17°

27°

politica

Dall'Olio: il segretario ideale del Pd è "Civenzi"

Il capogruppo stima Renzi ma voterà Civati

Nicola Dall'Olio, capogruppo Pd

Nicola Dall'Olio, capogruppo Pd

Ricevi gratis le news
2

Il capogruppo del Pd, Nicola Dall'Olio, prende posizione sulle primarie Pd. Ecco il testo pubblicato sul suo blog:

Renzi o Civati? La mia posizione sulle primarie del PD
 
In una lontana estate del ’78, giocando a calcio nel cortile di Ronco, mi ero dato il nome di Betros, sintesi di quello che doveva essere ai miei occhi l’attaccante perfetto. Questo nome un po’ esotico mi pareva un’invenzione originale e ingegnosa, ma perfino mio nonno, che di calcio non se ne intendeva granché, aveva capito che si trattava dell’unione delle sillabe iniziali dei due attaccanti della nazionale dei mondiali di Argentina: Bettega e Rossi. 
Trentacinque anni dopo, un lasso temporale che fatico a capire come possa essere passato, non tiro più pallonate contro un muro. Il contesto e il “gioco” sono cambiati. Si tratta di scegliere chi sostenere per il congresso nazionale del PD. Potessi ancora baloccarmi con i nomi il mio candidato ideale sarebbe il connubio di due persone: Civati e Renzi. Entrambi hanno meno di 40 anni, si sono fatti e affermati da sé, al di fuori delle tradizionali filiere di cooptazione. Parlano il linguaggio del presente e guardano al futuro. Rappresentano e interpretano in modo complementare il rinnovamento. Quel rinnovamento indispensabile per recuperare la fiducia degli elettori e costruire una proposta politica convincente e al passo con i tempi.
Civati è più tecnico, più focalizzato sui temi e sui contenuti, sugli assist e sul gioco corale. Renzi è il bomber di razza, quello che sradica di potenza i palloni, magari passa poco la palla, ma tira sempre in porta. Sulla carta una bella coppia. Non è un caso che proprio da questa coppia sia partito il primo vero segnale di risveglio del PD con la prima Leopolda nel novembre del 2010.  
Poi le loro strade si sono separate e ora siamo qua a dover scegliere in una situazione di forte polarizzazione, in cui prevalgono gli schieramenti e le logiche di appartenenza. E per me non è semplice. A differenza di molti renziani last-minute, impegnati nello sport italico dei posizionamenti e del salto sul carro, alle scorse primarie ho sostenuto e votato Renzi senza indugio. Ho apprezzato da subito il suo coraggio e la sua forza, la sua anima liberal, la sua sfida aperta a una nomenclatura di partito arroccata e ormai inadeguata. E resto convinto che con lui avremmo vinto agevolmente le elezioni. Ma avevo anche detto che se ci fosse stato Civati lo avrei votato. E alla fine così farò. 
Si dice che in politica contino solo gli interessi. Che i rapporti personali stiano a zero. Non sono ancora arrivato a quel punto. Con Civati ci conosciamo da alcuni anni, mi ha sostenuto e aiutato nelle primarie per il Sindaco di Parma. E’ grazie o per colpa sua se ho ritrovato le motivazioni per restare a fare politica attiva nel PD in un momento in cui volevo mollare (Il nostro tempo, Bologna ottobre 2011). E queste cose, bene o male, per me contano. 
Ma c’è dell’altro. I contenuti. La mozione di Civati, oltre ad essere la più articolata e completa, è l’unica che coglie e mette al centro delle politiche di rilancio economico e sociale il tema della sostenibilità. Non l’ambiente. Non lo sviluppo sostenibile. Ma la sostenibilità. Una cosa diversa. Un principio guida su cui la sinistra dovrebbe (ri) costruire la sua proposta politica per una società più equa e per un benessere duraturo, aperto a tutti, anche agli ultimi della Terra, quei miliardi di persone di cui ci ricordiamo solo in occasione di tragedie come Lampedusa.
Voterò quindi Civati per coerenza e per dare più peso, dentro al PD, a questo tema centrale per un partito riformista che voglia guardare al futuro e liberarsi del provincialismo congenito della politica nazionale. Ma al di là dei nomi, ciò che più importa, in queste primarie, è che alla fine vinca davvero il rinnovamento, a dispetto dei convertiti dell’ultimo minuto e delle inestirpabili dinamiche correntizie. Dopodiché tutti a terra a spingere il carro per fare in modo che le cose cambino cambiandole. Con l’auspicio che si ricomponga sotto nuove forme quel connubio che, di fatto, il cambiamento lo ha innescato.
Renzi o Civati? La mia posizione sulle primarie del PD In una lontana estate del ’78, giocando a calcio nel cortile di Ronco, mi ero dato il nome di Betros, sintesi di quello che doveva essere ai miei occhi l’attaccante perfetto. Questo nome un po’ esotico mi pareva un’invenzione originale e ingegnosa, ma perfino mio nonno, che di calcio non se ne intendeva granché, aveva capito che si trattava dell’unione delle sillabe iniziali dei due attaccanti della nazionale dei mondiali di Argentina: Bettega e Rossi. Trentacinque anni dopo, un lasso temporale che fatico a capire come possa essere passato, non tiro più pallonate contro un muro. Il contesto e il “gioco” sono cambiati. Si tratta di scegliere chi sostenere per il congresso nazionale del PD. Potessi ancora baloccarmi con i nomi il mio candidato ideale sarebbe il connubio di due persone: Civati e Renzi. Entrambi hanno meno di 40 anni, si sono fatti e affermati da sé, al di fuori delle tradizionali filiere di cooptazione. Parlano il linguaggio del presente e guardano al futuro. Rappresentano e interpretano in modo complementare il rinnovamento. Quel rinnovamento indispensabile per recuperare la fiducia degli elettori e costruire una proposta politica convincente e al passo con i tempi.Civati è più tecnico, più focalizzato sui temi e sui contenuti, sugli assist e sul gioco corale. Renzi è il bomber di razza, quello che sradica di potenza i palloni, magari passa poco la palla, ma tira sempre in porta. Sulla carta una bella coppia. Non è un caso che proprio da questa coppia sia partito il primo vero segnale di risveglio del PD con la prima Leopolda nel novembre del 2010.  Poi le loro strade si sono separate e ora siamo qua a dover scegliere in una situazione di forte polarizzazione, in cui prevalgono gli schieramenti e le logiche di appartenenza. E per me non è semplice. A differenza di molti renziani last-minute, impegnati nello sport italico dei posizionamenti e del salto sul carro, alle scorse primarie ho sostenuto e votato Renzi senza indugio. Ho apprezzato da subito il suo coraggio e la sua forza, la sua anima liberal, la sua sfida aperta a una nomenclatura di partito arroccata e ormai inadeguata. E resto convinto che con lui avremmo vinto agevolmente le elezioni. Ma avevo anche detto che se ci fosse stato Civati lo avrei votato. E alla fine così farò. Si dice che in politica contino solo gli interessi. Che i rapporti personali stiano a zero. Non sono ancora arrivato a quel punto. Con Civati ci conosciamo da alcuni anni, mi ha sostenuto e aiutato nelle primarie per il Sindaco di Parma. E’ grazie o per colpa sua se ho ritrovato le motivazioni per restare a fare politica attiva nel PD in un momento in cui volevo mollare (Il nostro tempo, Bologna ottobre 2011). E queste cose, bene o male, per me contano. Ma c’è dell’altro. I contenuti. La mozione di Civati, oltre ad essere la più articolata e completa, è l’unica che coglie e mette al centro delle politiche di rilancio economico e sociale il tema della sostenibilità. Non l’ambiente. Non lo sviluppo sostenibile. Ma la sostenibilità. Una cosa diversa. Un principio guida su cui la sinistra dovrebbe (ri) costruire la sua proposta politica per una società più equa e per un benessere duraturo, aperto a tutti, anche agli ultimi della Terra, quei miliardi di persone di cui ci ricordiamo solo in occasione di tragedie come Lampedusa.Voterò quindi Civati per coerenza e per dare più peso, dentro al PD, a questo tema centrale per un partito riformista che voglia guardare al futuro e liberarsi del provincialismo congenito della politica nazionale. Ma al di là dei nomi, ciò che più importa, in queste primarie, è che alla fine vinca davvero il rinnovamento, a dispetto dei convertiti dell’ultimo minuto e delle inestirpabili dinamiche correntizie. Dopodiché tutti a terra a spingere il carro per fare in modo che le cose cambino cambiandole. Con l’auspicio che si ricomponga sotto nuove forme quel connubio che, di fatto, il cambiamento lo ha innescato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianabo

    20 Novembre @ 14.14

    Civenzi! Così, che sia eletto uno o l'altro, lui ci sta sempre dentro. Bravo, questa si che è coerenza.

    Rispondi

  • 20 Novembre @ 07.48

    Renzi o Civati; non è certo un segretario che cambia le cose. Il problema sono le tessere finte, i congressi farlocchi, i vecchi parrucconi che non mollano la poltrona, i familismi, i favoritismi, le commistioni clientelari e l'illegalità in cui crapula questa partitocrazia senza idee e senza vergogna.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"