18°

30°

Bullismo

Ragazza picchiata, la madre: «E' ora di fare pace»

Ragazza picchiata, la madre: «E' ora di fare pace»
Ricevi gratis le news
6

Dopo il caso di bullismo tra ragazze al Giordani, parlano le professoresse e la madre della ragazzina che ha subito l'aggressione. «E' ora di fare pace».

Roberto Longoni

La vicenda sta costando molto di più di uno spiegazzato biglietto da cinque euro. Per quella banconota sparita a una quattordicenne in classe si sono scatenati sospetti, rabbie e domande viste come insinuazioni o giudizi. Fino ad arrivare alle minacce e alle botte, in un caso di bullismo al femminile dal lungo strascico. Costa lacrime, preoccupazioni e guai quest'assurda storia: ad almeno due studentesse di prima superiore e alle loro famiglie. E costa fatiche in più e amarezze ai docenti e alla preside di un istituto impegnato a preparare i cittadini di domani oltre che a insegnare.

Ora non è su una delle classiche materie che ci si deve interrogare al Giordani, scuola di frontiera, con i suoi 1.500 studenti provenienti da realtà molto diverse tra loro: per religione, cultura e tradizione (54 le etnie d'origine rappresentate nell'istituto). Ci si deve interrogare su ciò che è accaduto, ed è quanto stanno facendo la preside Lucia Sartori e i docenti, che in questi giorni non hanno mai smesso di parlare con le studentesse e le loro famiglie. «Perché la nostra forza è quella di guardare fino in fondo le difficoltà, per risolverle, fino a trasformarle in opportunità» dice Lucia Ghizzoni, professoressa di italiano oltre che coordinatrice del gruppo dei tutor gapa («i responsabili dell'accompagnamento all'inserimento e al lavoro scolastico di tutti gli alunni delle prime»).

Andare oltre e crescere, senza per questo minimizzare la gravità dell'aggressione a una ragazzina all'uscita di scuola, ma dopo aver visto dalla giusta distanza le cause, per chiudere la questione. «Credo ci siano stati fraintendimenti da ambo le parti - dice Cristina Reda, l'avvocato del foro di Reggio Emilia che difende la quattordicenne -. Ma l'augurio è che questa brutta storia si concluda qui. E' durata fin troppo». Lo stesso concetto espresso dalla mamma della ragazzina: «Desidero solo che mia figlia possa tornare a scuola con la serenità di sempre. Si faccia pace». La donna nei giorni scorsi ha anche avuto un acceso confronto con alcune delle presunte responsabili dell'aggressione. «Mi hanno perfino dato della razzista - scuote il capo -. L'ultima accusa che mi si possa muovere: nemmeno immaginano il sangue che mi scorre nelle vene».

La storia, oltre che controversa, è molto delicata, riguardando minorenni. E, guarda caso, è resa ancora più avvelenata dall'amplificazione dei social network. «Fanno più paura i giudizi su quelli che le botte - sottolinea Rita Sacchetti, docente di italiano - Questi ragazzi non hanno più parole, non hanno più un nome da dare ai loro sentimenti e non si rendono conto della gravità di ciò che scrivono». Mercoledì scorso, durante un'interrogazione, dal portafogli di una studentessa scomparvero cinque euro. La ragazza se ne accorse subito, al ritorno al banco. Il caso venne preso a cuore da una compagna di classe che chiese alle altre se ne sapessero qualcosa. Lei dice di averlo fatto senza insinuare nulla, mentre un'altra, di origini nordafricane, avrebbe preso la domanda come un'accusa.

Il tam tam di facebook e whattsapp fece dilagare la questione: tra gli insulti. La notte non portò per niente consiglio. Il giorno dopo, giovedì, si sarebbe passati al «ti aspetto fuori, con le mie amiche». Oltre i cancelli della scuola - stando a una prima ricostruzione - la quattordicenne sarebbe stata circondata da una quindicina di ragazze, magrebine e italiane. E solo il deciso intervento di una studentessa marocchina l'avrebbe liberata da quel cerchio stretto attorno a lei (dopo che le erano state messe le mani al collo, le era stato sferrato un calcio allo stomaco e le erano stati tirati i capelli).

Pareva finita lì, ma in realtà - stando a quanto denunciato dalla ragazzina - le minacce sono proseguite. Così, il giorno dopo, la quattordicenne, dopo essersi presentata a scuola, si è fatta riaccompagnare a casa a metà mattinata. Sabato non è entrata in classe. A questo punto è scattata la denuncia. «E' da giovedì che parliamo con queste ragazze - sottolinea la vicepreside Enrica Biribicchi -. Entrambe sono passate di qui in lacrime. Siamo alla ricerca di un equilibrio, per chiarire la questione». Magari basterà uno sguardo diverso, quello che sa dare solo chi è davvero forte, per andare oltre. Per arrivare al livello di cui parla la preside. «I ragazzi che arrivano qui, in prima, sono di una fragilità estrema. Ma quando escono, dopo la maturità, sono cresciuti. E' anche questo che ci rende fiere di un lavoro così difficile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Baddi

    17 Dicembre @ 15.14

    La madre non ha proprio niente da invidiare e io essendo del Giordani so la storia in modo diverso!! La ragazza è stata accusata senza alcun motivo!

    Rispondi

  • Biffo

    16 Dicembre @ 15.35

    La madre dell'aggredita ha dovuto, giocoforza, prendere la strada della pacificazione, altrimenti la figlia sarebbe stata perseguitata dalle compagne imbecilli, per tutta la durata della scuola. Le professoresse, poi, hanno solo il timore che l'Istituto perda il suo buon nome.

    Rispondi

  • Oberto

    16 Dicembre @ 12.45

    questa madre ha tutta la mia stima, mentre i genitori di chi ha aggredito si confermano degni dei figli che hanno, dovevano essere i primi a parlare, chiedere scusa a nome dei figli, e dare tutta la loro disponibilità per arrivare a una punizione esemplare ma anche educativa ai loro figli ( servizi sociali, attività di volontariato, etc. etc.)

    Rispondi

  • Vercingetorige

    16 Dicembre @ 12.04

    OKAY ! VOLEMOSE BEN ! Però la signora non scriva un' altra lettera alla "Gazzetta" se succede di nuovo , com' è probabile !

    Rispondi

  • Bastet

    16 Dicembre @ 10.05

    ...si....e le mamme delle delinquenti??? ma come chi non ha colpa porge l'altra guancia....ma le colpevoli????+ e le loro madri,cosa intendono fare? perché fossero le mie figlie,sicuro requisito il cellulare....e il pc te lo dimentichi!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Madonna compie 60 anni. Tre giorni di festa a Marrakesch

compleanno

Madonna compie 60 anni. Tre giorni di festa a Marrakesch

Motoraduno a Lesignano: le foto

FESTE PGN

Motoraduno a Lesignano: le foto

Casa Anthony Bourdain a NY in affitto 14.000 dollari al mese

stati uniti

La casa di Anthony Bourdain a New York in affitto per 14mila dollari al mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Retro-Gusto», pizza e pesce cucinati con passione

CHICHIBIO

«Retro-Gusto», pizza e pesce cucinati con passione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Femminicidio in vacanza, le amiche di Rita: "Ultimamente Paolo era cambiato"

collecchio

Femminicidio in vacanza, le amiche di Rita: "Ultimamente Paolo era cambiato"

L'arresto

Blitz dei carabinieri al distributore: così Zoni è finito in manette

gazzareporter

E il Ferragosto porta l'interconnessione tra Parma e la Tav Foto

3commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

nuoto paralimpico

Giulia Ghiretti, farfalla d'argento nei 100 rana a Dublino

calcio

Gervinho torna in Italia: è a un passo dal Parma. E spunta anche Montolivo

1commento

Mezzani e Sorbolo

I sindaci: «Basta con i tir che passano nei paesi»

CLUB DEI 27

Addio a Umberto Tamburini

Monticelli

Addio a Bruno Medici, «Al Cavalier»

Sangue

Padre Fausto Guerzoni, il recordman delle donazioni

Fidenza

Record di turisti nel 2017

1commento

Baseball

Casanova carica il Parma Clima

12Tg Parma

Val Gardena: 64enne di Madregolo uccide la moglie 60enne. Fermato dai carabinieri a Bolzano Video

GENOVA

Crolla il ponte Morandi sulla A10: 26 morti accertati, ma si cercano molti dispersi, 440 sfollati - Foto Video

Auto accartocciate, centinaia di soccorritori al lavoro. Il viceministro Rixi: "Tutto il ponte sarà demolito"

6commenti

FATTO DEL GIORNO

Collecchio: incredulità in paese per la morte di Rita Pissarotti

noceto

Teneva d'occhio i vicini per andare a rubare assegni dai loro libretti: arrestato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Erdogan e i limiti del sovranismo in economia

di Paolo Ferrandi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

genova

Il sindaco: "Le case sotto il ponte non si possono salvare". Sono 311 le famiglie sfollate Foto

genova

Crollo del ponte, salgono a 39 le vittime: i primi nomi. Si continua a scavare. 632 gli sfollati Video Foto

1commento

SPORT

PONTE CROLLATO

L'ex giocatore del Cagliari Davide Capello tra i sopravvissuti di Genova

FORMULA 1

L'addio di Alonso: non correrà nel Circus nel 2019

SOCIETA'

VERSILIA

Ferragosto: il Comune vieta il vetro alle "dune" di Forte Marmi

CALDO 

Fornelli addio, la lasagna si fa in frigo o col sole

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert