-1°

IL CASO

«Mi è venuto incontro e mi ha detto: Ti sparo»

Il racconto della professoressa Cristina Quintavalla: ho provato a far ragionare quei ragazzi

Cristina Quintavalla

Cristina Quintavalla

Ricevi gratis le news
19

«Stavo scendendo le scale della scuola quando mi è venuto incontro un ragazzo. Imbracciava un fucile giocattolo: mi ha detto che mi avrebbe sparato».
L'incontro con quel volto imberbe e ostile non fa arretrare di un passo Cristina Quintavalla, protagonista di tante battaglie sociali dagli anni Settanta fino a oggi.
Racconta quel che ha visto e vissuto ieri mattina, ma non minimizza la prof Quintavalla. Soppesa tutto il malessere che deve per forza celarsi dietro il non-senso di un gesto simile:
la pericolosità e la deriva che si porta appresso, con cui non si può non fare i conti tutti quanti.
L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emanuelagiuffredi

    03 Giugno @ 14.41

    Gett.ma sig.ra Annamaria, mi dispiace che lei si sia sentita "usata" ma non era certo mia intenzione farlo; anzi proprio perchè tra i tanti commenti il suo mi sembrava il più sensato e fondato ho preferito rivolgermi a lei , ma mi accorgo che probabilmente è difficile (sicuramente anche per mia responsabilità ) farsi capire. Non ho certo attribuito a lei i giudizi pesanti di cui parlo nel commento ( e penso che questo sia chiaro). Quello che volevo dire è che i problemi oggettivi vanno affrontati ( politicamente e socialmente) lasciandosi comunque guidare da dei valori guida che sono secondo me irrinunciabili, e questi valori si fondano sulla dignità di ogni persona umana. Rimango dell'idea che questo non significhi essere radical chic nè sentirsi moralmente superiore., m semplicemente affrontare concretamente le questioni guidati da dei valori su cui non si possono accettare compromessi. E' chiaro che dovrò cercare di capire le ragioni di quello che accade e del perchè si possa arrivare a dire certe cose, ma proprio perchè ho certi valori di riferimento quei giudizi io li valuterò sempre come molto gravi . Cordiali saluti.

    Rispondi

  • annamaria

    03 Giugno @ 01.22

    Sig.ra Giuffredi, io mi sono rivolta al Sig.Antonio che parlava in generale di cervelli non connessi, ma questo non le dà il diritto di associare le mie affermazioni ai volgari commenti a cui lei si riferisce, nè a quanto detto o fatto dalla Sig.ra Quintavalla, che io non ho neppure nominato. Non usi strumentalmente le mie affermazioni " moralmente superiore e radical chic" facendo credere che il mio messaggio sia contro gli stranieri o la dignità di qualcuno e mischiandomi, a suo beneficio, a quei volgari commenti che non ho mai condiviso. Io ho solo affermato che esistono problemi oggettivi dovuti ad una epocale immigrazione che si innesta in un paese impoverito e sfiduciato dove va diffondendosi un sentimento di malcontento. E proprio chi fa politica dovrebbe accorgersi di questo e agire con buon senso. Non basta censurare, bisogna ascoltare tutti e prevenire. Distingua bene, quindi, il mio commento, che tenta solo di vedere una situazione generale, da quelli che sono sfuggiti alla bersagliata redazione. Non mi piace essere usata.

    Rispondi

  • emanuelagiuffredi

    02 Giugno @ 19.01

    Gent.ma Anna Maria, penso che nessuno voglia sottovalutare quelli che sono gli oggettivi problemi che i flussi migratori portano con sè, e sicuramente chi non li sottovaluta è la prof.ssa Quintavalla che ha reagito alla situazione creatasi come ogni adulto educatore dovrebbe fare, ossia cercando il dialogo e richiamando i ragazzi ad una presa di responsabilità di quello che è accaduto. I problemi oggettivi, come lei li chiama, non possono,però, essere affrontati nello spirito che emerge da tanti dei messaggi che purtroppo sono stati scritti in questi commenti. I problemi, se ci sono, si affrontano nel riconoscimento che siamo tutti persone , e non partendo dal presupposto "che tutti i filippini sono escrementi umani". (vedi old sailor).A riguardo, anche se non sono responsabile di questa offesa gravissima, voglio esprimere la mia solidarietà e le mie scuse alla comunità filippina presente nella nostra città. Mi sembra molto grave che uno spazio di libera espressione possa arrivare ad essere utilizzato in un modo così violento e irrispettoso. Io non so se questo significa essere radical chic o sentirsi moralmente superiore , ma so che quando si cominciano a chiamare delle persone umane con termini come " microbi, escrementi, vermi, ecc. "allora si sta passando un limite,un limite che nella storia spesso ha portato a catastrofi terribili. Se rispettare la dignità di ogni persona umana significa essere moralmente superiore, allora forse dovremmo esserlo tutti. REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - NON vi dico quanti commenti, soprattutto in questi giorni, stiamo cestinando. Se ne è uscito uno con le offese riportate dal lettore, ovviamente è anche un errore nostro del quale ci scusiamo nel modo più chiaro. Ma non immaginate quanta fatica si faccia in un mare di livore e cattiveria, in uno spazio che invece dovrebbe (e vorrebbe) essere di discussione, magari anche forte ma dai toni civili.

    Rispondi

  • annamaria

    02 Giugno @ 16.52

    Antonio, ho lasciato un mio commento per te sulla notizia dell'albanese al Maggiore, (se hai voglia, leggilo). Comumque attenti a liquidare con superiorità morale e atteggiamenti un pò radical chic, i commenti sugli stranieri, anche se eccessivi e rudi. Non voler riconoscere gli oggettivi problemi che i nuovi flussi portano in un paese stanco e sfiduciato, oltre che impoverito, significa prepararne altri per il futuro. Quindi, se ti senti uno dei pochi con il cervello connesso, usalo , ma per riconoscere con buon senso e imparzialità i problemi di tutti.

    Rispondi

  • filippo

    01 Giugno @ 20.01

    certo che questi MIGRANTI di riconoscenza ne hanno poca...i signori comunisti pensavano che bastava farseli amici, sorridere loro, occupare case per loro, ect ect. e invece niente....anche loro diventano vittime dei KOMPAGNI MIGRANTI

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

robbie williams vs jimmy page

vicini-nemici

La lite Williams-Page continua con i decibel dei Black Sabbath (Per dispetto)

Parsons Dance: 16 e 17 febbraio 2019

spettacoli

Parsons Dance, la magia della danza atletica sbarca al Regio

Wanda Nara

Wanda Nara

"STRISCIA"

Tapiro d'oro a Wanda Nara: "Icardi? Rinnova..."

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Nonostante, libera" di Bruna Orlandi

La copertina del libro

LIBRI

"Il Bugiardino" di Marilù Oliva - "Nonostante, libera" di Bruna Orlandi

Lealtrenotizie

Massacro di Natale, i giudici: «Alessio senza pietà, ma subalterno al padre ed educato al cinismo e alla violenza»

APPELLO

Massacro di Natale, i giudici: «Alessio senza pietà, ma subalterno al padre ed educato al cinismo e alla violenza»

VIDEOSORVEGLIANZA

Il vicesindaco Bosi: «Palasport a rischio furti. Interverremo»

Soragna

Buttano i rifiuti in tangenziale ma il sindaco li fa multare

COLLECCHIO

Addio a «Gigetto», casaro appassionato di moto

Intervista

Raphael Gualazzi: «A Parma torno sempre volentieri»

FIDENZA

È morto il professor Rossini

SERIE A

Il Parma riparte col botto

FIDENZA

Chiusi fuori casa dai ladri

SERIE A

Il Parma incomincia benissimo anche il girone di ritorno: decidono i gemelli del gol crociati: 2-1 a Udine La classifica

Udine

"Parma, vittoria meritata, anche se Sepe è stato determinante" Videocommento di Paolo Grossi

san leonardo

Auto in fiamme in via Milano La spaventosa sequenza video

OLTRETORRENTE

Via Musini, quel via vai da una casa che ha insospettito i residenti: pusher arrestato Video

3commenti

incidente

Scontro in centro paese a Corcagnano: una delle auto si ribalta Video

8commenti

fontevivo

2,6 milioni di euro per 42 comuni del Parmense Video

METEO

Appennino, si rivede la neve

gazzareporter

Strada Imbriani: giallo sul paletto, vandali o "auto pirata"?

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il pasticciaccio del reddito di cittadinanza

di Domenico Cacopardo

1commento

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

Bergamo

Donna carbonizzata: indagata l'ex amante del marito

san polo d'enza

Intestano smartphone ad una persona morta da tempo: tre denunce

SPORT

Serie A

Inter, pareggio con il Sassuolo

20a giornata

La Roma batte il Toro 3-2 - La classifica

SOCIETA'

Lutto

E' morto "Bort", il vignettista che creò "Le ultime parole famose"

società

Lunedì arriva il blue monday, il giorno più triste dell'anno

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai