18°

28°

rifiuti

La Giunta alla Regione: "Premi per chiudere prima gli inceneritori"

Le osservazioni del Comune sul Piano regionale Rifiuti. Chiesta l'autorizzazione per un impianto di trattamento meccanico biologico

La Giunta alla Regione: "Premi per chiudere prima gli inceneritori"
Ricevi gratis le news
11

 

"Serve più coraggio per modificare un piano rifiuti che nasce già vecchio: a differenza di quanto previsto dal Piano Regionale Gestione Rifiuti, in Emilia Romagna da qui al 2020 (tempo di vigenza del piano) si possono dimezzare gli inceneritori in funzione, si devono prevedere soluzioni innovative per il trattamento a freddo del rifiuto residuo, si può accelerare notevolmente con la raccolta differenziata, come dimostra il fatto che oggi la città di Parma ha già raggiunto l’obiettivo che la Regione prospetta per l’anno 2020".
Queste in sintesi le osservazioni al Piano Regionale approvate oggi con apposita delibera dalla Giunta Pizzarotti.
“La Regione – afferma il sindaco Federico Pizzarotti – ha presentato un piano che vuole mantenere accesi gli impianti a favore delle società multiutility. Purtroppo solo 3 comuni su 340 (Parma, Forlì. e Coriano) hanno espresso le loro critiche ad un piano troppo conservatore e poco capace di guardare al futuro”.
L’assessore all’ambiente Gabriele Folli rincara la dose: “La maggioranza dei comuni capoluogo - fa notare l’assessore –, il Presidente ANCI Emilia Romagna e il sottosegretario Bertelli, non a caso tutti esponenti del PD, non hanno neppure preso in considerazione ciò che si può facilmente dimostrare, cioè che già oggi in Emilia Romagna ci sono in attività tre forni inceneritori in più di quelli che servono. E in prospettiva si potrebbe andare quasi all’azzeramento – insiste Folli – se solo si pianificasse la costruzione di impianti di trattamento a freddo si potrebbero eliminare altri due forni. E soprattutto, se tutti facessero come Parma con la raccolta differenziata, gli inceneritori finirebbero presto nel dimenticatoio. Basti pensare – conclude Folli – che il Piano prevede per le città capoluogo l’obiettivo del 67% di raccolta differenziata da raggiungere nel 2020, mentre noi quel traguardo lo abbiamo già raggiunto con sei anni di anticipo”.
In relazione alle richieste specifiche per il nostro territorio, le osservazioni approvate dal Comune di Parma e proposte oggi alla Regione chiedono di ridurre la quantità massima dei rifiuti conferibili al forno inceneritore di Parma, commisurandola al residuo dei rifiuti prodotti in Provincia e di autorizzare la costruzione sul territorio parmense di un impianto di trattamento meccanico biologico, come soluzione alternativa all’incenerimento, iniziativa quest’ultima su cui ben 3 raggruppamenti di aziende hanno proposto studi di fattibilità e piani economici con costi di smaltimento inferiori a quelli sostenuti attualmente nell’inceneritore di Ugozzolo".
Infine, le osservazioni del Comune di Parma prestano particolare attenzione a prevedere meccanismi premianti per i Comuni virtuosi che raggiungono risultati migliori nella raccolta differenziata: si chiede che fra i criteri per la dismissione degli impianti di incenerimento non più necessari si tenga conto del principio di prossimità, del valore residuo del capitale investito e dell’efficienza energetica, ma anche della quantità di rifiuto residuo prodotto pro capite, in modo, appunto, da chiudere prima gli impianti ubicati nelle città dove cittadini ed amministrazioni sono responsabili e virtuosi nella gestione dei propri rifiuti urbani.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Hecks

    19 Maggio @ 11.41

    "di autorizzare la costruzione sul territorio parmense di un impianto di trattamento meccanico biologico, come soluzione alternativa all’incenerimento". Ma ancora non gli hanno spiegato che un impianto di TMB non è proprio una soluzione alternativa all'incenerimento?

    Rispondi

  • Stefano

    17 Maggio @ 15.54

    reinard.alfa@gmail.com

    Se la giunta propone anche la differenza di costi tra le due soluzioni se ne può parlare, se invece come prevedo la chiusura degli inceneritori significa ancora pagare per mandarli all'estero allora che paghino loro con i loro soldi, non con i soldi di tutti.

    Rispondi

  • Goldwords

    17 Maggio @ 00.23

    Certo che la giunta di Parma ha proprio i titoli per dar lezioni sui rifiuti!!! Venissero a vedere in che condizioni è Parma. Gli unici che non vedono la situazione, sono quelli che fanno proposte indegne!! Abbiamo noi il restante della percentuale in casa a marcire!! Mandateli via questi qui assieme ai dirigenti IREN, incapaci pure loro!! Stanno portando la città ad un livello di degrado assurdo e vogliono dar lezioni!!!

    Rispondi

  • Franco

    16 Maggio @ 21.32

    A tutti i favorevoli all'inceneritore... andateci a lavorare, se vi piace tanto!

    Rispondi

  • Gea

    16 Maggio @ 18.37

    O, ma la giunta del comune di Parma ha un chiodo fisso ormai, brava gente ripigliatevi !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"