19°

32°

ACCOLTELLAMENTO

Frati: «In un lago di sangue invocavo il cielo»

Frati: «In un lago di sangue invocavo il cielo»
Ricevi gratis le news
0

«Quando ero là in terra, gravemente ferito, in un lago di sangue, ho rivolto lo sguardo verso il cielo, dicendo “sono nelle tue mani”». Roberto Frati, il pensionato di Fidenza accoltellato lo scorso 31 ottobre, è tornato a casa dopo aver lottato tra la vita e la morte. Alla Gazzetta ha raccontato la sua terribile esperienza.

«Quando ero là in terra, gravemente ferito, in un lago di sangue, ho rivolto lo sguardo verso il cielo, dicendo “sono nelle tue mani”». Così ieri, ha sussurrato Roberto Frati, il pensionato 66enne accoltellato lo scorso 31 ottobre, da un uomo di 43 anni, residente a Parma, che era sottoposto a un obbligo di dimora in una comunità terapeutica del piacentino, sempre per fatti legati alla giustizia e ora in carcere.

Dopo avere lottato fra la vita e la morte, Roberto ce l’ha fatta ed è tornato a casa. Nella sua abitazione al civico 7, di via Galvani, nel quartiere Luce, dove, nel cortile, è accaduto il fatto di sangue, è un continuo andirivieni di amici e conoscenti che vogliono salutarlo e abbracciarlo. I telefoni squillano in continuazione. E lui, Roberto, seduto sul divano di casa, circondato dall’immenso affetto della moglie Ivana e dei figli don Alessandro, vice parroco a Busseto e Chiara, dalla dolce cagnolina Maya, che gli continua a fare festa, con un dolce sorriso, tranquillo e sereno, risponde a tutti. Sta abbastanza bene, cammina e ha iniziato a mangiare anche qualche cibo solido, dopo essere stato sottoposto a un delicatissimo intervento chirurgico per l’asportazione di trenta centimetri di intestino, martoriato dai fendenti dell’aggressore.

«Per un attimo ho pensato che la mia vita stesse volgendo al termine – ha spiegato Frati, sorretto da una profonda fede – ma mi sono affidato nelle mani di Dio e ora sono qui, come se fossi rinato a vita nuova. Molte persone sono state strumento per la mia salvezza e ora desidero ringraziarle tutte. Se ripenso a quegli attimi drammatici, quando quell’uomo mi ha puntato un coltello al collo, dicendomi di stare fermo se no mi avrebbe ammazzato, iniziando poi a colpirmi, quando ho fatto per farlo uscire dal garage, rivivo un incubo. Se non avessi avuto la forza di chiedere aiuto e se i miei vicini non fossero accorsi, sarei morto dissanguato. Aveva gli occhi allucinati, ma mentre mi puntava il coltello, non mi chiedeva soldi, forse voleva prendere la macchina che avevo appena messo nel garage, per scappare. Sta di fatto che alcuni vicini che erano lì, nei pressi, mi hanno salvato la vita. E voglio ringraziarli di cuore insieme al personale del 118, della Rianimazione di Parma, della Chirurgia d’urgenza di Parma, in particolare il dottor Nicola Busi, che considero il mio angelo custode. Oltre a dimostrare elevata professionalità, sono stati anche testimoni di grande umanità. Un grazie di cuore lo rivolgo anche a tutte le persone, veramente tantissime, che hanno pregato per me e hanno aiutato a tutti i livelli la mia famiglia».

Roberto Frati, non vuole dimenticare nessuno. «Il sindaco Andrea Massari e il consiglio comunale non ci hanno mai lasciato soli, testimoniandoci la vicinanza dell’intera città. Insieme al senatore Giorgio Pagliari e agli onorevoli Maestri e Romanini si sono fatti portavoce del disagio e della paura che serpeggiano, non solo nella nostra comunità, ma in tutto il territorio nazionale. Auspico che vengano ascoltati e abbiano risposte concrete, non solo promesse. Tutte le persone che mi hanno portato la loro solidarietà, hanno manifestato tutto il loro risentimento nel vedere, continuamente, episodi di violenza gratuita, di criminalità impunita, di nessun diritto alla difesa».

Ma nonostante ciò, Roberto Frati, cattolico praticante, non ha mai una parola di odio o di rancore verso colui che lo ha ridotto in fin di vita.

«Come ho già ribadito più volte non provo sentimenti di rancore, di rabbia, di odio, verso il mio aggressore, che palesemente soffre di diverse problematiche, ma mi unisco all’indignazione che tutta la mia famiglia prova verso chi non è in grado di stabilire la reale pericolosità di un soggetto, affidandole a strutture che non sono in grado nè di averne cura né di custodirli, sottoponendo a rischi non solo l’intera cittadinanza, ma queste stesse persone. Vorrei tanto che il sacrificio e le sofferenze che mi sono stati chiesti e il disagio psicologico al quale sono tuttora sottoposti i miei familiari, non fossero dimenticati, ma servissero per trovare le soluzioni per una convivenza pacifica e serena. Ora le mie preghiere saranno anche per questo».

In casa Frati è quasi ora di cena e la figlia Chiara corre a prendere gli gnocchi di patate. «Bisogna festeggiare la tradizione di San Martino, oggi» esclama Chiara, mentre sorride. E adesso Roberto, non vede l’ora di uscire e di correre nella sua vicina chiesa di San Paolo, dove collabora. E’ troppo abituato al suo Dio, che non lo ha abbandonato nemmeno un istante. E lui deve ricambiare con la sua grande fede, rimasta inalterata, anzi rafforzata da questa prova. A Roberto, mentre saluta i suoi ospiti, viene in mente una frase che le ha detto un’infermiera mentre era in ospedale «Si vede che lei è una persona speciale e la sua è una grande lezione di vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era - Foto

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Il commesso ruba nel proprio negozio

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

1commento

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

Berceto

Sciacalli a Valbona, rubate le pietre del «Castello»

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

OSPEDALI

La Regione stanzia 56 milioni per la sanità: interventi anche al Maggiore

Università

Reggio, ritardi al test di Psicologia

INCENERITORE

Al coro dei «no» si unisce Franco Maria Ricci

PARMA

Lavori in tangenziale nord: code e rallentamenti in zona aeroporto

1commento

BASSA

Camion stacca un cavo della linea elettrica: intervento dei vigili del fuoco a Zibello

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

25commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

2commenti

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MILANO

Kabobo in carcere lavora e studia l'italiano

4commenti

GRAN BRETAGNA

Spia russa avvelenata: identificati i responsabili, coinvolti diversi russi

SPORT

DAL RITIRO

Rigoni raggiunge la squadra. Fermo Iacoponi, Scozzarella si allena a parte Video

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani