10°

28°

Pellegrino

Varani e Malpeli sono tornati a casa dopo settant'anni

Morirono durante la Seconda Guerra Mondiale. La cerimonia si è svolta durante la festa della sezione locale degli alpini.

Commemorazione dei caduti Varani e Malpeli di Pellegrino

Commemorazione dei caduti Varani e Malpeli di Pellegrino

Ricevi gratis le news
0

 

Manrico Lamur
Una folla commossa ha partecipato ieri mattina a Pellegrino Parmense alla cerimonia di traslazione delle spoglie, dal sacrario militare dei caduti d'oltremare fino al piccolo paese del nostro appennino, di Luigi Varani e Pietro Malpeli, i due soldati pellegrinesi deceduti nel corso della seconda guerra mondiale sul fronte d’Africa, in Tunisia, e sul piroscafo «Galilea».
Erano presenti, oltre al fratello di Luigi, Lazzaro, ed alla nipote di Pietro, Nadia Zambellini, altri familiari dei due caduti, il sindaco di Pellegrino, Enrico Pirroni, l’assessore al Sociale Claudio Barilli, il presidente del Gruppo alpini di Pellegrino, Francesco Carpana, il vicepresidente ed il consigliere della sezione di Parma, Roberto Caccialli e Gianni Guerci.
Varani e Malpeli
Varani è nato a Pellegrino Parmense nel 1921, venne arruolato in fanteria e morì a seguito di un combattimento in Tunisia il 3 marzo del 1943. Malpeli è nato a Sala Baganza nel 1921 (ma ha vissuto sempre a Pellegrino): perse la vita a seguito del naufragio del piroscafo «Galilea» il 28 marzo 1942 al largo di Porto Palermo in Albania. 
La cerimonia
La giornata, cominciata con la sfilata per le vie del paese e l’onore reso ai caduti ricordati dal monumento di piazza Berzieri, è proseguita con la celebrazione eucaristica e la cerimonia per la traslazione delle spoglie dei due soldati. 
«E’ per noi un onore ospitare nel giorno della nostra festa di gruppo, la cerimonia per il ritorno a casa di due soldati che sono caduti nel compimento del proprio dovere in territori stranieri – ha sottolineato Carpana –. Oggi, dopo 70 anni, Pietro Malpeli e Luigi Varani ritornano a Pellegrino, dove riposeranno accanto ai loro cari. E’ doveroso specialmente per un’associazione d’Arma come gli Alpini onorare coloro che hanno pagato la vita l’attaccamento ai nostri ideali». 
«Abbraccio i familiari dei due caduti per aver voluto condividere questo momento con tutta la cittadinanza dimostrando un grande attaccamento alla nostra terra ed alla sua popolazione – ha sottolineato il sindaco Pirroni –. Desidero ricordare anche tutti i pellegrinesi che hanno dato la vita per la patria durante il servizio militare e che hanno contribuito alla Liberazione». 
Sono stati letti inoltre due brani, uno sul naufragio del «Galilea» e l’altro sulla battaglia di El Alamein, scritti da chi ha vissuto quei momenti. 
La giornata si è conclusa con l’esibizione del coro «Il Pellegrino» e con il tradizionale pranzo sociale.
Manrico Lamur
Una folla commossa ha partecipato ieri mattina a Pellegrino Parmense alla cerimonia di traslazione delle spoglie, dal sacrario militare dei caduti d'oltremare fino al piccolo paese del nostro appennino, di Luigi Varani e Pietro Malpeli, i due soldati pellegrinesi deceduti nel corso della seconda guerra mondiale sul fronte d’Africa, in Tunisia, e sul piroscafo «Galilea».Erano presenti, oltre al fratello di Luigi, Lazzaro, ed alla nipote di Pietro, Nadia Zambellini, altri familiari dei due caduti, il sindaco di Pellegrino, Enrico Pirroni, l’assessore al Sociale Claudio Barilli, il presidente del Gruppo alpini di Pellegrino, Francesco Carpana, il vicepresidente ed il consigliere della sezione di Parma, Roberto Caccialli e Gianni Guerci.Varani e MalpeliVarani è nato a Pellegrino Parmense nel 1921, venne arruolato in fanteria e morì a seguito di un combattimento in Tunisia il 3 marzo del 1943. Malpeli è nato a Sala Baganza nel 1921 (ma ha vissuto sempre a Pellegrino): perse la vita a seguito del naufragio del piroscafo «Galilea» il 28 marzo 1942 al largo di Porto Palermo in Albania. La cerimoniaLa giornata, cominciata con la sfilata per le vie del paese e l’onore reso ai caduti ricordati dal monumento di piazza Berzieri, è proseguita con la celebrazione eucaristica e la cerimonia per la traslazione delle spoglie dei due soldati. «E’ per noi un onore ospitare nel giorno della nostra festa di gruppo, la cerimonia per il ritorno a casa di due soldati che sono caduti nel compimento del proprio dovere in territori stranieri – ha sottolineato Carpana –. Oggi, dopo 70 anni, Pietro Malpeli e Luigi Varani ritornano a Pellegrino, dove riposeranno accanto ai loro cari. E’ doveroso specialmente per un’associazione d’Arma come gli Alpini onorare coloro che hanno pagato la vita l’attaccamento ai nostri ideali». «Abbraccio i familiari dei due caduti per aver voluto condividere questo momento con tutta la cittadinanza dimostrando un grande attaccamento alla nostra terra ed alla sua popolazione – ha sottolineato il sindaco Pirroni –. Desidero ricordare anche tutti i pellegrinesi che hanno dato la vita per la patria durante il servizio militare e che hanno contribuito alla Liberazione». Sono stati letti inoltre due brani, uno sul naufragio del «Galilea» e l’altro sulla battaglia di El Alamein, scritti da chi ha vissuto quei momenti. La giornata si è conclusa con l’esibizione del coro «Il Pellegrino» e con il tradizionale pranzo sociale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno