18°

28°

IL CASO

«Mi è venuto incontro e mi ha detto: Ti sparo»

Il racconto della professoressa Cristina Quintavalla: ho provato a far ragionare quei ragazzi

Cristina Quintavalla

Cristina Quintavalla

Ricevi gratis le news
19

«Stavo scendendo le scale della scuola quando mi è venuto incontro un ragazzo. Imbracciava un fucile giocattolo: mi ha detto che mi avrebbe sparato».
L'incontro con quel volto imberbe e ostile non fa arretrare di un passo Cristina Quintavalla, protagonista di tante battaglie sociali dagli anni Settanta fino a oggi.
Racconta quel che ha visto e vissuto ieri mattina, ma non minimizza la prof Quintavalla. Soppesa tutto il malessere che deve per forza celarsi dietro il non-senso di un gesto simile:
la pericolosità e la deriva che si porta appresso, con cui non si può non fare i conti tutti quanti.
L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emanuelagiuffredi

    03 Giugno @ 14.41

    Gett.ma sig.ra Annamaria, mi dispiace che lei si sia sentita "usata" ma non era certo mia intenzione farlo; anzi proprio perchè tra i tanti commenti il suo mi sembrava il più sensato e fondato ho preferito rivolgermi a lei , ma mi accorgo che probabilmente è difficile (sicuramente anche per mia responsabilità ) farsi capire. Non ho certo attribuito a lei i giudizi pesanti di cui parlo nel commento ( e penso che questo sia chiaro). Quello che volevo dire è che i problemi oggettivi vanno affrontati ( politicamente e socialmente) lasciandosi comunque guidare da dei valori guida che sono secondo me irrinunciabili, e questi valori si fondano sulla dignità di ogni persona umana. Rimango dell'idea che questo non significhi essere radical chic nè sentirsi moralmente superiore., m semplicemente affrontare concretamente le questioni guidati da dei valori su cui non si possono accettare compromessi. E' chiaro che dovrò cercare di capire le ragioni di quello che accade e del perchè si possa arrivare a dire certe cose, ma proprio perchè ho certi valori di riferimento quei giudizi io li valuterò sempre come molto gravi . Cordiali saluti.

    Rispondi

  • annamaria

    03 Giugno @ 01.22

    Sig.ra Giuffredi, io mi sono rivolta al Sig.Antonio che parlava in generale di cervelli non connessi, ma questo non le dà il diritto di associare le mie affermazioni ai volgari commenti a cui lei si riferisce, nè a quanto detto o fatto dalla Sig.ra Quintavalla, che io non ho neppure nominato. Non usi strumentalmente le mie affermazioni " moralmente superiore e radical chic" facendo credere che il mio messaggio sia contro gli stranieri o la dignità di qualcuno e mischiandomi, a suo beneficio, a quei volgari commenti che non ho mai condiviso. Io ho solo affermato che esistono problemi oggettivi dovuti ad una epocale immigrazione che si innesta in un paese impoverito e sfiduciato dove va diffondendosi un sentimento di malcontento. E proprio chi fa politica dovrebbe accorgersi di questo e agire con buon senso. Non basta censurare, bisogna ascoltare tutti e prevenire. Distingua bene, quindi, il mio commento, che tenta solo di vedere una situazione generale, da quelli che sono sfuggiti alla bersagliata redazione. Non mi piace essere usata.

    Rispondi

  • emanuelagiuffredi

    02 Giugno @ 19.01

    Gent.ma Anna Maria, penso che nessuno voglia sottovalutare quelli che sono gli oggettivi problemi che i flussi migratori portano con sè, e sicuramente chi non li sottovaluta è la prof.ssa Quintavalla che ha reagito alla situazione creatasi come ogni adulto educatore dovrebbe fare, ossia cercando il dialogo e richiamando i ragazzi ad una presa di responsabilità di quello che è accaduto. I problemi oggettivi, come lei li chiama, non possono,però, essere affrontati nello spirito che emerge da tanti dei messaggi che purtroppo sono stati scritti in questi commenti. I problemi, se ci sono, si affrontano nel riconoscimento che siamo tutti persone , e non partendo dal presupposto "che tutti i filippini sono escrementi umani". (vedi old sailor).A riguardo, anche se non sono responsabile di questa offesa gravissima, voglio esprimere la mia solidarietà e le mie scuse alla comunità filippina presente nella nostra città. Mi sembra molto grave che uno spazio di libera espressione possa arrivare ad essere utilizzato in un modo così violento e irrispettoso. Io non so se questo significa essere radical chic o sentirsi moralmente superiore , ma so che quando si cominciano a chiamare delle persone umane con termini come " microbi, escrementi, vermi, ecc. "allora si sta passando un limite,un limite che nella storia spesso ha portato a catastrofi terribili. Se rispettare la dignità di ogni persona umana significa essere moralmente superiore, allora forse dovremmo esserlo tutti. REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - NON vi dico quanti commenti, soprattutto in questi giorni, stiamo cestinando. Se ne è uscito uno con le offese riportate dal lettore, ovviamente è anche un errore nostro del quale ci scusiamo nel modo più chiaro. Ma non immaginate quanta fatica si faccia in un mare di livore e cattiveria, in uno spazio che invece dovrebbe (e vorrebbe) essere di discussione, magari anche forte ma dai toni civili.

    Rispondi

  • annamaria

    02 Giugno @ 16.52

    Antonio, ho lasciato un mio commento per te sulla notizia dell'albanese al Maggiore, (se hai voglia, leggilo). Comumque attenti a liquidare con superiorità morale e atteggiamenti un pò radical chic, i commenti sugli stranieri, anche se eccessivi e rudi. Non voler riconoscere gli oggettivi problemi che i nuovi flussi portano in un paese stanco e sfiduciato, oltre che impoverito, significa prepararne altri per il futuro. Quindi, se ti senti uno dei pochi con il cervello connesso, usalo , ma per riconoscere con buon senso e imparzialità i problemi di tutti.

    Rispondi

  • filippo

    01 Giugno @ 20.01

    certo che questi MIGRANTI di riconoscenza ne hanno poca...i signori comunisti pensavano che bastava farseli amici, sorridere loro, occupare case per loro, ect ect. e invece niente....anche loro diventano vittime dei KOMPAGNI MIGRANTI

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"