14°

26°

calcio

FantaFrambo: quel faccia a faccia con Cassano

FantaFrambo: quel faccia a faccia  con Cassano
Ricevi gratis le news
32

Quel dito puntato contro Cassano è diventato il simbolo di una domenica disastrosa e l'emblema di un'annata nata male e proseguita peggio. Sicuramente il Frambo ci ha messo tutta la passione e l'amore per quei colori senza pensarci su, involontariamente senza macchinazioni di sorta come è nella sua indole schietta e parmigianamente verace.
Le immagini hanno tenuto incollati i tifosi – quelli che avevano lasciato il Tardini ammutoliti dopo il ko, tra le grida di una tifosa (probabilmente il secondo simbolo di una giornata-annata pessime) che, sul punto di piangere, se la prendeva con la moglie dello stesso Fantantonio – alla televisione, poi sono rimbalzate sul web: Cassano a testa bassa va sotto la curva. Un tifoso gli parla appollaiato sulla recinzione. Ma il Frambo, cuore di via Isola, ci butta la sua passione e il suo carisma, si carica sulle spalle le frustrazioni di una curva, scavalca la recinzione e parla a tu per tu, sul campo, con Antonio Cassano. Per una manciata di secondi spariscono i conti in banca, la fama, gli allori e la classe calcistica, Cesare Frambati sostenuto da tutti i tifosi del Parma, diventa lui il protagonista.
Già altre volte tuonava davanti allo stadio, rigorosamente in dialetto: "Non è possibile che sia sempre io, alla mia età, ad andare a parlare, discutere e incavolarmi". Ma la passione crociata (40 anni di tifo crociato – mi perdoni se tolgo qualcosa – ci sono tutti) è più forte. Schivo, nel momento che serve in tanti lo guardano quando c'è da dire qualcosa: e lui non si tira indietro. E' capitato – cito in ordine sparso – quando venne contestato Zeman una vita (calcistica) fa, è capitato un mesetto fa quando i venti di crisi soffiavano forti sul Parma ed è capitato ieri. In mezzo tante storie, tanti successi, tanti sorrisi e tante incavolature.
I Boys non parlano mai di leader né di capo ultrà, va precisato. Lo stesso Frambo non vuole gli venga appiccicata questa etichetta, fin da quando negli anni '80 era più attivo nel coordinare la vita di Curva. Ieri la passione (che lo unisce ai 200 tifosi rimasti dopo la partita in Nord) e il carisma lo hanno proiettato, idealmente, in questo ruolo.
Cassano ritorna negli spogliatoi. Dopo un po' riemerge tutta la squadra per andare sotto la curva accolta dal coro "Onoratela" (e insulto). Lucarelli e Donadoni stringono le mascelle e rispondono alle accuse. Melli si agita, si toglie la cravatta e fa dei gesti eloquenti.
Il giorno dopo Cesare non parla, non vuole parlare perchè si sente proiettato al centro di polemiche, voci e, per certi versi, accuse (lo accostano a "Genny 'a carogna", "Parma sarebbe in mano agli ultrà" e cose simili) che non lo riguardano e da cui vuole stare lontano. "Perchè non dicono che il Frambo era in prima fila ad aiutare gli alluvionati?", ricordano due giovanissimi della curva. In tanti su Facebook e social vari gli fanno i complimenti per il ditone puntato alla star calcistica (e a tutto il resto della squadra). Il ragazzone che punta il dito a Fantantonio, ricordandogli – idealmente – che quando crollò la ramata sotto il peso di Massimo Barbuti lui c'era e che la C o la A non fanno differenza, l'orgoglio e l'amore per la maglia, invece, sì è un volto stra-noto in città. E non solo per il Parma o la Curva: è al fianco del fratello Enrico (noto dj parmigiano) a organizzare feste e eventi, ma anche in prima fila a dare una mano per la raccolta fondi (chiedere a don Sergio Sacchi) per chi ha bisogno.
Lui non parla, ma alcune persone che lo conosco bene sottoscrivono: "Ma che Genny o mafia in curva, macchè derby romano sospeso... Il Frambo ci ha messo 40 anni di tifo, passione, sofferenze e incazzature" nello scendere e puntare il dito a Fantantonio. Qualcuno sorride e lo imita, idealmente rivivendo quel dialogo, usando gli intercalari parmigianissimi di Cesare nel parlare. "Nessuna minaccia mafiosa – sorride un altro amico – dai non scherziamo: solo la rabbia di chi si sente preso in giro. La rabbia di chi vede la sua squadra (chilometri – e anni - di trasferte, da Reggio, Bologna o Cremona per arrivare a Roma, Milano o Firenze spesso vengono dimenticate ndr) retrocedere in questo modo penoso".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Cosbe

    29 Gennaio @ 14.00

    Poveretti sempre meno di te che perdi tempo a commentare notizie che non ti riguardano. ..

    Rispondi

  • Cosbe

    29 Gennaio @ 13.59

    Poveretti sempre meno di te che perdi tempo a commentare notizie che non ti riguardano. ..

    Rispondi

  • james

    28 Gennaio @ 21.07

    Poveretto/i incazzarsi per il calcio... e per una squadretta come il Parma poi... bah... vuol dire proprio che non c'hai proprio una mazza da fare va là. Oltretutto senza alcun diritto, i giocatori sono lavoratori dipendenti del Parma e voi solo tifosi.

    Rispondi

  • Filippo

    28 Gennaio @ 15.25

    scenata patetica: i tifosi pagano l'abbonamento o il biglietto, se non gli piace lo spettacolo possono fischiare, oppure stare a casa. ergere ad eroe uno che piange e fa queste sceneggiate per una squadra di calcio, la dice lunga su questo paese.

    Rispondi

    • Mary

      28 Gennaio @ 18.10

      veglioneeeeeeeeee.....

      Rispondi

      • Filippo

        30 Gennaio @ 18.35

        Esci dalla curva e prova ad articolare un discorso al posto di un coro, se ce la fai...

        Rispondi

  • Paola Bottali

    28 Gennaio @ 11.34

    Cesare Frambati SINDACO!!!!!! E GUAI A CHI LO NOMINA E PARAGONA A QUEL Genny 'a caroggna.!!!!! Quello non è ne tifoso e nemmeno ultras, è solo un criminale !!!!!!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

LUTTO

Addio a Benecchi, storico oste di borgo dei Grassani

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

6commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

Gran bretagna

Centomila persone in piazza contro la Brexit

ROMA

La morte dello chef Narducci e dell'assistente: automobilista indagato per omicidio stradale

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse