19°

29°

moto

Comparativa 1000 SBK 2018 – Kawasaki Ninja ZX-10R SE

Comparativa 1000 SBK 2018 – Kawasaki Ninja ZX-10R SE
Ricevi gratis le news
0
È la novità assoluta della comparativa, ed anche la novità 2018 la casa di Akashi che porta per la prima volta in pista con RED la Ninja con sospensioni semiattive marchiate Showa. Questa la peculiarità che la distingue dalle altre. La moto più vincente in superbike degli ultimi anni parte da una base piuttosto “canonica” con un quattro cilindri in linea “screamer”, capace però di 200 cv pieni, erogati a 13.000 giri con una coppia di 113,5 Nm a 11.500 giri. Prestazioni ovviamente gestite da una elettronica avanzata anche se priva delle ultimissime novità. 208 kg il peso dichiarato in ordine di marcia, misure piuttosto “aperte” più europee che giapponesi per la ciclistica 1.440 mm l’interasse sono accompagnati da 107 mm di avancorsa.

  RIDE  

L’ultima evoluzione della verdona Kawasaki, la moto più vincente in SBK degli ultimi anni, porta al debutto le sospensioni semiattive marchiate Showa e affianca la “R” e la specialistica “RR”. È stato Interessante innanzitutto capire come Showa abbia affrontato l’argomento sospensioni elettroniche, ma la ZX10R alla fine ci ha riservato qualche sorpresa in più.

Zitta zitta, la Kawasaki si è conquistata l’apprezzamento di quasi tutti i tester presenti, esperti e meno esperti. Lo ha fatto migliorando di continuo turno dopo turno, grazie agli interventi del tecnico ufficiale presente in pista che è riuscito a rifinire un assetto già buono in partenza. Le sospensioni elettroniche Showa (uniche con la forcella pressurizzata, il sistema è battezzato KECS Kawasaki Electronic Control Suspension) sono state una piacevole sorpresa, il principio di funzionamento è “event based” come quelli di BMW ovvero reagisce in tempo reale agli eventi. Ma si percepisce che le Showa lavorano in modo molto più preciso rispetto alle sospensioni tedesche dimostrando che le dichiarazioni del costruttore giapponese sulla miglior velocità di reazione rispetto a tutto quanto sul mercato sono probabilmente veritiere.

Soprattutto, si dimostrano molto sensibili alle variazioni idrauliche inserite “da tastiera” cosa che ci ha aiutato a correggere la leggera difficoltà manifestata inizialmente dalla Kawasaki a chiudere la linea (rispetto ad Aprilia, Ducati e Honda) e la tendenza a sedersi in accelerazione. Passo dopo passo siamo quindi riusciti a migliorare l’assetto prima del time attack.

La 4 cilindri di Akashi mi è piaciuta anche a livello di motore. Il 4 in linea, che mi ricordavo un po’ meno pimpante ai bassi regimi, qui invece si è dimostrato dimostrato piuttosto in forma. Evidentemente i cerchi forgiati (che qualche kg probabilmente lo limano), di serie sulla SE, aiutano in accelerazione. La Kawasaki ha un’ottima posizione di guida, a metà strada tra le più compatte giapponesi e la BMW, la sella un po’ morbida “filtra” un po’ le comunicazioni che arrivano dall’asfalto, mentre i manubri sono piacevolmente larghi. Questo aiuta a timonare il peso consistente della Kawa (la più pesante di tutte, tra lei e Honda passano oltre 10 kg) tra le curve di Alcarras. Da questo e anche dalle misure piuttosto distese si capisce che la Ninja non ha nella maneggevolezza la sua arma migliore. Più stabile che agile non è velocissima eseguire i comandi nel pilota e nel cambiare direzione rivelandosi un po’ “fisica”. In compenso ha un avantreno che scava l’asfalto, realmente solido e rassicurante ispira tanta confidenza e invita ad osare. Così alla fine con lei ci si fida moltissimo e viene facile buttarsi nella buca come un paracadutista, certi che l’avantreno non mollerà e che le buche non la infastidiranno perché le sospensioni copiano molto bene.

Molto ben messa a livelli di elettronica, con un antiwheeling non regolabile separatamente dal TC come avviene su Honda, ma realmente efficace, la Ninja è velocissima nei cambi marcia, e ottima anche per quel che riguarda il traction control, a livello dei migliori e consentono di dare gas molto presto senza troppi patemi. Kawasaki, come Yamaha, è una di quelle moto “ingannevoli”. Mentre sei in sella alla Ducati ti sembra di star spaccando il mondo, con lei invece stracci il gas pensando “corri bambina corri che il cronometro non ci aspetta” insomma non hai la sensazione di essere così veloce. Invece alla fine il cronometro ti da soddisfazione. Il miglior giro in assoluto ad Alcarras è stato il suo, Roccoli ha estratto il coniglio dal cappello aggredendola. Il mio time attack è stato invece meno incisivo, cosa che ha alzato un po’ il tempo medio.

La Kawasaki Ninja ZX-10R SE sotto la lente ad Alcarras

Equipaggiamento Scarico Slip On
Peso rilevato con pieno 207,2 kg
Distribuzione dei pesi ant/post 108 /99,2 kg 52,1 % – 47,9 %
Riding Mode Power F
S-KTRC 1
ABS OFF
DWC Collegato al TC
KEBC (freno motore) Off
Tempo medio R1 1.37.839
Tempo medio R2 1.40.795
Miglior tempo assoluto 1.37.388
Tempo medio totale 1.39.317
Media voti tester  8,08

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse