälca caròtla robäda ‘d nascòst da la casètta mìssa fóra in mòsstra davanti a la botéga ‘d Lirén al frutarór äd Stra’ Méstra Vitòri Emanuéle Secónd, dal pärti ‘d Pòrta San Michèl.

Par né dir po’ äd cuand s’ éron pù grand; se spartivon un tir äd fumm da l’ ùnnica sigarètta compräda dal paltèn Arturo péla grama.

L’ éra un mónd fat acsì, indòvva s’ podäva fär il caparióli, tant dal sacòsi cascäva mäi njénta, gnan sìncov bòrr. J éron sémpor vódi! Con la biciclètta äd Tullo, avuda in régal dal so’ nonòn, tutt la combrìccola l’ äva imparè a drovärla.

Mi ò spetè bombén primma d’ àvérni vùnna tutta par mi e, còll gjóron li am s’ éra séntì próprja un sjór.

L’ è próprja véra, an s’ éra miga stè zlatè con j anolén in bròd äd manz e galén’na e a tordè d’ arbétta condì con formàj e butér razù. Ecco la risposta ca m’ s’éra dè cuand s’ éra carsù con j ani.

In tutt la vìtta ‘m sòn sémpor contintè äd còll ca s’ éra, parchè j äva capì, cme dìz al provèrbi, che un vestì al fa miga al frè e po’….tóla su cme la vén.

L’ è próprja véra: a sòn dabón un sjòr!        

antonioabbatiparma@gmail.com                                                   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • antoniomaria

    12 Gennaio @ 18.13

    Desidero precisare che sono della classe 1933. Tanto dovvevo

    Rispondi

  • Vercingetorige

    11 Gennaio @ 19.43

    IN EFFETTI , la fotografia pare risalire a prima dei bombardamenti del 1944 . Sembra di vedere l' Albergo Croce Bianca , al tempo il più prestigioso di Parma , che fu distrutto dalle bombe. Comunque , di gente nata prima del 1944-1940 , in giro ce n' è ancora , non c' è bisogno di tornare ai Garibaldini ! I tram li ricordo anch' io . Furono eliminati che avevo sette o otto anni .

    Rispondi

  • gigiprimo

    11 Gennaio @ 10.17

    vignolipierluigi@alice.it

    Scusate, ma forse :'....................con fòrmaj e butèr razù. ' non sarà : .........con butèr e fòrmaj razù. ' ?

    Rispondi

  • RENZ

    11 Gennaio @ 09.30

    R E N Z

    Bella testimonianza. I mezzi tecnologici consentono di superare facilmente l'inadeguatezza del supporto scritto per una lingua che è solo parlata, come i nostri dialetti. (a parte le poesie, ma sono un'altra cosa ). Invitate il sig. Antonio Abbati a fare una clip su You Tube dove racconta a voce questo bell'articolo / memoria. Oppure invitatelo in Redazione e aiutatelo a registrare la clip, non ci vuole molto da un punto di vista tecnico. La viva voce del sig. Abbati aumenterebbe all'ennesima potenza la vitalità del brano. Oppure potreste farlo leggere da uno che lo sa leggere, ma senza le affettazioni di "Io parlo parmigiano"... dopo Ambanelli non so se c'è un attore in grado di dare una lettura umana e non esibita del dialetto. Il video clip del sig. Antonio Abbati sarebbe una irripetibile testimonianza, e, se imitata da altri "over 65" potrebbe far nascere un archivio prezioso per le prossime generazioni, che non penseranno che il dialetto parmigiano era solo le pur divertenti barzellette di Cantoni.

    Rispondi

  • RENZ

    11 Gennaio @ 09.17

    R E N Z

    gli over 65 sono nati prima del 1951. la cartolina pubblicata è molto bella ma rappresenta la Parma degli anni '10 - '20 che gli attuali over 65 NON hanno vissuto. La Città della cartolina, a malapena l'hanno vissuta i genitori degli attuali over 65.

    Rispondi

    • 11 Gennaio @ 09.34

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - La cartolina è effettivamente molto bella, e crediamo quindi che possa essere un bel simbolo per una iniziativa denominata "Memoria Parma" al di là della contemporaneità con chi ci invierà i propri ricordi. Hai comunque fatto bene a precisare: anche questo è "Memoria Parma". Grazie

      Rispondi

      • gigiprimo

        11 Gennaio @ 10.26

        vignolipierluigi@alice.it

        Siete certi? io classe '42, i tram li ricordo e quella era la piazza in quel periodo, over 65 significa quelli che hanno più di 65 anni o quelli nati dopo il '65?

        Rispondi

        • RENZ

          11 Gennaio @ 16.12

          R E N Z

          ti ricordi i tram ma non ti puoi ricordare le case ai lati di Via Mazzini che furono bombardate nel 1944; con la ricostruzione si allargò Via Mazzini e si costruirono i portici e i grandi palazzi attuali (quelli che affacciano su piazza Garibaldi, gli altri sono più recenti). Quindi con tutto il rispetto per chi è nato nel '42, questa piazza non te la puoi ricordare. Se la ricordavano i tuoi genitori.

          Rispondi

        • antoniomaria

          13 Gennaio @ 12.00

          Mi ricordo esattamente Piazza Garibaldi prima dei bombardamenti del 44. Avevo 11 anni. Se poi non vuoi, non so cosa farci. Abbati

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

OLIMPIADI 2026

Il Governo: "La candidatura a tre è morta qui"

SPORT

serie d

Audace Reggio - S.Marino al Tardini? Pare improbabile...

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design