Motori

Mercedes EQC, il primo Suv elettrico della Stella

Lorenzo Centenari

Un «alieno» oggi, una best seller (dopo)domani. Questo, almeno, si augurano in Mercedes a proposito di EQC, il primo Suv elettrico della Stella, avversario «in pectore» della monopolista Tesla Model X. Debutterà sul mercato a metà 2019 (a un prezzo attorno ai 60.000 euro), nel frattempo il capostipite della famiglia Mercedes EQ - sigla che in futuro individuerà i modelli Daimler a zero emissioni - si mostra dal vivo e racconta qualcosa di sé.

EQC è un elegante e mascolino «Suv-coupé» di 4,76 metri spinto da due motori elettrici asincroni, uno per ciascuno dei due assi (per riprodurre uno schema a trazione integrale), alimentati da un pacco batterie agli ioni di litio da 80 kWh di capacità. La potenza di sistema ammonta a 408 Cv, la coppia a 765 Nm, l’autonomia di percorrenza (assicurano da Stoccarda) a oltre 450 km. Tempi di rigenerazione? Con sistema di ricarica veloce (110 kW), le batterie passano dal 10% all’80% in 40 minuti.

Prodotta nello stabilimento di Brema, nuova Mercedes EQC sarà una elettro-bomba: accelerazione 0-100 km/h in 5,1 secondi, velocità massima autolimitata a 180 km/h.

A bordo (splendido il display digitale in stile nuova Classe A) non manca una versione 2.0 del programma multimediale MBUX, mentre tra i sistemi di assistenza alla guida citiamo la regolazione previdente della velocità: quando sente «odore» di una coda, il software riduce automaticamente l’andatura. Hi-tech da capo a piedi, tra EQC e i Suv Mercedes della vecchia guardia saranno scintille.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.